Martedì, 25 Giugno 2024

Giudiziaria

L'attentato a danno di un avvocato di Fragagnano

Presunto piromane manduriano, assolto e condannato, la Cassazione rinvia a nuovo processo

Tribunale Tribunale

La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio alla Corte d’appello, in diversa composizione, la condanna di secondo grado nei confronti di un manduriano, D.B. di 36 anni, accusato e finito sotto processo di aver incendiato uno pneumatico danneggiando la porta d’ingresso dello studio di un avvocato di Fragagnano. Con lui era stato condannato un 48enne del posto ritenuto suo complice. Ha difeso gli imputati l'avvocato Antonio Liagi.

I fatti per i quali si è svolto il processo, sono avvenuti a luglio del 2018. Quella notte, intorno alle 2,20, degli sconosciuti diedero fuoco ad un copertone d’auto a scopo evidentemente intimidatorio nei confronti dell'avvocato che presentò denuncia contro ignoti. Una telecamera di sorveglianza riprese due uomini passare una prima volta portando con loro una grossa busta ritenuta contenere lo pneumatico e tornare subito dopo a mani vuote. Le immagini furono acquisite dai carabinieri che riconobbero il manduriano mentre l’altro aveva il volto coperto e quindi irriconoscibile. Sentito dai carabinieri, il 36enne ammise di essere stato effettivamente nei pressi dello studio preso di mira dai piromani. Indagati e rinviati a giudizio, i due furono assolti con il rito abbreviato perché le indagini difensive avevano dimostrato che le immagini della telecamera che li incastrerebbe, risalivano a due ore prima la commissione del delitto.

Contro l’assoluzione si era opposto l’avvocato preso di mira e la Corte d’appello, con sentenza emessa a luglio del 2022, riformò quella di primo grado condannando i due imputati. I giudici supremi, definitivamente espressi, hanno annullato la sentenza di condanna co rinvio per un nuovo giudizio alla Corte d’appello di Lecce, sezione distaccata di Taranto.

Gli ermellini hanno sostenuto che «non si comprende come il giudice (di secondo grado, ndr) abbia risolto la discrasia tra l'orario del passaggio dei due imputati indicato dalla telecamera di sicurezza e l'orario in cui è avvenuto il reato, e se in particolare il giudice abbia ritenuto - in modo che resta legittimo, se sorretto da motivazione logica - che in realtà, anche se non vi era stato un accertamento di polizia sul punto, la telecamera di sicurezza dovesse necessariamente contenere un errore nella impostazione dell'orario». La causa sarà materia di dibattimento in appello.

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

2 commenti

  • Marco
    gio 22 giugno 2023 03:44 rispondi a Marco

    Non sto dicendo mica che di sono vendicati contro l' avvocato disonesto... 🧟‍♂️

  • Egidio Pertoso
    gio 22 giugno 2023 08:35 rispondi a Egidio Pertoso

    Quando si fanno queste cose è bene sempre filmarsi, come fanno i youtuber e postare in rete. Si avrà, così, la documentazione, anche probatoria, di quello che si fa con gran talento.

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 25 giugno

Da più di un anno l’Unità Pastorale di Avetrana ha avviato un processo di 'ri-fondazione' della Caritas, ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 25 giugno

“Go around Manduria” è la nuova App per gli utenti del territorio del DUC (Distretto Urbano del Commercio) di Manduria. Una mobile app che offre ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 25 giugno

Viene da Gioia del Colle il Primitivo da collezione più caro messo in vendita sul sito d’aste Ebay. Prezzi alti anche per due Primitivi ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 25 giugno

Oggi i promotori del «Comitato di salvaguardia del Primitivo di Manduria» chiama nuovamente a raccolta gli addetti ai lavori del vino ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 25 giugno

L’Archeoclub Manduria ha inviato agli assessori e consiglieri comunali manduriani l’esito della tavola rotonda ...

Delitto del cavalcavia, in aula "la morte in diretta" di Natale Naser Bahtijiari
La Redazione - dom 14 aprile

Nella corte d’assise del Tribunale di Taranto l'altro ieri sono state le urla di dolore e i rantoli di morte le protagoniste della quinta udienza del processo sull’uccisione di Natale Naser Bahtijiari, il ...

Trasferimento illegittimo, infermiera vince in Tibunale
La Redazione - mar 16 aprile

Il Tribunale di Taranto ha accolto il ricorso presentato da un’infermiera manduriana in servizio al distretto sanitario di via per Uggiano che contestava l’illegittimo trasferimento in un ambulatorio dello stesso distretto ma situato ...

Delitto del cavalcavia, il gestore del Bunker patteggia la pena
La Redazione - mer 17 aprile

Prima condanna per patteggiamento tra gli imputati coinvolti nel delitto del giovane leccese di etnia rom, Natale Naser Bahtijari, di 21 anni, ucciso nella notte tra il 22 e il 23 febbraio scorso e gettato nella scarpata di un ponte ...