Altri particolari sull'evento

La Festa de La Voce è ambiente, arte, musica e solidarietà (Come prenotare i posti)

Anche questa decima edizione come la precedente si terrà nel chiostro dell’ex convento delle Servite, attuale sede del Gal (che ci ospita) in via Omodei a Manduria (nei pressi dell’ospedale).

Spettacolo
Manduria domenica 11 agosto 2019
di La Redazione
Locandina
Locandina © La Voce di Manduria

Paolo Piccione e Donatello Pentassuglia, vignettista satirico il primo, artista disegnatore con la sabbia il secondo. Sono altri due ospiti che presenteranno le proprie opere alla Festa de La Voce di Manduria di sabato prossimo 17 agosto. L’appuntamento giunto alla decima edizione, avrà come tema l’ambiente ed è su questo che i due artisti presenteranno le proprie opere.

Piccione, manduriano, esporrà una cinquantina di vignette, alcune inedite, dedicate all’ambiente e, più in generale, alla difesa e alle offese della natura. La mostra sarà allestita sotto i portici del chiostro e sarà visitabile dal pomeriggio sino a tutto il tempo della festa.

Pentassuglia, di Ostuni ma vive a Roma, realizzerà le sue opere originali fatte con la tecnica della sabbia sulla lavagna luminosa, trasmesse sullo schermo come sottofondo alle canzoni.

La serata prevede altri interventi sull’ambiente (Francesco Di Lauro del Wwf Italia e Cataldo Colamartino dell’associazione barese EvAmbiente).

Tra un intervento e l’altro si esibiranno le cantanti Katia Minerva, Serena Calò e Shelly Stranieri. Ampio spazio per la consegna dei premi che ogni anno il giornale assegna a chi si è distinto nella sua professione, arte, attività in genere.

Poi tutto il palco sarà affidato al gruppo musicale «Ota Ota» che ripercorreranno la loro lunga carriera con un repertorio di brani cult ed una inedita composta per l’occasione che parla, appunto, di ambiente. Come sempre a presentare la serata sarà il bravissimo Antonio Erario. Ospite e protagonista della Festa, Alessio Giannone (Pinuccio), inviato di Striscia la Notizia.

Anche questa decima edizione come la precedente si terrà nel chiostro dell’ex convento delle Servite, attuale sede del Gal (che ci ospita) in via Omodei a Manduria (nei pressi dell’ospedale).

L'antico monastero ospita anche il Museo Civico di Manduria che in occasione della Festa sarà aperto straordinariamente in serale. La responsabile del museo Loredana Ingrosso, consentirà agli ospiti della serata di visitare l'esposizione versando solo la quota di 2 euro, pari al biglietto di ingresso, ma compreso un percorso “emozionale” con l’ausilio di una guida breve totalmente gratuita.

I posti a sedere sono limitatissimi. Per chi volesse prenotare una sedia numerata, potrà farlo esclusivamente recandosi al “Free Style”, abbigliamento e accessori uomo e donna, in via Uggiano 31 a Manduria.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette