Domenica, 27 Novembre 2022

Giudiziaria

Il pensionato indagato e poi assolto per truffa all'Inps

Chiedeva 25mila euro al giornalista che aveva fatto il suo dovere, il giudice: diritto di cronaca

Giustizia Giustizia | © La Voce

Il presunto “falso cieco” aveva chiesto 25mila euro al giornalista che aveva dato notizia ma il Tribunale respinge la richiesta: “è stato giusto diritto di cronaca”

 

La giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Taranto, Claudia Giannotte, ha respinto la richiesta risarcitoria pari a 25mila euro che un manduriano pretendeva dal direttore della testata La Voce di Manduria, Nazareno Dinoi. Il denunciante è un pensionato che nel 2019 era stato indagato dalla Guardia di Finanza della compagnia di Manduria e denunciato alla Procura della Repubblica di Taranto con l’accusa di aver truffato l’Inps fingendo di essere non vedente. La notizia del presunto «finto cieco» aveva avuto ampia diffusione su tutti gli organi di stampa e di informazione on line sia nazionali che regionali e locali, tra cui La Voce di Manduria con articoli a firma del giornalista Dinoi. Dopo l’archiviazione del caso avvenuta a maggio del 2020, il pensionato aveva presentato denuncia civile e querela penale (quest’ultima ancora in fase di indagini preliminari), ritendo Nazareno Dinoi responsabile di diffamazione a mezzo stampa chiedendo per questo di «condannare lo stesso al risarcimento di tutti i danni subiti e subendi da liquidarsi nella misura di 25.000 euro oltre interessi e spese e compensi di giudizio. Il pensionato chiedeva inoltre «la pubblicazione della sentenza di condanna (qualora ci fosse stata, ndr), sui principali quotidiani a diffusione nazionale, nonché sul giornale “La Voce di Manduria” e sul sito “lavocedimanduria.it”, con adeguato rilievo alla pubblicazione stessa».

Diversa l’opinione della giudice che ha accolto la tesi difensiva presentata dagli avvocati del giornalista, i legali Cosimo Calvi e Dario Iaia.  Nella sentenza si legge infatti che «Nazareno Dinoi ha agito nel rispetto dei principi dettati per il diritto di cronaca riportando nei suoi articoli fatti di rilevanza pubblica e sociale» e che le sue «notizie apparivano all’epoca veritiere stante le fonti ufficiali delle notizie apprese dalla testata giornalistica». 

Da tener presente che in nessuno degli articoli incriminati era mai apparsa l’identità del presunto finto cieco. «Non si rinvengono – riconosce infatti la giudice - elementi precisi che possano fare risalire il riferimento specifico dei fatti narrati all’attore non essendo riportato il nome o il cognome dello stesso, ma solo le iniziali. Anche le foto che sono state pubblicate sul giornale – aggiunge il magistrato -, ritraggono un soggetto anziano voltato di spalle che non risulta individuabile, né identificabile difettando, quindi, elementi di identificabilità che avrebbero potuto comportare una lesione alla immagine e alla reputazione». Il denunciante è stato assistito dagli avvocati Salvatore Taurino e Dario Basile. Si attende ora l’esito della querela presentata presso la Procura della Repubblica di Taranto le cui indagini preliminari hanno già ricevuto una proroga.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

2 commenti

  • Cosimino Di Marzio
    dom 2 ottobre 17:58 rispondi a Cosimino Di Marzio

    Questo è solo un granello di sabbia in un mare di falsi

  • mino
    lun 9 maggio 14:39 rispondi a mino

    ricordo la notizia,non vi era il nome o cognome e poi quale danno gli e stato fatto al cieco? ma qualcuno lo illude di false speranze di rivincita in tribunale. spetta e spera.

Tutte le news Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

Il video della vergogna. Quando a perdere è solo lo sport, il calcio.  Quanto accaduto ieri, a San Pancrazio Salentino, ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

La straordinaria somiglianza con Malèna, il personaggio filmico interpretato da Monica Bellucci, ...

Tutte le news Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

Il 25 Novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne e anche l’istituto L. Einaudi ...

Tutte le news
La Redazione - sab 26 novembre

Prosegue l’attività di contrasto e controllo disposta dal Questore di Taranto Massimo Gambino nell’area nord – orientale della provincia jonica. ...

Tutte le news
La Redazione - sab 26 novembre

Il consigliere comunale del gruppo Gea, Agostino Capogrosso, ha segnalato ai vigili urbani di Manduria la presenza ...

L’ex sindaco Massafra li aveva denunciati per diffamazione, il tribunale li assolve
La Redazione - gio 16 giugno

L’ex sindaco di Manduria, Roberto Massafra, li aveva denunciato per diffamazione ma ieri il Tribunale di Taranto li ha assolti con la formula piena. Gli imputati sono Emanuele Micelli di Avetrana  e Simone ...

Melle è stato assolto: “il campione non si era dopato”
La Redazione - gio 23 giugno

«Mi hanno tolto tre anni della mia vita già pesantemente provata dalla malasorte». Così il campione paralimpico manduriano, Leonardo Melle, commenta la sentenza che lo assolve dall’infamante accusa di doping. Il vicecampione ...

Prova superata, gli "orfanelli" tornano a casa
La Redazione - mer 29 giugno

Dal primo luglio quasi tutti i minori manduriani coinvolti nella morte del pensionato disabile Antonio Cosimo Stano, torneranno a casa. A nove degli undici imputati che a maggio del 2020 il tribunale per i minorenni aveva messo alla prova interrompendo così ...