Sabato, 9 Dicembre 2023

Cronaca

Lunga drammatica lettera del manduriano rinchiuso nel carcere di Napoli Secondigliano

Modeo scrive dal carcere: "sono stanco e malato"

Walter Modeo Walter Modeo

«Sto ancora male, mi rifiutano le visite specialistiche che pagherei a mie spese». È l’appello del manduriano Walter Modeo detenuto nel carcere di Napoli dove sta scontando la pena in primo gradi di venti anni per l’inchiesta sulla mafia manduriana “Cupola”. Da tempo il 48enne è affetto da patologie invalidanti che non gli permetterebbero di camminare per le quali già in passato aveva denunciato mancate cure. «Per questo – scrive nella lettera inviata a La Voce -, mi hanno trasferito dal penitenziario Opera di Milano a Napoli Secondigliano dove sono stato affidato al personale sanitario dell’infermeria che si prende cura di me garantendomi i diritti di salute».

La protesta di Modeo riguarda il presunto rifiuto dei responsabili del carcere di sottoporlo ad esami approfonditi e utili ad un trattamento più efficace per la sua malattia. «Nonostante abbiano riscontrato un aggravamento del mio stato con nuove ernie discali, scoperte grazie ad esami radiologici pagati da me stesso – racconta Modeo -, il presidente continua a rigettare la visita neurochirurgica sempre a mie spese che mi è stata prescritta dai sanitari dell’istituto e che mi porterà ad un intervento neurochirurgico complicato».

Il detenuto che deve rispondere di vari reati per fatti di droga e armi, si dice vittima del sistema sanitario carcerario che non gli garantirebbe il diritto costituzionale a curarsi lamenta così il suo stato. «Sono costretto ad assumere molti farmaci, mi viene negato il diritto alle cure, è un trattamento inverosimile», prosegue il manduriano che sempre nella lunga lettera entra nel merito della pena inflitta in primo grado e arricchisce di particolari nuovi episodi da lui descritti nel processo di appello che è in corso. «Questo trattamento – si lamenta Modeo - nonostante in fase di appello io abbia chiarito altri scenari su colpi d’arma da fuoco avvenuti a Oria e sulla cessione di marijuana che mi era stata fornita da un calabrese».

Dopo una serie di accuse rivolte al sistema carcerario e ai collaboranti che lo accusano dei reati per i quali è stato condannato, Walter Modeo contesta il 416 bis (reato di mafia) che sarebbe stato «costruito a tavolino e le mancate cure che mi costringono a restare a letto soffrendo di forti dolori».    

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

2 commenti

  • Gregorio Manduriano
    dom 26 novembre 18:46 rispondi a Gregorio Manduriano

    Mi sembra corretto dare spazio alla voce di tutti - anche di chi ha commesso reati pesanti e ha rovinato il proprio territorio - però così state esagerando... sarà la terza lettera di questo criminale che pubblicate...

  • Antonio
    lun 13 novembre 10:15 rispondi a Antonio

    Povero Modeo…. Quando però commetteva i reati le ernie discali non facevano male… come anche la sua presunta malattia non era invalidante…

Tutte le news
La Redazione - oggi, sab 9 dicembre

Si chiamava Gianluca De Stefano ed aveva 26 anni l’ultima vittima della strada della morte, così come viene ormai identificata la provinciale Manduria San Pietro ...

Tutte le news
La Redazione - ven 8 dicembre

Incidente mortale questa sera sulla strada Manduria San Pietro in Bevagna. Una Opel Corsa con a bordo un manduriano, di cui non si conosce l’età, ...

Tutte le news
La Redazione - ven 8 dicembre

I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Manduria che indagano sull’uccisione del 60enne di San Marzano ...

Tutte le news
La Redazione - ven 8 dicembre

Tortura, sequestro di persona, rapina, lesioni personali e persecuzione della donna con cui conviveva. Di questi reati è ...

Tutte le news
La Redazione - ven 8 dicembre

Ieri mattina, la Fials (Federazione Italiana Autonoma Lavoratori Sanità) ha organizzato una manifestazione di ...

Cane ucciso da un'auto pirata lasciato davanti allo studio del veterinario - IL VIDEO
La Redazione - mar 28 novembre

Trovano un cane investito da un auto pirata e lo lasciano sulla sogna dello studio di un veterinario. È successo ieri a Manduria, sulla via per Sava. All’altezza della stazione di servizio IP, un uomo e ...

L'animalista accusa: Manduria non garantisce il soccorso immediato agli animali
La Redazione - mer 29 novembre

La triste vicenda dell’uccisione di un cane da un’auto pirata e gli inutili soccorsi di una coppia che dopo aver provato a chiamare la polizia locale ha lasciato l’animale oramai morto sul davanzale dello ...

Parcheggi per gli ospedalieri, la Fials sposta al 7 dicembre il sit-in davanti al municipio
La Redazione - gio 30 novembre

Il sindacato Fials ha spostato al 7 dicembre la manifestazione di protesta dei dipendenti dell’ospedale di Manduria che reclamano agevolazioni o esenzioni sulla sosta delle auto nelle strade adiacenti il ...