Martedì, 4 Ottobre 2022

Salento Puglia e mondo

La donna andrà in una casa famiglia di Brindisi

Tiziana Deserto torna libera 12 anni dopo la condanna per la morte della figlia Maria

Il funerale della piccola Maria Il funerale della piccola Maria © Foto Corriere dell'Umbria

E’ tornata libera Tiziana Deserto, oggi 44enne, la donna originaria di Erchie, provincia di brindisi, che ha terminato di scontare 15 anni di reclusione (tre condonati), che le vennero inflitti per concorso nell’omicidio della figlia Maria Geusa, morta all’età di due anni e sette mesi a Città di Castello nell’aprile del 2004.

La condanna venne definitivamente confermata dalla Cassazione il 17 maggio del 2012, anche per concorso nella violenza sessuale subita dalla piccola. Addebiti ai quali Deserto si è sempre proclamata estranea. Maria Geusa morì il 6 aprile del 2004, è emerso dai processi, in seguito alle violenze subite dall’imprenditore edile Giorgio Giorni, condannato definitivamente all’ergastolo. Secondo la ricostruzione accusatoria, la donna gli affidò la figlia dopo essersi innamorata di lui.

"Sono libera, finalmente. Se sono felice? Si, per aver riconquistato la libertà, ma penso sempre alla mia piccola Maria”, ha detto Tiziana Deserto alla “Nazione”. ” Io sono innocente – ha aggiunto – sono stata condannata per pregiudizi nei miei confronti. Cercavano un capro espiatorio. Mia figlia conosce la verità, lei sa tutto. Sa quanto l’ho amata e quanto la amo. Il mio pensiero è fisso su mia figlia Maria. Adesso che sono libera farò del tutto per riportarla al cimitero di Torre Santa Susanna. Provo rabbia e rancore, perché è stato rubato il suo futuro”. Sempre al quotidiano “La Nazione” la donna ha spiegato di essere ancora nella comunità dove ha scontato gli arresti domiciliari. “Alla fine di questa settimana, al massimo all’inizio della prossima- ha proseguito – mi trasferirò a Brindisi, in una più grande con un servizio sanitario all’interno. Ripartirò da lì, sempre con la mia Maria nel cuore. Vorrei fare la commessa in un negozio di abbigliamento o di scarpe. Si, nel settore della moda mi vedrei bene”. Giorgio Giorni, imprenditore edile d San Sepolcro, ammise di aver picchiato la piccola Maria ma negò di aver abusato di lei .

Confessò al Procuratore della Repubblica di Perugia di allora (Nicola Miriano) e al Pm Giuseppe Petrazzini che si trattò di un raptus di follia, che lo avrebbe colto verso le 12,30, prendendo a pugni e calci la bambina, rimasta sola, poco prima, per circa un’ora nell’abitazione di Città di Castello. Negò in maniera determinata ogni tipo di violenza sessuale. Tuttavia, i primi esami medici all’ospedale di Città di Castello. dove Maria fu portata in fin di vita, confermarono la presenza di gravi lesioni sessuali . Giorni aveva dichiarato di aver lasciato sola Maria perché era rimasto chiuso fuori dall’abitazione, ed era andato a San Sepolcro a prendere una copia delle chiavi. Avrebbe poi affermato che la porta non aveva subito effrazioni durante la sua assenza. Maria fu sepolta ad Erchie, il paese dei nonni paterni.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

1 commento

  • Marco
    mar 9 agosto 20:32 rispondi a Marco

    Famme bene spesso a togliere la patria potestà genitoriale. Non è per tutti fare il genitore.

Salento Puglia e mondo
La Redazione - oggi, mar 4 ottobre

I carabinieri del reparto operativo speciale con il supporto in fase esecutiva dei Comandi Provinciali Carabinieri di Taranto e Brindisi, ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - lun 3 ottobre

L’integrazione sociale passa anche da una panchina. Con questo spirito mercoledì 5 ottobre alle 18 presso il giardino botanico di via Lata a Nardò, ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - lun 3 ottobre

La città di Oria e tutta la comunità del volontariato di protezione civile piange la scomparsa di Francesco Perrucci ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - lun 3 ottobre

L’aumento dei costi energetici e delle materie prime spinto dalla guerra in Ucraina ha determinato l’impennata ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - lun 3 ottobre

Nell’ambito di specifiche attività di controllo economico del territorio, finalizzate a prevenire e reprimere ...

Vino: Coldiretti Puglia, è allarme per attacco Oms
La Redazione - dom 25 settembre

Il pronunciamento dell’Oms attacca un prodotto, il vino, con una storia millenaria e colpisce un settore strategico del Made in Italy agroalimentare, proprio in un momento in cui il settore sta subendo un  crescita esponenziale dei costi con ...

Un altro ciclista investito perde la vita nel brindisino
La Redazione - dom 25 settembre

Dopo la tragedia di Montemesola, un altro ciclista ha perso la vita questa mattina sulla provinciale Ostuni-San Michele Salentino, nel brindisino. La vittima di 46 anni è stato investito da un’autovettura guidata da un ventiduenne ...

Diciannovenne dimesso dopo un malore, torna in ospedale e muore: indagati 19 medici del SS Annunziata
La Redazione - mar 27 settembre

Dopo un episodio di parestesia gli era stata riscontrata una dissezione della carotide e dopo l’esito di quell’esame era tornato ancora in ospedale con gli stessi problemi, ma l'avevano ...