Venerdì, 9 Dicembre 2022

Cultura

La parola all'esperta

Asilo per bambine di famiglie arcobaleno, cosa ne pensa la psicologa manduriana

Asilo arcobaleno Asilo arcobaleno

A Berlino aprirà a breve un asilo nido pensato per tutti i bambini di genitori che vogliono un contesto che mostri, e non nasconda, la realtà lgbtqi+ a partire dalle favole che verranno raccontate. Accoglierà 93 piccoli con le proprie famiglie arcobaleno e l’idea è che le storie contengano anche principi che sposano principi o principesse che sposano principesse e tante altre iniziative educative simili. Un asilo “friendly” o “ghetizzante“?

Tra gli obiettivi dei fondatori dell’asilo nido berlinese c'è, secondo le parole dello stesso direttore M.W., «il desiderio di creare i presupposti per cui un bambino gay trovi meno difficile riconoscersi e fare coming out». Ma si può parlare veramente di inclusione realizzando una struttura che circoscrivi la comunità arcobaleno? Lo abbiamo chiesto alla psicologa manduriana Loredana Pulieri che ci ha risposto con un altro punto interrogativo. «Non sarebbe più utile integrare il mondo lgbtqi+ all’interno dei contesti scolastici ed educativi attuali – ci ha spiegato la psicologa manduriana -, lavorando sullo sviluppo delle emozioni e sui pregiudizi, sia sessuali che legati ai ruoli alla soggettività?».

È concisa e va dritta al punto la risposta di Pulieri, che non vede nella costruzione di un asilo gay oriented la giusta direzione per poter parlare di inclusione e di parità. Bisognerebbe invece partire dagli sili già presenti sul territorio e rinnovare il loro sistema educativo verso un approccio di studio che coinvolga tutti i tipi di famiglie. Anche se il problema non dovrebbe porsi perché in Italia «rischia di essere utopistico che un asilo lgbtqi+ possa mai essere costruito», confessa la donna. E quindi quale alternativa? «Per parlare di integrità servirebbe un asilo per tutti che possa andare a insegnare una sensibilità tematica al mondo lgbtqi+ e che vada a smontare pregiudizi e stereotipi uomo – donna», dice.  Insomma più apertura mentale che apertura di strutture per la professionista che conclude: «Se vogliamo superare lo stereotipo dovremmo partire dal presupposto che non esiste il diverso, ogni soggettività è unica nel suo genere».

Marzia Baldari


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 9 dicembre

L’ingegnere comunale Alessandro Pastore, ha dato parere sfavorevole al procedimento di valutazione integrata ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 9 dicembre

Lo sversamento dei reflui depurati nel bacino Arneo di Torre Colimena non impedirà la balneazione perché l’Acquedotto ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 9 dicembre

“Avevo un conto aperto con il fumetto. Un debito antico maturato da qualche parte ...

Tutte le news
Proclamato lutto cittadino Avetrana in lutto per la piccola Viola
La Redazione - gio 8 dicembre

Avetrana in lutto per la morte di una giovanissima di appena 5 anni. Viola Buccoliero il suo nome, era ricoverata in un ospedale romano per combattere una malattia ...

Tutte le news
La Redazione - gio 8 dicembre

I due consiglieri comunali di minoranza, Domenico Sammarco e Gregorio Gentile, hanno ufficialmente aderito al Partito democratico e costituiscono ...

Dal Ministero della Cultura 3,8 milioni di euro per il Parco archeologico dei Messapi
La Redazione - dom 16 ottobre

Martedì 18 ottobre, alle ore 18. 00, al ‘Museo Archeologico di Manduria – Terra di Messapi’, sarà presentato il ‘ Progetto delle opere di riqualificazione e valorizzazione funzionale ...

"Taranto all'appuntamento con il futuro", il libro presentato nel tempio del Primitivo
La Redazione - mer 19 ottobre

Sabato 22 ottobre alle ore 18. 30 nella cantina Prodotti Vini di Manduria ci sarà la presentazione del libro "Taranto all'appuntamento con il futuro" scritto a due mani da Tiziana Grassi e ...

La comunità di educatori del Belisario Arnò è pronta per il nuovo anno scolastico
La Redazione - mer 19 ottobre

«Un carisma che continua, si espande e si rinnova». E’ lo slogan del Centro socioeducativo diurno manduriano Belisario Arnò che venerdì 21 ottobre, dalle ore 16, aprirà le sue porte ...