Era stato condannato in primo grado

Condannato per rapina a mano armata, incensurato manduriano viene assolto dopo sette anni

La disavventura di un incensurato assolto in appello con la formula piena

Giudiziaria
Manduria sabato 27 marzo 2021
di La Redazione
Avvocato Alessandro Cavallo
Avvocato Alessandro Cavallo © La Voce di Manduria

Ci son voluti sette anni per convincere della sua innocenza la giustizia che lo aveva accusato e condannato in primo grado per una rapina che non ha mai commesso. La vicenda ha riguardato il manduriano Lemuel D’Amore, di 28 anni, accusato di essere l’autore di una rapina a mano armata compiuta a dicembre del 2014 in una parafarmacia di Francavilla Fontana. Il crimine aveva fruttato mille euro ai due banditi che la sera del 23 dicembre di quell’anno fecero irruzione con il volto coperto da passamontagna e pistola in pungo nell’esercizio commerciale francavillese.   

Per questa rapina il giovane manduriano fu accusato e quindi processato. Al termine del giudizio di primo grado, il tribunale di Brindisi lo condannò alla pena di 3 anni e 2 mesi di reclusione.

Proclamatosi sempre innocente, D'Amore, difeso dall’avvocato Alessandro Cavallo, ha presentato ricorso alla Corte d’appello che il 22 marzo ha annullato la sentenza di condanna assolvendolo con la formula piena «per non aver commesso il fatto».

La corte ha accolto la tesi difensiva dell’avvocato Cavallo il quale ha dimostrato che il suo assistito il giorno della rapina si era recato a Francavilla ma solo per andare a trovare un suo amico del posto e non per commettere un delitto di tale gravità. È così finito un incubo per il 28 enne manduriano incensurato iniziato il 23 dicembre 2014 e concluso definitivamente il 22 marzo scorso.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Antonio Bertotto ha scritto il 31 marzo 2021 alle 09:38 :

    Complimenti all' avv. Cavallo Alessandro per la sentenza di assoluzione del suo assistito. Rispondi a Antonio Bertotto

  • Marco ha scritto il 27 marzo 2021 alle 16:23 :

    I soldi agli avvocati sono sempre ben spesi...🧟 Rispondi a Marco

  • Gino blaso ha scritto il 27 marzo 2021 alle 16:20 :

    Vorrei fare il giudice... Rispondi a Gino blaso

  • Walter ha scritto il 27 marzo 2021 alle 10:20 :

    E io pagooo..... Rispondi a Walter

  • Alberto Altamura ha scritto il 27 marzo 2021 alle 07:33 :

    È soltanto vergognoso. La nostra è davvero una giustizia malata! Leggere queste cose fa stare male. Come ci si può fidare di una simile giustizia che, in tempi moderni, conserva ancora tratti medioevali e puramente inquisitori? Chi ripagherà ora questo giovane di tutte le umiliazioni e gli affanni patiti? Il Paese di Cesare Beccaria ne esce a dir poco umiliato e vilipeso. Rispondi a Alberto Altamura