La protesta anche a Manduria

Edicole a rischio chiusura, nasce il comitato che chiede un incontro con il distributore

Recentemente è stato costituito un comitato composto da edicolanti della provincia di Taranto che hanno sentito la necessità di fare rete e alzare una voce di protesta riguardo la nuova gestione della distribuzione di giornali

Attualità
Manduria sabato 24 agosto 2019
di La Redazione
Edicola
Edicola © Google

Parte anche da Manduria la protesta degli edicolanti che lamentano la cattiva gestione della distribuzione dei giornali da parte della nuova società, la «Di Canto Spa» di Napoli. Recentemente è stato costituito un comitato composto da edicolanti della provincia di Taranto che hanno sentito la necessità di fare rete e alzare una voce di protesta riguardo la nuova gestione della distribuzione di giornali e riviste nella zona. Ne fanno parte anche i gestori e titolari di edicole di Manduria dove si segnala già la prossima chiusura di alcuni punti vendita dovuta ai motivi per cui si protesta.

«Dal primo giugno 2019 – si legge nel comunicato stampa - il nuovo distributore locale, Di Canto Spa, ha preso l’esclusiva della zona e da quel momento sono aumentati i problemi». L’iniziativa del gruppo promotore mira a coinvolgere tutti gli edicolanti della provincia di Taranto ma anche e soprattutto gli editori che dovrebbero così prendere coscienza delle problematiche create dal distributore che, si legge nella nota, «obbliga gli edicolanti a far fronte alle spese delle mancate consegne utilizzando risorse rivenienti da altri settori di vendita tipici di una edicola».

I promotori della protesta chiedono al distributore un incontro urgente al fine di mettere sul tavolo tutte le problematiche lamentate «causa di una cattiva gestione del servizio di distribuzione che sta penalizzando tutta la catena: dall’editore al lettore finale».

I disagi lamentati riguarderebbero la consegna di riviste e giornali, alcuni in conto deposito, altri da pagare, in numero spropositato che non tiene conto delle capacità di vendita di ogni edicola rilevabile dallo storico consolidato negli anni.

«Certi di raccogliere altre adesioni in maniera da avere un maggior potere contrattuale – conclude la nota stampa - restiamo in attesa di conoscere tutti i colleghi che stanno incontrando difficoltà di gestione che, gioco forza, si trasformano in difficoltà economiche. Ci aspettiamo, dunque, che la Di Canto spa accolga le nostre richieste e organizzi, con urgenza, un incontro chiarificatore con una nostra delegazione».

Lascia il tuo commento
commenti