Giovedì, 23 Maggio 2024

Giudiziaria

In aula il medico legale che ha eseguito l’autopsia sul rom leccese ucciso a Manduria

Omicidio del cavalcavia: una sola la pugnalata mortale

Tribunale di Taranto Tribunale di Taranto

Quarta udienza ieri nella corte d’assise ieri dove si svolge il processo sull’uccisione di Natale Naser Bahtijiari, il ventunenne leccese di etnia rom ucciso e gettato in un dirupo a Manduria nella notte tra il 22 e il 23 febbraio dello scorso anno.

Nell’aula Alessandrini del Tribunale di Taranto erano presenti, collegati in videoconferenza dai rispettivi penitenziari dove sono detenuti, i tre imputati manduriani, Vincenzo Antonio D’Amicis di 21 anni, (difeso dagli avvocati Lorenzo Bullo e Massimo Chiusolo) e Domenico D’Oria Palma e Simone Dinoi, entrambi di 24 anni (difesi dagli avvocati Franz Pesare e Armando Pasanisi), che devono rispondere di omicidio in concorso con una serie di aggravanti tra cui la crudeltà e il metodo mafioso e poi di tentata soppressione o distruzione di cadavere con il fuoco. Proposito questo non portato a termine per la irreperibilità, dovuta al buio, del corpo della vittima che rotolando dal cavalcavia fu coperto dalla vegetazione.

A prendere la parola ieri, rispondendo ai magistrati e agli avvocati della difesa e delle parti civili, è stata la dottoressa Liliana Innamorato, medico legale che ha eseguito l’autopsia sul copro della vittima. La specialista, consulente della pubblica accusa, ha detto che solo una delle oltre venti ferite diffuse su tutto il corpo è risultata mortale per Natale Naser Bahtijiari.

Rispondendo ai difensori di D’Oria Palma e Dinoi, la dottoressa Innamorato ha dichiarato che la ferita risultata poi fatale, inferta al torace con un coltello che non è stato mai trovato, ha causato lesioni agli organi interni e una emorragia che ha provocato la morte in un tempo compreso tra i 15 e i 40 minuti. Un particolare importante che scandisce meglio i tempi dei ferimenti del giovane avvenuti in tre momenti e punti differenti della città messapica. Il primo consumato all’interno del pub del centro storico di Manduria dove Bahtijiari si appartò con D’Amicis e D’Oria Palma per regolare i conti di un mancato pagamento, da parte dei due manduriani, di una partita di cocaina fornita dal fratello maggiore del ventunenne leccese, già condannato per questo a 4 anni di reclusione con il rito abbreviato. I tre erano stati poi raggiunti dal terzo imputato, Dinoi, il quale, secondo la ricostruzione dell’accusa rappresentata dal pubblico ministero dell’antimafia leccese, Milto Stefano De Nozza, avrebbe preso parte ad una seconda aggressione avvenuta in una zona isolata alla periferia del paese ed alla terza su un cavalcavia che sovrasta la strada incompiuta Bradanico-Salentina dove il corpo fu lasciato con l'intento, poi saltato, di cospargerlo di benzina e dargli fuoco. 

La prossima udienza si terrà il 12 aprile con l’ascolto del perito che ha trascritto le intercettazioni di quella notte e di altre captate in casa del 64enne Vincenzo Stranieri, ex boss della sacra corona unita detto “stellina”, nonno di D’Amicis, anche lui imputato nello stesso processo per rispondere di rapina. Con il  nipote avrebbe sottratto l’auto alle due amiche del giovane rom che lo avevano accompagnato a Manduria. 

Nazareno Dinoi

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Nuova bufera in vista nel Consorzio di tutela del Primitivo di Manduria alla vigila del rinnovo delle cariche. La nube minacciosa ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Nel 2011 il comune di Manduria aveva ottenuto un finanziamento di 500mila euro per il palazzetto dello sport. Provvidenze che ha poi perso ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L'appello del newyorkese Don Thornot che ha scritto al nostro giornale in cerca di notizie sul suo antenato Ferdinando De Grassi ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L’Ufficio servizi legali del comune di Manduria ha emesso un’ordinanza di sgombero nei confronti dell’unico ambulante ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Si è riunito ieri alla presenza del coordinatore provinciale, onorevole Vito De Palma e del vice coordinatore, il consigliere ...

“Acquista da me o ti mando la Finanza”, imprenditore assolto
La Redazione - mer 14 febbraio

E’ finita con un’assoluzione piena il processo a carico di un imprenditore savese del settore energia finito sotto inchiesta dalla Procura della Repubblica di Taranto per i reati di tentata estorsione e porto abusivo di arma da ...

Lettere e chat di fuoco alla sua ex che lo denuncia: imprenditore assolto dopo 5 anni di processo
La Redazione - sab 17 febbraio

Una relazione extraconiugale finita male tra due persone adulte. Conclusa peggio in tribunale dove l’uomo, un imprenditore di Avetrana oggi settantunenne, è stato trascinato dalla sua ex, separata ...

Sorvegliato speciale manduriano non si era fatto trovare in casa, assolto perché il fatto non sussiste
La Redazione - dom 25 febbraio

Sottoposto a regime di sorveglianza speciale, un manduriano di 40 anni, B. C. , non aveva risposto al citofono agli agenti di polizia che di notte erano passati per un controllo azionando inutilmente ...