Venerdì, 12 Agosto 2022

Attualità

Incredibile offesa in diretta nazionale su Rai Uno

Infelice affermazione di Enrica Bonaccorti sui manduriani Primitivi come il vino (L'audio)

La puntata di ieri La puntata di ieri | © La Voce Di Manduria

Mentre il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria è concentrato a bacchettare una appassionata di cucina che sbaglia l’etichetta di un Primitivo dolce naturale (lo ha definito Doc anziché Docg) chiedendo la rettifica della video-ricetta pubblicata sulla pagina Facebook del nostro giornale, al distratto CdA dell’organismo consortile gli sfugge un’affermazione sul Primitivo, quella sì, a nostro avviso, davvero censurabile, diffusa a livello nazionale su Rai Uno.

È quella della conduttrice televisiva Enrica Bonaccorti all’interno della puntata andata in onda ieri del programma “Storie italiane”, dedicata all’ospite Anna Giuliano, la scrittrice dell’eros di Uggiano Montefusco che in diretta tv ha palesato le continue vessazioni che riceve all’interno del suo paesino e che da anni la costringono a barricarsi in casa.

«Devi uscire invece, andare in piazza e fare lo struscio e inalberare un bel sorriso», ha detto la Bonaccorti interrompendo la scrittrice. «Io ce l’ho una risposta – ha continuato - perché accade tutto questo lì. Perché: come si chiama il vino di Manduria? Il Primitivo! Quindi, forse, c’è un collegamento», collegando il nome del pregiato vitigno alla presunta arretratezza del popolo dove si produce.

Una caduta di stile a dir poco vergognosa e non una semplice gaffe alla Giurato. È, infatti, immediata e ragionevole la risposta della giornalista e conduttrice del programma dell’emittente pubblica Eleonora Daniele: «Enrica, perdonami, non si può fare di un filo d'erba un fascio. Non si scherza su queste cose. Mi sono anche occupata con Linea Verde – il programma di Rai Uno che racconta l’agricoltura italiana e le sue eccellenze - di tante produzioni enogastronomiche e soprattutto di produzioni di vini e di tanta gente, contadini perbene che lavorano». Si difende poi la Buonarroti mettendo una toppa che è peggio del buco: «Gli ho fatto pubblicità e l’ho anche esaltato. Era una battuta, ha pure riso Alessandro», (il giornalista Cecchi Paone).

Quella della nota showgirl è stata una mirata e generalizzata offesa per tutti i cittadini di Manduria. All’interno di un programma in cui si raccontano storie di abusi, femminicidi e maltrattamenti, la Bonaccorti, questa storica signora della televisione italiana, ha deciso di sbeffeggiare con tono naif i manduriani. Tutti indistintamente, definendoli preistorici e beceri. Forse si è lasciata trascinare da un impulso improvviso. Non ci ha pensato due volte a quello che stava per dire offendendo apertamente più di 30mila abitanti e un vino, pregiato e rinomato in tutto il mondo che non ha bisogno, fortunatamente, di farsi pubblicità in contesti e con paragoni davvero di bassa portata. Non è forse questo, un comportamento primitivo? Almeno Luca Giurato ci faceva ridere. (Ascolta l'audio)

Marzia Baldari


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

38 commenti

  • antonio dinoi
    mer 5 gennaio 14:46 rispondi a antonio dinoi

    giustissima la vostra risposta alla Bonaccorti

  • Sara
    lun 27 dicembre 2021 12:09 rispondi a Sara

    Signora Anna, io cercherei il problema altrove perché la città di Manduria di persone che scrivono libri ne ha, e anche tanti e non è lei la prima. Quindi il fatto che gente ignorante come la Bonaccorti esista anche a Manduria non mi meraviglia. Se lei è sicura di ciò che fa, a testa alta prosegua come le centinaia di persone che scrivono libri. Nel frattempo invito la signora Bonaccorti verso la fine di Agosto a venire a Manduria a vendemmiare magari insieme a lei, così le insegnerà quanta valore hanno le mani di chi per produrre il vino primitivo si spezza la schiena Non valgono tutti i libri del mondo quanto il lavoro di un contadino.Buona vita signora Anna e scelga posti migliori per farsi pubblicità perché per me è stata offesa Manduria solo per pubblicizzare un libro come tanti altri

  • Giuseppina Massafra
    gio 23 dicembre 2021 12:02 rispondi a Giuseppina Massafra

    Ciao Anna non ci conosciamo e non ho letto il tuo libro ma hai fatto bene a parlare di EROS illustre sconosciuto. Devi sorridere dei trogloditi che pure esistono ed essere contenta di essere diversa da loro Un sincero in bocca al lupo

  • Nicola
    gio 23 dicembre 2021 08:32 rispondi a Nicola

    Purtroppo qua esiste una tradizione ben radicata nella maggioranza delle persone del: CHE ME NE FOTTE.

  • Salvatore
    gio 23 dicembre 2021 07:33 rispondi a Salvatore

    Ho letto i vari commenti. Credo che la Bonaccorti al cittadino manduriano.

  • Anna Giuliano
    gio 23 dicembre 2021 07:28 rispondi a Anna Giuliano

    Buongiorno sono Anna Giuliano colei che ha involontariamente scatenato tutto questo. Ho trovato inopportuno le parole della signora Bonaccorti assolutamente, infatti ho ribadito più volte che nella mia odissea malsana Manduria mi è molto e ripeto molto solidare a differenza di Uggiano Montefusco dove purtroppo sono massacrata! Dico fine più solo un chilometro separa le due comunità ma Manduria non è paragonabile al mio paese bigotto e spero presto di potermi trasferire proprio a Manduria per il semplice motivo che mi sento libera di respirare quello che la mia essenza come donna e come scrittrice.

    • gerardo
      sab 25 dicembre 2021 07:10 rispondi a gerardo

      Brava Anna !!!

    • Mario Fortunato
      gio 23 dicembre 2021 12:49 rispondi a Mario Fortunato

      Le auguro di trovarsi meglio nella nuova residenza.. Purtroppo il mondo, in genere, è pieno di ignoranti e cafoni! Le auguro un in bocca al lupo per il futuro.

      • Maria
        gio 23 dicembre 2021 01:39 rispondi a Maria

        Caro signore quel genere di persone ci sono ovunque,smettetela di pensare che ci siano solo al sud perché ho avuto modo di constatare il contrario personalmente

        • Lorenzo
          ven 24 dicembre 2021 02:49

          Forse erano emigrati del sud, abitanti al nord? Perché guardi, questa storia nord/sud nel 2021 la dice lunga su come siamo messi male in Italia. La politica scialba vive grazie alla divisione nord/sud. Tuttavia a Manduria ancora non si capisce in quale sud si è precipitati. Basta guardare intorno e capire. Non me ne voglia e ben lungi da me offendere il suo orgoglio. Un saluto ??

    • Pietro Sicara
      gio 23 dicembre 2021 10:45 rispondi a Pietro Sicara

      Buongiorno signora Giuliano, vivo anche io ad Uggiano, le manifesto il mio dispiacere per i commenti incresciosi, le sono solidale, ma devo altresì constatare che non esiste un paese più o meno bigotto, sono le persone che lo sono, in qualsiasi paese. Ne avrà incontrate di più per sua sfortuna, ma non etichetti, lo dico in difesa di chi bigotto non è eppure vive ad Uggiano...

    • Lorenzo
      gio 23 dicembre 2021 10:22 rispondi a Lorenzo

      Gentilissima, pur non conoscendola e non averletto i suoi libri, le consiglio, conoscendo " vagamente" la mentalità di Manduria City, un trasferimento definitivo alla Marina. Luogo incantevole, pochi ficcanaso e l' unico aspetto che le farebbe capire di essere sul territorio comunale di Manduria è il sistema di smaltimento rifiuti, molto simile alla cultura bigotto/medioevale. L' aspettiamo. Opinione

  • Schito irene
    gio 23 dicembre 2021 01:10 rispondi a Schito irene

    Pienamente d'accordo Ha detto solo la verità.....mentalità primitiva

  • Cricoriu
    mer 22 dicembre 2021 09:14 rispondi a Cricoriu

    Detto da una ligure poi.... lascia il tempo che trova

  • Fernando Maria Maurizio Potenza
    mer 22 dicembre 2021 08:11 rispondi a Fernando Maria Maurizio Potenza

    Concordo con Lorenzo, Facciamoci invece un'esame di coscienza per tutto quello che non va in questa Città. L'orgoglio, quello buono, è una emozione che ancora non possiamo permetterci.

  • franco Mele
    mer 22 dicembre 2021 07:58 rispondi a franco Mele

    e brave le cucquace! sono riuscite a farsi conoscere a livello nazionale. la colpa non è derto della Buonaccorti, casomai delle cucquace stesse. far passare per primitivi i manduriani, che hanno una storia millenaria alle spalle è troppo! questi signori e signore (sic!) che si scandalizzano per degli scritti e, poi, si danno da fare in privato. mia nonna mi raccontava che "intra li uerti" vi era di tutto. altro che romanzi!

  • Massimo De Santis
    mer 22 dicembre 2021 07:44 rispondi a Massimo De Santis

    Caduta di stile imperdonabile, ... è come definirti " TACCAGNA ", sol perchè sei " LIGURE ". Profondamente sbagliato, sempre,( se non offensivo, alcune volte ) affibbiare " etichette " o " stereotipi ", generalizzati. Un sincero invito, da parte dei Primitivi : " ENRICA BBACCORCHITI ".

  • Osvaldo
    mer 22 dicembre 2021 06:54 rispondi a Osvaldo

    non vedo una offesa per il primitivo, caso mai di infelice potrebbe essere la similitudine tra l'aggettivo primitivo e i manduriani. Ma facendo le opportune distinzioni i primitivi a Manduria sono di due specie: una è il vino, l'altra una parte degli umani che per caso vivono a Manduria, ma potevano vivere al caldo delle caverne.

  • Vincenzo
    mer 22 dicembre 2021 06:28 rispondi a Vincenzo

    Alcuni anni fa, prima che lo sconforto scalzasse la resilienza, in uno scritto indirizzato all'amministrazione comunale, sullo stato di degrado in cui versava l'intero territorio, così concludevo: affinché la terra del primitivo (come riportava una indicazione turistica) non debba essere ricondotta alla terra dei Primitivi. Ovviamente, si trattava di provocazione che, se esaminata appropriatamente, avrebbe dovuto suscitare non lo sdegno, ma gli interventi atti a porre rimedio a quanto segnalavo e lamentavo. Nessuna risposta è stata formulata alla raccomandata A.R.. Nessun cambiamento migliorativo è stato posto in essere. Al peggio non c'è mai fine? Non prendiamocela se poi, incautamente, si fanno certe affermazioni. Colgo l'occasione per esprimere vicinanza alla scrittrice.

  • Lorenzo
    mer 22 dicembre 2021 06:00 rispondi a Lorenzo

    Carissimi voi tutti, orgogliosi...a parole. Prendiamo casualmente, un cittadino del nord Europa ( perché Manduria è in Europa!) che, decide di soggiornare in quel di Manduria. Spinto dai racconti orgogliosi e sublimi di uno/una manduriana/o residente all'estero. Il personaggio felice arriva e girando il territorio nota : rifiuti buttati ovunque, case costruite a metà e abbandonate, mancanza di illuminazione pubblica, scavi archeologici abbandonati, mancanza di acqua potabile e fognature, barriere architettoniche ovunque, palazzi antichi abbandonati, riserve naturali non tutelate, raccolta rifiuti antiquata, ospedale in smantellamento e discariche maleodoranti. Non ha notato tutto tutto, ma un dubbio di essere quantomeno ritornato nel medio evo, lo avrà. Opinioni

    • Pietro Sicara
      gio 23 dicembre 2021 09:04 rispondi a Pietro Sicara

      Ha ragione sig. Lorenzo, invece di offenderci, dovremmo riflettere su noi stessi, sul perché nel 2022 siamo ancora agli albori della civiltà e tanti nemmeno ne vedono i primi raggi. Per questo insisto sul manduriano e non solo sul politico, puntiamo a migliorare noi per primi, così i mediocri non avranno più spazio. Dare la colpa ad altri è solo un alibi e questa città non ha più tempo per trovarne di altri.

      • Lorenzo
        gio 23 dicembre 2021 10:09 rispondi a Lorenzo

        Pur soffrendo. Condivido il suo serio ragionamento.

        • Gregorio
          gio 23 dicembre 2021 02:03

          Finquando si mettono STI (PROFESSIONISTI) ?????? Così si fanno Chiamare

        • Pietro Sicara
          gio 23 dicembre 2021 01:25

          Lo faccia per il Santo Natale...una sofferenza a fin di bene...

  • cittadino
    mer 22 dicembre 2021 05:42 rispondi a cittadino

    Trovo davvero deprimente quello che l'autrice dell'articolo ha opposto alla non felice (ma condivisibile) frase della "simpatica" (!) Bonaccorti non trovando altro argomento per controbattere, se non quello di opporre altre offese evitando di argomentare nei fatti una difficilissima smentita all'infelice espressione della Sig. ra Bonaccorti, pronunciata in un contesto, che non lascia alcuna possibilità di smentita, e chiaramente riferita s chi si macchia di odiosi comportamenti nei riguardi di un'altra persona. C'è poco da offendersi

  • Domenico
    mer 22 dicembre 2021 05:32 rispondi a Domenico

    Non tutti reggono bene la pressione delle telecamere a qualunque età. In certi casi bisogna comprendere e non prendere per oltraggio una generalizzazione inappropriata e poco lucida per una professionista che, nonostante ciò, si cimenta ancora sul piccolo schermo. Brindiamo alla sua salute con un bel calice di Primitivo e cumpiatimula ( ...anche se più di qualche primitivo si aggira nel territorio di Manduria).

  • GD
    mer 22 dicembre 2021 05:22 rispondi a GD

    Ha detto la semplice e pura verità...

  • GD
    mer 22 dicembre 2021 05:19 rispondi a GD

    Ha semplicemente detto la pure verità...

  • Gregorio
    mer 22 dicembre 2021 03:07 rispondi a Gregorio

    Se guardi come siamo messi.. Ha perfettamente RAGIONE

  • Gente che spera
    mer 22 dicembre 2021 01:32 rispondi a Gente che spera

    Cosa ha detto di sbagliato?

    • Angela
      mer 22 dicembre 2021 06:57 rispondi a Angela

      infatti! qui di infelici sono le persone corrette, costrette a vivere con parecchi primitivi.

  • Mario Fortunato
    mer 22 dicembre 2021 01:28 rispondi a Mario Fortunato

    La battuta della Bonaccorti sul vino Primitivo è di sicuro infelice e ingiusta, ma la zona di Manduria è in uno stato pietoso, sporcizia e strade indecenti ovunque! Ma possibile che in una zona famosa per il vino e con un bellissimo mare, non si riesca a sfruttare a pieno il territorio, sfruttandone ed esaltandone la bellezza?? Manduriani e Regione Puglia, andate a vedere le Langhe in Piemonte, terra del Barolo, guardate loro come tengono al territorio, al paesaggio, alla terra e quanto benessere è presente lì. E pensare che non hanno neanche il mare! Come anche nella Regione dello champagne in Francia. Andate a fare un giretto anche lì e prendete spunto.

  • Realtà
    mer 22 dicembre 2021 01:14 rispondi a Realtà

    Chissa se qualche amministratore ti manduria prende posizione su questa affermazione . Dubito....vedrete.....non faranno nulla ....come al solito

  • Fernando Filomena
    mer 22 dicembre 2021 12:32 rispondi a Fernando Filomena

    Aggiungo che la "tizia" non è degna nemmeno di essere chiamata signora, non conosce le origini del Primitivo. Si chiama primitivo, cara tizia, perché matura prima rispetto ad altre uve.

    • C.G.
      mer 22 dicembre 2021 07:00 rispondi a C.G.

      Grande .....mandata la tizia a quel paese con eleganza......Poi se abbiamo degli amministratori a Manduria che non sonno gestire il paese ne possiamo discutere ,ma nessuno deve o può fare battute sul nostro vino PRIMITIVO.......

  • M M
    mer 22 dicembre 2021 12:14 rispondi a M M

    Primitivo sinonimo anche di originale. Prendiamolo come un complimento! p. s. Alla faccia sua!!

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 12 agosto

Quando andrà in funzione il nuovo depuratore di Manduria e Sava, ancora in fase di completamento nella marina di Specchiarica confine Urmo-Belsito ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 12 agosto

Dopo le sedie e lo stendino per occupare il posto auto davanti casa, da San Pietro in Bevagna arriva un'altra ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 12 agosto

Si terranno oggi pomeriggio alle 17,00 i funerali di Guido Prudenzano, lo sfortunato metalmeccanico di 53 anni originario di Sava ma residente ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 12 agosto

Manca pochissimo alla Festa del giornale dedicata “alle libertà, tutte” di sabato 20 agosto al Parco Malorgio ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 12 agosto

Un vino Primitivo prodotto e imbottigliato dalle Cantine due Palme di Cellino San Marco si chiamerà “Le radici ca tieni”. ...

Il Giannuzzi che salva le persone, Iaia: "la sanità che vogliamo ma serve potenziare"
La Redazione - mer 29 giugno

Il 58enne di Sava ferito l'altro ieri dal disco del flex che lo ha quasi sgozzato, è stato sottoposto a Lecce a due interventi di ricostruzione della trachea e di altri delicati organi danneggiati dall'attrezzo ...

Sottosegretario alla transizione ecologica, Gava, ospite di Vespa in Masseria
La Redazione - lun 4 luglio

Continuano gli appuntamenti nella Masseria Li Reni di Manduria organizzati da Bruno Vespa: domani 5 luglio alle 19. 00 l’evento sarà interamente dedicato all’Associazione Logistica dell'Intermodalità ...

La Fiamma Tricolore scrive al vescovo: no alla pagliacciata del gay pride a Manduria
La Redazione - gio 7 luglio

Il partito politico di destra, “Fiamma Tricolore”, si oppone al pride che si terrà a Manduria il 13 luglio prossimo. Un evento che il coordinatore regionale del partito, il manduriano Cosimo Giannini, ...