Segnalazione alla Asl

Ancora una tartaruga morta sul litorale manduriano (soffocata da una busta di plastica)

I danni della plastica all'ecosistema marino

Cronaca
Manduria giovedì 05 agosto 2021
di La Redazione
Tartaruga spiaggiata
Tartaruga spiaggiata © La Voce di Manduria

L’ennesima tartaruga marina morta è stata spiaggiata questa mattina sul litorale manduriano. La quarta in tre giorni. Ed anche questa volta dietro la fine del cetaceo c’è la mano dell’uomo. La tartaruga, probabilmente della specie Caretta Caretta è stata infatti soffocata da una busta di plastica ancora ben visibile all’interno della bocca.

La segnalazione del ritrovamento è stata fatta dal giovane manduriano Vittorio Perrucci, convinto ambientalista che preannuncia nuove iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle tematiche ambientali in particolar modo sui danni delle plastiche all’ecosistema marino. Perrucci ha allertato gli uffici della polizia locale e della Asl veterinaria pe ril recupero delal carcassa. 

Lascia il tuo commento. (Quelli con indirizzo email falso non saranno pubblicati)
commenti
I commenti degli utenti
  • Nicola ha scritto il 06 agosto 2021 alle 09:21 :

    Senza andare lontano basta girare il Trentino Alto Adige per capire ed imparare come si deve tenere pulito e custodito l'ambiente che ci circonda, come mai la non c'è una cicca per terra e tutto è in ordine? Rispondi a Nicola

  • Punto e basta ha scritto il 06 agosto 2021 alle 05:30 :

    Direi che la colpa è di tutti e non direttori etc su cui è più facile puntare il dito. Basta vedere come vengono lasciate le spiagge di tutto il litorale e non solo nel nostro orticello..quintali di immondizia lasciata lì ba marcire sotto il sole, quando basterebbe portarsi la propria busta a casa e gettarla nella differenziata...per non parlare di strade e campagne in cui viene riversato di tutto. Bisogna imparare ad essere più Civili parola troppo difficile da utilizzare in tempi odierni Rispondi a Punto e basta

    Lorenzo ha scritto il 06 agosto 2021 alle 07:39 :

    Gentile, qui no, non è questione di puntare il dito è che le spiagge sono pubbliche, l' area Chidro è protetta. Si percepiscono fondi e stipendi per proteggerla. Fate un giro e capirete l'aggravante del caso. Forse. Rispondi a Lorenzo

  • Diego Clementi ha scritto il 05 agosto 2021 alle 22:12 :

    Dovrebbero lasciare il mare pulito io con il mio amico che aveva la Seat Ibiza 1.9 TDI che ho guidato da Nichelino a Manduria quasi tutto a 205 Km/h, sono rimasto contento di Manduria e siamo andati una sera a Campo Marino era pulito sulla spiaggia c'era anche una ragazza con me sul bagno asciuga era tutto pulito, non c'era immondizia povera la tartaruga nel 2004 poi ho portato Nico a Rimini e Riccione non era mai andato io si nel 2001/2002/ da solo nel 2008 non avevo piùi le 2 0pel Astra 2.0 16v GSI nero met. Con assetto che avevo fatto installare -4 molle Eibach, 4 sospensioni Sparco regolabili ALL'AVANTRENO AIRASCA-SAVONA A6 43 MINUTi.Riccione e Gabicce Mare-San Marino, una Fiat Stilo 1.9 Jtd, alluminio che avevo fatto verniciare dal carrozziere le maniglie in tinta Vel.max. 205 km/h... Rispondi a Diego Clementi

    Enzo ha scritto il 06 agosto 2021 alle 16:33 :

    ..il tuo commento, assomiglia a una rivendita di auto !!!😂😂😂 Rispondi a Enzo

  • Cittadino del mondo ha scritto il 05 agosto 2021 alle 15:20 :

    ....e alla fine dopo aver creato l'universo Dio creò l'uomo e gli disse: "ora vai e distruggilo" Rispondi a Cittadino del mondo

  • Gregorio ha scritto il 05 agosto 2021 alle 14:23 :

    A breve ci sarà un cimitero anche alla marina Rispondi a Gregorio

  • Lorenzo ha scritto il 05 agosto 2021 alle 13:54 :

    Per capire il dramma oramai non più tollerabile, basta andare alla foce del fiume Chidro e vedere come viene trattata L' AREA PROTETTA CHIDRO DI INTERESSE COMUNITARIO, senza un divieto, senza un cartello che indichi appunto area protetta. Plastica gettata lungo l'asta del fiume ovunque da centinaia di bagnanti abituati dalle autorità a fare come... zzo si vuole. DIRETTORE DELLE AREE PROTETTE DOVE SEI??? Difendi la natura e il suo eco sistema. Quante tartarughe devono morire ancora per farti capire che il Chidro e la sua foce vanno tutelati. Sei tu il responsabile o no? Opinioni dettate dai fatti. Rispondi a Lorenzo

  • Antonio F ha scritto il 05 agosto 2021 alle 09:45 :

    Ormai siamo circondati dai rifiuti !! I nostri politici cosa fanno per fermare questo scempio?? Niente !! Loro ( i politici) per ignorare le problematiche legate a l’ambiente passano le ferie FUORI FRAZIONE, fuori dal comune, 🤣🤣 [ puoi CONSIDERARLA una battuta ] Forse per paura di essere LINCIATI !!?? Rispondi a Antonio F