L’obiettivo del progetto era portare a conoscenza degli alunni i principali siti archeologici di Manduria

Scuola, arte e archeologia con studenti e studiosi

Avrà luogo sabato 18 P.v. alle ore 19,00 , nel chiostro del ex Convento degli Agostiniani di Manduria

Cultura
Manduria giovedì 16 maggio 2019
di La Redazione
Agostiniani
Agostiniani © La Voce di Manduria

Avrà luogo sabato 18 P.v. alle ore 19,00 , nel chiostro del ex Convento degli Agostiniani di Manduria la presentazione del progetto di Alternanza Scuola-Lavoro svolto dal Liceo Artistico “Calò”di Manduria e dalla Soprintendenza Archeologica alle Belle Arti e Paesaggio per le Province di Lecce Brindisi e Taranto, guidati rispettivamente dalla D.S. Prof.ssa Brigida Sforza e dalla Soprintendente Dott. Arch. Maria Piccarreta.

L’obiettivo del progetto era portare a conoscenza degli alunni i principali siti archeologici di Manduria e di segnalarli all’ attenzione della cittadinanza e delle istituzioni pubbliche presenti sul territorio, mediante la creazione di pannelli che, realizzati graficamente dagli alunni, potessero accompagnare il percorso che si snoda all’interno del centro storico.

A vent’anni dalla scoperta della sepoltura monumentale messa in luce e attualmente visibile all’interno dell’Ospedale Giannuzzi, si è colta l’occasione di segnalare l’importanza del rinvenimento, attraverso la creazione di un grande e vivace pannello, che sarà posto all’interno dello spazio preservato.

Interamente realizzato dai ragazzi che hanno preso parte al progetto, sotto la guida della sig.ra Dora Zampa, funzionario della Soprintendenza e dei professori del Liceo, col supporto del Geometra Cosimo Buccoliero,il pannello aiuterà a trasmettere l’emozione del ritrovamento e a creare un punto di interesse e di curiosità per lo spazio preservato, in ragione della finalità istituzionale della Soprintendenza, chiamata a tutelare, valorizzare e rendere fruibile il patrimonio archeologico.

Nella serata di sabato, alla cui organizzazione ha collaborato l’Archeoclub di Manduria, verrà quindi illustrato il progetto, esempio virtuoso di sinergia tra il mondo della scuola e le strutture periferiche del Ministero dei Beni Culturali, che si completerà con l’affissione di questo e di altri due pannelli, finanziati questi ultimi dal dott. Luciano Luparelli, che segnalano altre emergenze archeologiche, in vista di una possibile modalità di fruizione dei beni e del loro inserimento in un percorso di visita.

Relazioneranno, per la Soprintendenza, la Dott.ssa Laura Masiello, Funzionario archeologo responsabile del territorio di Manduria, e la Sig.ra Dora Zampa, Funzionario per le tecnologie; per il Liceo, il Prof. Ciro Buccoliero ,la Prof.ssa Cristina Perrone e la Prof.ssa Assunta Marra (responsabile della sede manduriana del Liceo), tutor del progetto.

In occasione dell’evento, il Museo archeologico presso l’ex Convento degli Agostiniani, resterà aperto dalle ore 18,00 alle ore 21,00, grazie alla collaborazione del personale in servizio presso la sede (Graziella Attolino, Maria Luisa Merolli, Michele Prudenzano, Giovanni Malagnino).

La cittadinanza è invitata a partecipare numerosa a questa iniziativa, finalizzata a mettere in luce una delle tante emergenze archeologiche presenti sul territorio di Manduria.

Lascia il tuo commento
commenti