Il cineasta romano ha incontrato anche l'avvocato Bullo

Il regista Munzi a Manduria con Di Monopoli pensando a futuri sviluppi cinematografici

Per una collaborazione ancora top secret

Cultura
Manduria martedì 02 marzo 2021
di La Redazione
Mouri, Francesco Munzi, Omar Di Monopoli
Mouri, Francesco Munzi, Omar Di Monopoli © La Voce

Giunto in Puglia per una collaborazione ancora top secret con lo scrittore Omar Di Monopoli, il pluripremiato regista Francesco Munzi ha visitato nei giorni scorsi la città di Manduria.

Il cineasta romano, cui si deve la serie Sky “Il Miracolo” (scritta e co-diretta da Niccolò Ammaniti) ma soprattutto il film “Anime Nere” (9 David di Donatello e tre Nastri d’Argento a Venezia tra i mille riconoscimenti ottenuti nel mondo), ha effettuato un primo giro di ricognizione del paesaggio messapico venendo a contatto, in vista di futuri sviluppi televisivi e cinematografici, con alcune realtà del territorio.

Tra le personalità interpellate in questo breve tour il rapper Mouri (al secolo Carlalberto Duggento) e l’avvocato Lorenzo Bullo con cui il regista ha intrattenuto una serie di colloqui informali sulle dinamiche sociali e culturali della zona. Nelle prossime settimane saranno resi pubblici i progetti cui sta lavorando con Omar DI Monopoli, quest’ultimo al momento impegnato anche in una ridda di iniziative editoriali di imminente pubblicazione (come l’uscita in Spagna dei suoi romanzi) e alcuni corsi per la scuola Holden di Torino.

(Nota stampa di Omar Di Monopoli)

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Realtà ha scritto il 03 marzo 2021 alle 23:32 :

    Pubblicità a tutto spiano....capite capite..... Rispondi a Realtà

  • Marco ha scritto il 02 marzo 2021 alle 21:49 :

    A parte la scarpa premuta sul muro ultra secolare della cattedrale perché non ingaggiare il bullo come attore non protagonista???? Attore... Rispondi a Marco

  • Egidio Pertoso ha scritto il 02 marzo 2021 alle 19:39 :

    E' il regista del film "Anime nere"? Forse sara' venuto qui a Manduria per trovare ispirazione per il suo prossimo film " Le anime morte", tratto da un opera del russo Gogol. Rispondi a Egidio Pertoso