A cura di Archeoclub

Dante al Parco Archeologico di Manduria a cura di Archeoclub

Nell’affascinante cornice del Parco Archeologico, sabato 24 luglio

Cultura
Manduria giovedì 22 luglio 2021
di La Redazione
Dante
Dante © La Voce di Manduria

Com’è cambiata la politica italiana in 700 anni? Nell’ambito delle celebrazioni dantesche l’Archeoclub di Manduria propone una riflessione su questo tema da una diversa prospettiva: il confronto con alcuni canti della Commedia.

L’Italia del ‘300 con i suoi conflitti esasperati, l’eccessiva frammentazione, i capovolgimenti improvvisi, la corruzione, che impediscono ai cittadini di seguire la retta via, è così diversa dall’Italia di oggi? Nell’affascinante cornice del Parco Archeologico, sabato 24 luglio, risuoneranno ancora le parole del Sommo Poeta, con la voce di Giuseppe Gelo e il commento di Maria Rosaria Dinoi. Contribuiranno al fascino della serata gli intermezzi musicali alla chitarra eseguiti dal Maestro Ezio Scarciglia.

Lascia il tuo commento. (Quelli con indirizzo email falso non saranno pubblicati)
commenti
I commenti degli utenti
  • Domenico ha scritto il 23 luglio 2021 alle 05:59 :

    Un argomento accattivante per un "Cittadino" illustre e di successo anche nel suo tempo, amato, adulato e assediato da postulanti, odiato e osteggiato da avversari e detrattori. La sua storia ci restituisce un grande uomo, sicuramente protagonista partecipe e consapevole della vita civile, culturale e politica, ricco di indomabile amore per la libertà, capace di rischiose scelte coerenti. Oggi, e particolarmente a Manduria, sarebbe un personaggio coinvolto nella fuga dei cervelli, sostenuto e apprezzato da una minoranza sparuta, ma asfissiato e costretto all'esilio da potentati incolti, invidiosi, rancorosi, di spessore infimo ma estremamente contagiosi. Spero di poter assistere allo spettacolo, confidando nella cura attenta del delicato tema e sperando in una replica successiva. Rispondi a Domenico