Domenica, 5 Febbraio 2023

Giudiziaria

La disavventura giudiziaria di un manduriano

Processato quattro volte per lo stesso reato

Tribunale Tribunale

Condanna in primo grado, conferma in appello, assoluzione in cassazione e nuovamente a giudizio, per errore, con definitiva assoluzione. Quattro processi e quattro sentenze per un manduriano che nel 2016, ad un posto di blocco dei carabinieri, era stato denunciato per porto abusivo di oggetti atti ad offendere. E.S., queste le sue iniziali, teneva nel portabagagli, nascosto sotto la ruota di scorta, un pistoncino idraulico ritenuto arma e quindi indagato e processato. Nello stesso contesto l’allora 59enne fu anche denunciato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale per aver reagito alla contestazione dei militari con frasi del tipo: «una denuncia non ve la toglie nessuno, ci vedremo in Tribunale … chi sta sopra a voi mi può togliere i verbali vi farò fare la fine di quello di Porto Cesareo, non finisce qua».

La Corte Suprema aveva confermato la condanna per questi reati annullando senza rinvio quelle dell’arma impropria (il pistoncino idraulico)., per la quale gli era stata riconosciuta la pena ad un mese di carcere. Successivamente al manduriano è stato poi notificato un decreto penale di condanna per lo stesso reato per il quale era stato già processato sino a terzo grado. Difeso dagli avvocati Davide Parlatano e Daniela Giuca che hanno chiesto il giudizio immediato, l’uomo è stato nuovamente sottoposto a processo celebrato nel Tribunale di Taranto al termine del quale la giudice Luana Loscanna ha emesso la sentenza di non doversi procedere nei confronti dell’imputato perché già assolto per lo stesso reato.

I giudici supremi, in quel caso, avevano accolto l’opposizione presentata dall’avvocato Parlatano riconoscendo che l’attrezzo sarebbe stato considerato un’arma atta ad offendere qualora fosse stata posizionata in un luogo facilmente accessibile e non, come nel caso della perquisizione, nascosta addirittura sotto la ruota di scorta nel bagagliaio.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

1 commento

  • Biagio
    sab 21 gennaio 20:03 rispondi a Biagio

    Che dire. Chiaro che c'è stata una incomprensione tra le parti. Trovo inappropriato che per futili motivi si intasano i tribunali. Purtroppo devo dare ragione a Sansonetti.

Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 5 febbraio

Vento e fiocchi di neve a Manduria e in diversi centro del Salento. E’ arrivato dai Balcani, come era stato previsto, il freddo che farà ...

Tutte le news
La Redazione - sab 4 febbraio

La giornata dei calzini spaiati per educare i bambini d’asilo ad accettare le diversità. E’ la bellissima idea avuta dalle ...

Tutte le news
La Redazione - sab 4 febbraio

Un male incurabile ha stroncato la vita di Cosimo Giuliano, manduriano, stimato professore di lettere classiche e uomo di cultura e di politica. ...

Tutte le news
La Redazione - sab 4 febbraio

Nel sottopancia, la regia di “The Voice Senior”, nella puntata di ieri, ha scritto “Il marito di Minnie”. ...

Tutte le news
La Redazione - sab 4 febbraio

L’amministrazione Pecoraro toglie la parola alle opposizioni e porta in Consiglio comunale, per l’approvazione, ...

Trent’anni fa la malattia del marito, oggi  il vitalizio alla vedova
La Redazione - gio 17 novembre 2022

La sezione Lavoro del Tribunale di Taranto, giudice Giulia Viesti, ha stabilito il diritto ad una rendita vitalizia alla vedova di un manduriano, ex lavoratore dell'indotto Ilva di Taranto (ora Acciaierie d'Italia), morto per ...

Nell’inchiesta sugli indagati eccellenti al comune, i bonifici per “vie preferenziali” a favore di Dinoi
La Redazione - mer 23 novembre 2022

Emergono nuovi particolari dall’inchiesta della Procura ionica che vede indagati i quattro commissari che hanno amministrato Manduria negli ultimi tre anni, uno prefettizio (Francesca Garufi) ...

Condannato a sei anni per droga, la Corte d’appello lo assolve
La Redazione - gio 1 dicembre 2022

La Corte d’appello di Taranto ha assolto il manduriano D.  M. che in primo grado era stato condannato a ei anni di reclusione. Era stato coinvolto e per questo ritenuto colpevole di detenzione e spaccio di ingenti quantità ...