Domenica, 14 Agosto 2022

Cronaca

“Le famiglie si stanno dividendo. Questa è la guerra della disinformazione perché i canali russi e ucraini che seguo riportano informazioni opposte"

La storia di Ilena, salva a Manduria dalla città martire di Chernihiv, in Ucraina

“Ho il cuore spaccato in due. Non so più quando potrò tornare in Russia a pregare sulla tomba dei miei nonni”. Racconta così al nostro giornale Ilena, la donna ucraina di origini russe arrivata a Manduria lo scorso 29 marzo con il suo bimbo di nove anni. Ospite di una manduriana di origine russa, l’identità di Ilena e i suoi legami famigliari si mescolano tra i due Paesi oggi in conflitto. “È surreale, io ancora non ci credo”, esorta la donna. La guerra per lei è iniziata all’alba, con il suono delle sirene e dei bombardamenti, a Chernihiv, esattamente a 100 chilometri da Kiev e dal confine bielorusso, una seconda Mariupol dalla quale è riuscita miracolosamente a fuggire. 

Al nostro incontro le due donne tra di loro parlano russo, perché è questa la lingua con cui Ilena comunicava principalmente nel suo paese a nord est dell'Ucraina, in queste ore accerchiata e affamata da quel popolo che credeva fratello. Ci dice: “Tutti parliamo soprattutto russo a Chernihiv. Non credevamo che l’esercito russo potesse bombardare la nostra città”. Come nel sud est della regione ucraina, anche a nord la presenza russofona è molto forte, i genitori della donna arrivano infatti da una città russa, la stessa dalla quale proviene la manduriana emigrata nella città messapica.

Racconta Ilena. “Le famiglie si stanno dividendo. Questa è la guerra della disinformazione perché i canali russi e ucraini che seguo riportano informazioni opposte. Quello a cui io credo, però, sono i miei occhi e a quello che io ho visto”.  A 33 anni, Ilena in Ucraina ha condotto una vita tranquilla faceva la copywriter, ma anche l'insegnante di matematica e fisica. "Gli stipendi sono bassi e non potevo vivere facendo solo l’insegnante”, dice. Poi l’inizio della guerra: il 24 febbraio, il giorno dell’invasione russa che per lei è stato particolarmente drammatico. “E’ lo stesso giorno in cui è morto mio marito. È stato come un dejavù”. E ancora la fuga frettolosa con il suo bambino, prima a Kiev. “Il paradiso - ci dice - perché potevamo bere e mangiare. I negozi erano aperti e ci sentivamo più protetti”,  e infine l’arrivo in Italia, a Manduria.

Chernihiv è senza elettricità e viveri da più di un mese: è una tra le città martiri dell’Ucraina, assediata e distrutta, e strategica per Putin per la sua concentrazione russa. “I miei genitori sono stati malissimo: venti giorni senza acqua, luce e riscaldamento. Mio padre è malato e non può camminare, solo grazie ai volontari sono riusciti a fuggire. Ora stanno bene, sono in un villaggio più tranquillo”. Ma la situazione a Chernihiv è allarmante. Le strade non sono percorribili, i ponti sono distrutti e l’unico modo per fuggire è per via fluviale.

Ilena sta bene, ma è preoccupata perché vuole tornare nella sua città il prima possibile, “La mia famiglia è a Chernihiv, ma ho paura di vedere completamente tutto distrutto”. (Su www.lavocedimanduria.it la videointervista)

Marzia Baldari


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

1 commento

  • Antonio
    mar 5 aprile 12:11 rispondi a Antonio

    Benvenuta nella nostra comunità che Iddio ti protegga cara Ilena.

Tutte le news
La Redazione - sab 13 agosto

Nuovo colpo di mercato del sodalizio presieduto da Giuseppe Vinci. Dopo una laboriosa trattativa, il direttore  sportivo ...

Tutte le news
La Redazione - sab 13 agosto

Fiamme nella notte a San Pietro in Bevagna dove un incendio di cui non si può escludere l’origine dolosa ha provocato danni ...

Tutte le news
La Redazione - sab 13 agosto

Quindi avevano ragione i commercianti del mercatino estivo confinati vicino alla pineta di San Pietro in Bevagna. Gli espositori patrocinati dalla giunta comunale ...

Tutte le news
La Redazione - sab 13 agosto

La piccola comunità di uggiano Montefusco e tante persone della vicina Sava, paese di origine ...

Tutte le news
La Redazione - sab 13 agosto

Il movimento dell’ex sindaco di Napoli Luigi De Magistris, “Unione Popolare”  a Manduria punta per la Camera ...

Uggiano Montefusco attende il suo Guido
La Redazione - dom 7 agosto

Non è ancora tornato a casa, nella sua Uggiano Montefusco, il corpo di Guido Prudenzano, il metalmeccanico di 53 anni morto l’altro ieri in un capannone della zona industriale di Taranto per una ferita alla gamba sinistra procurata dal disco del ...

Sulla Manduria-Francavilla fuori strada dopo una giornata al mare, due ragazze ferite
La Redazione - dom 7 agosto

Fortunatamente niente di grave ieri nell’incidente avvenuto sulla Manduria Francavilla Fontana in cui sono rimaste ferite due sorelle. La macchina a bordo della quale viaggiavano in compagnia di due ragazzi, ...

Ancora molto gravi le due turiste dirette alla festa della birra di Leverano
La Redazione - dom 7 agosto

Sono ancora molto gravi le condizioni delle due ragazze coinvolte nell’incidente stradale di giovedì sera avvenuto nei pressi del rondò della Avetrana - Torre Colimena. Ricoverate una in rianimazione e l’altra ...