Domenica, 2 Ottobre 2022

Politica

Breccia chiede un consiglio comunale monotematico

“L’ampliamento della discarica finirà in Parlamento”

Mimmo Breccia Mimmo Breccia © La Voce di Manduria

“L’ampliamento della discarica finirà in Parlamento”

Breccia chiede un consiglio comunale monotematico

 

 

 

La vicenda della richiesta di ampliamento della discarica di rifiuti gestita da Manduriambiente finirà in Parlamento. A riferirlo è il consigliere comunale manduriano Mimmo Breccia che comunica di aver avuto l’impegno ufficiale da parte del senatore di Italexit Gianluigi Paragone di una interrogazione parlamentare sul tema.

«Pecoraro si conferma essere il sindaco delle discariche e di questa in particolare», dichiara Breccia. Che aggiunge: «è stato lui a gestire la gara per la concessione e non vorrei fosse ancora lui a mantenere la promessa di farla durare sino al 2037; Dimostri che non è vero – aggiunge il consigliere eletto con il movimento Manduria Noscia - convocando un consiglio monotematico contro questa iattura per i manduriani. Per il depuratore gli assessori sono andati a visitare le acque limpide di un altro impianto a Gioia del Colle, organizzassero ora un viaggio con tutto il consiglio comunale e i cittadini che lo vorranno per andare a manifestare sotto la sede della Regione Puglia a Bari, anche a ferragosto se occorre, propone Breccia che è stato l’unico finora ad essersi pronunciato sulla vicenda. Nelle sue dichiarazioni Breccia richiama e “sfida” anche gli altri partiti: «tutti i partiti, di maggioranza e di opposizione – dice - impegnino i propri referenti nel consiglio regionale e in Parlamento per bloccare la Valutazione integrata ambientale presentata da Manduriambiente».

Effettivamente, anche dopo la pubblicazione dei documenti che attestano nero su bianco la richiesta di ampliamente della discarica manduriana di ben 15 metri in altezza, utili a contenere 400mila metri cubi di spazzatura proveniente da ogni parte della Puglia, su Manduria è calato il solito manto di silenzi che ormai caratterizza da troppi anni tutte le questioni ambientali che impattano sul territorio messapico. Nessun partito, nessuna associazione, nessun ambientalista, nessuna realtà del civismo messapico ha ritenuto finora spendere neanche una parola sul progetto presentato da Manduriambiente. Le questioni ambientali, quelle serie almeno così come in generale le questioni di salute pubblica, sembrano proprio essere qualcosa di poco interessante per la politica manduriana.

Gabrio Distratis


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

9 commenti

  • Antonio
    dom 10 luglio 17:39 rispondi a Antonio

    Qualcuno deve intervenire per bloccare questi sciagurati che continuano ancora a condannare la nostra cittadina ad una sorte infausta.Vivo e risiedo a Manduria sulla circonvallazione per cui osservo quotidianamente il transito dei tir che trasportano i rifiuti sia solidi che .liquidi lasciando dietro di sé una scia maleodorante.Si subisce una beffa perché accettando i rifiuti dei comuni vicini e non della intera Puglia non si controlla in che modo avviene questo andazzo.Allora no all'ampliamento della discarica.Concludo dicendo che ho letto sul Sole 24 Ore che sono arrivati in Puglia e forse a Manduria rifiuti trattati da Roma e dal Lazio.Il marciume continua

  • Realtà
    dom 10 luglio 13:48 rispondi a Realtà

    Ma non si doveva far mettere un divieto di sosta ad un certo....punto....do via sant antonio? O tieni paura mo?

  • cittadino
    sab 9 luglio 14:11 rispondi a cittadino

    Se ci si mette in mezzo paragone allora la discarica è cosa fatta.

  • Giancarlo
    sab 9 luglio 13:28 rispondi a Giancarlo

    Condivio in pieno l'amara conclusione dell'autore, Gabrio, ed apprezzo l'operato di Breccia sulla vicenda (e quanto mio costa sapere che ci dobbiamo affidare a Paragone per avere ascolto). Con o senza l'aiuto del Comune, è il caso di manifestare e bloccare questo sciagurato tentativo. Davvero i politici di maggioranza ed opposizione, i vari presidenti di associazioni ambientaliste, credono di fare una bella figura col loro silenzio, che stride alquanto con la loro loquacità su cose molto meno importanti? Allora è vero che sono collusi, e che sono in quel ruolo solo per difendere interessi personali!

  • Walter
    sab 9 luglio 11:33 rispondi a Walter

    Il cambiamento promesso si avvera..!!!

  • Gregorio
    sab 9 luglio 11:24 rispondi a Gregorio

    Ma non è che ci saranno i corrotti.. Opinione

  • Lorenzo marina
    sab 9 luglio 09:41 rispondi a Lorenzo marina

    Ottima iniziativa anche se i giochi son già fatti. A mio avviso sui rifiuti esiste uno schieramento trasversale partitico come per il depuratore di Urmo. Però forse se si tocca la coda a chi produce vino ( non al Consorzio, sempre chini) noto personaggio politico/televisivo, forse qualcosa la si ottiene. Per dare una fine alle autorizzazioni per le discariche, da anni si doveva costruire politicamente il parco agricolo del Primitivo ponendo dei paletti ambientali seri. Ma qui entriamo nel XXI secolo e Manduria è rimasta al XX sindaco, presidente del consiglio comunale e giunta compresi. Infatti gli intelligenti hanno mollato. Opinioni

  • Manduriano
    sab 9 luglio 09:22 rispondi a Manduriano

    Per fortuna che c'è qualcuno che AMA MANDURIA, menomale che c'è Breccia, l'unico, che sempre smuove la “melma”, che ci tiene alla salute dei cittadini, anche di quelli che hanno votato il sindaco dei marciapiedi e delle discariche. È sconvolgente il silenzio dei componenti della minoranza, si, perché quelli della maggioranza hanno ordini ben precisi su tutto, non sono liberi di esprimere il proprio pensiero, purtroppo, anche su temi della salute, quali la discarica, eppure molti di loro hanno bambini piccoli. Questo sindaco (e fedelissimi) davvero sta deludendo su tutto, ma sulle cose che riguardano la salute e l'ambiente si fa fatica a pensare come non dice una parola per informare i cittadini. Un po' come i casi Covid, a Manduria tutto top secret, al contrario di altre città, eppure un sindaco ha obbligo di informare i propri cittadini. Ben venga un consiglio monotematico.

  • osservatore
    sab 9 luglio 08:04 rispondi a osservatore

    che pecoroni i politici manduriani e l'opposizione poi.....NO COMMENT!!!!....che tristezza!

Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 2 ottobre

Con una recente sentenza il Giudice di Pace di Lecce ha accolto il ricorso di un automobilista manduriano che si era visto contestare ...

Tutte le news
La Redazione - sab 1 ottobre

Lei di Manduria, lui di Torricella. Teresa Dimonopoli e Yari Motolese sono i loro nomi e questa sera ...

Tutte le news
La Redazione - sab 1 ottobre

I vigili urbani di Manduria hanno circoscritto con il nastro un tratto di marciapiede di via Salvatore Gigli per impedire il passaggio pedonale ...

Tutte le news Tutte le news
La Redazione - sab 1 ottobre

Il sindaco di Manduria, Gregorio Pecoraro, ha pubblicato ieri sul suo profilo Facebook il video della polizia locale che riprende le scene di 8 “sporcaccioni” ...

Tutte le news
La Redazione - sab 1 ottobre

Il Comune di Manduria è chiamato ad esprimersi sulla realizzazione di un mega impianto fotovoltaico di circa 30 ettari ...

Giunta Pecoraro, scarso rendimento: a settembre solo 22 delibere
La Redazione - sab 24 settembre

Dopo il fermo “biologico” dell’estate, nel corso della quale il governo Pecoraro si è distratto con i grandi eventi di spettacolo costati all’incirca 140mila euro (bilancio ancora provvisorio), il 7 settembre ...

Bullo si separa da Mariggiò: «a lui l'onore del contenitore e speriamo non puzzi di naftalina»
La Redazione - dom 25 settembre

Il consigliere comunale di minoranza al comune di Manduria, Lorenzo Bullo, ha dichiarato l’indipendenza dal gruppo consiliare che porta il suo nome, «Progetto Manduria con Bullo sindaco». ...

Affluenza al voto a Manduria e nei comuni della provincia, rilevazione delle 12
La Redazione - dom 25 settembre

Alle ore 12 di oggi i manduriani che si sono recati al voto sono stati il 15,70 degli aventi diritto al voto. Le sezioni dove si è votato di più sono state la numero 28 e la 13 dove avevano votato rispettivamente ...