Venerdì, 9 Dicembre 2022

Giudiziaria

Accusato di violenza alla ex convivente che aveva deciso di interrompere il rapporto quasi alla vigilia delle nozze

Assolto imprenditore manduriano dopo 8 anni alla sbarra

Tribunale Tribunale | © La Voce di Manduria

Un imprenditore manduriano di 40 anni, F.T. le sue iniziali, è stato assolto dopo essere stato indagato per presunti maltrattamenti nei confronti della sua convivente, E.O., di 36 anni, che nel 2014 lo aveva lasciato dopo circa 8 anni di fidanzamento e un lungo periodo di convivenza. La donna che aveva deciso di interrompere il rapporto quasi alla vigilia delle nozze, a data già fissata e con gli arredi acquistati, aveva denunciato l’ex convivente accusandolo di aver incendiato la sua autovettura che era parcheggiata davanti l’abitazione della madre dove era andata a vivere dopo la fine della convivenza. 

Non solo, convinta di questo, aveva poi raccontato di essere stata più volte picchiata dal suo compagno ma di non aver mai avuto il coraggio di denunciarlo e né di recarsi al pronto soccorso per farsi refertare le lesioni. Per avvalorare la tesi della presunta vendetta dell’uomo nei suoi confronti, in sede di denuncia dell’attentato incendiario dell’auto l’allora 28enne aveva dichiarato che il giorno dopo l’imprenditore aveva scritto sul proprio profilo Facebook una frase in cui avrebbe lasciato intendere di essere stato lui l’autore dell’incendio. Di tale post, però, la polizia non aveva più trovato traccia.

Indagato per tutto questo, ci sono voluti otto anni all’imputato per essere assolto con la formula piena. Nel corso del dibattimento, l’avvocato che lo ha difeso, il penalista Lorenzo Bullo, ha dimostrato l’innocenza del suo assistito che era stato indagato sulla base delle sole dichiarazioni della sua ex. Fondamentale è stato l’esame in aula della presunta vittima che non ha fornito riscontri alle circostanze indicate nella querela. La vicenda processuale durata ben 8 anni si è quindi conclusa con la sentenza di assoluzione per non aver commesso il fatto emessa dal giudice Elio Cicinelli.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

1 commento

  • Marco
    sab 14 maggio 06:32 rispondi a Marco

    Ognuno di noi ha una COSCIENZA con cui fare i conti prima o poi... 🧟®

Tutte le news
Proclamato lutto cittadino Avetrana in lutto per la piccola Viola
La Redazione - gio 8 dicembre

Avetrana in lutto per la morte di una giovanissima di appena 5 anni. Viola Buccoliero il suo nome, era ricoverata in un ospedale romano per combattere una malattia ...

Tutte le news
La Redazione - gio 8 dicembre

I due consiglieri comunali di minoranza, Domenico Sammarco e Gregorio Gentile, hanno ufficialmente aderito al Partito democratico e costituiscono ...

Tutte le news
La Redazione - mer 7 dicembre

Implementare l’intermodalità marittima per diminuire il tasso di incidentalità sulle strade e le ...

Tutte le news
La Redazione - mer 7 dicembre

La comunità di Uggiano Montefusco e di Manduria può tirare un sospiro di sollievo: don Giovanni Marraffa non è morto per causa violenta. ...

Tutte le news
La Redazione - mer 7 dicembre

«Chi controlla la regolarità dei lavori di bitumazione a Manduria». Se lo chiede il consigliere comunale ...

Detenuto ai domiciliari ottiene il permesso speciale per assistere la madre sola
La Redazione - ven 1 luglio

Può sospendere la detenzione ai domiciliari che sta scontando a Manduria per recarsi almeno una volta al giorno ad Avetrana per assistere la madre ultranovantenne. La burocrazia e le lungaggini degli uffici del Tribunale ...

Si apre il processo per la morte del cavallo "Nerone"
La Redazione - mer 6 luglio

Si apre oggi nel Tribunale di Taranto il processo per la morte di un cavallo avvenuta nel 2019 in un maneggio di Manduria per la quale sono indagate due persone, il proprietario e il gestore della struttura "La Corte dei Vescovi" di Manduria. ...

Processo femminicidio: “Pina lo voleva lasciare perché si sentiva sfruttata”
La Redazione - sab 9 luglio

Giuseppina Dinoi, la 71enne manduriana barbaramente uccisa dal suo compagno, Pietro Dimitri, la mattina del 12 ottobre scorso nel piccolo appartamento delle case popolari del rione Barco, aveva confidato ad un’amica l’intenzione ...