Domenica, 21 Luglio 2024

Giudiziaria

Coinvolto uno stabilimento balneare di Manduria

Assembramenti nel periodo Covid, il Tar non decide sulla mega festa di ferragosto

La serata danzante sulla spiaggia La serata danzante sulla spiaggia

Il Tar di Lecce ha respinto il ricorso presentato dai proprietari di uno stabilimento balneare di San Pietro in Bevagna che chiedevano l’annullamento del provvedimento sanzionatorio del comune di Manduria che nel 2022 li ha multati con 750 euro per aver organizzato, la notte di ferragosto di quell’anno, una mega festa sulla spiaggia con almeno 500 persone. L’inosservanza che violava le misure anti Covid dell’epoca, era stata verificata dagli agenti di polizia del locale commissariato che avevano inoltre disposto la chiusura del lido per cinque giorni.

I giudici amministrativi hanno giudicato inammissibile il ricorso per difetto di competenza. La materia, insomma, sarebbe di pertinenza della magistratura ordinaria, il Tribunale civile in questo caso, e non di quella amministrativa. L’impresa  potrà riassumere il giudizio nel termine perentorio di tre mesi dal passaggio in giudicato della sentenza del Tar Lecce.

La tesi dell’avvocato del comune, Annalisa Di Giovanni, regolarmente costituita, contestava all’impresa di essere stata autorizzata per un evento con la presenza di cento persone che si sarebbe concluso entro la mezzanotte tra il 14 e il 15 agosto 2022.

«Per il giorno 14 agosto 2020, a seguito di accertamenti eseguiti in loco da parte del personale del Commissario di pubblica sicurezza di Manduria – si legge nella memoria dell’avvocato comunale -, il 15 agosto 2020 verso le ore 00:20, quindi ben oltre le ore 24.00, è risultato che “Sulla spiaggia di pertinenza del lido vi era la contemporanea presenza di circa 500 persone, intenti a ballare a ritmo di musica incitati dal DJ».

Un’affollata festa discoteca sulla spiaggia, quindi, le cui immagini, foto e video, avevano affollato la rete attraverso i profili social dei partecipanti. Tutti senza mascherina di protezione. La normativa Covid specifica imponeva invece queste misure. «Con decorrenza dal 13 agosto, gli utenti di discoteche, sale da ballo e locali assimilati hanno l’obbligo di usare protezioni delle vie respiratorie (mascherine con le caratteristiche di cui all’art.1 co.2) sempre, anche all’aperto, laddove non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di 2 metri sulla pista da ballo e di 1 metro nelle altre zone dei locali, afferendo il prescritto obbligo all’esclusiva responsabilità personale dei medesimi utenti».

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

1 commento

  • Gregorio
    mar 9 luglio 16:19 rispondi a Gregorio

    Secondo me, si dovrebbe annullare, perché in quel periodo le restrizioni erano in CONTINUO cambiamento e di conseguenza sono andati via SCEMANNU SCEMANNU. C’erano delle zone troppo “fiscali” e zone che “sorvolavano” , in poche parole, come si dice a Manduria: -“ Cì fiji e cì fijastri “ !!! Boh 🤷‍♂️

Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 21 luglio

L’associazione Archeoclub Manduria risponde alle affermazioni del sindaco Gregorio Pecoraro secondo cui il progetto che prevede l’abbattimento ...

Tutte le news
La Redazione - sab 20 luglio

Arriva la risposta del sindaco Gregorio Pecoraro alla protesta organizzata dal Comitato Cittadino per Viale Mancini contro l’abbattimento ...

Tutte le news
La Redazione - sab 20 luglio

Atmosfere magiche che hanno sfiorato la sacralità hanno dominato il concerto di Rufus Wainwright ieri sera nella meravigliosa piazza San Giorgio ...

Tutte le news
La Redazione - sab 20 luglio

Ieri mattina due autovetture si sono scontrate all’incrocio tra la provinciale “Tarantina” e la strada che conduce alla marina di Borraco. ...

Tutte le news
La Redazione - sab 20 luglio

Dopo l’incendio doloso che cinque anni fa distrusse la sua umilissima casa, Cosimo Manduriano, da tutti a Manduria conosciuto ...

Molestie sul luogo di lavoro, condanna per un manduriano che dovrà risarcire la donna
La Redazione - ven 17 maggio

Pena di due anni due mesi di reclusione, con la riduzione di un terzo per il rito abbreviato, per un 50enne manduriano accusato di aver stalkerizzato sul posto di lavoro una trentenne, anche lei di Manduria, ...

Omicidio del cavalcavia, D'Amicis parla in aula: "mi dispiace, dovevo portarlo in ospedale ma ho avuto paura"
La Redazione - sab 18 maggio

Ha parlato per la prima volta in aula, ieri, ed ha chiesto scusa uno dei tre giovani manduriani accusati di aver ucciso, la notte del 22 febbraio dello scorso anno, il giovane leccese di etnia ...

“Truffa sulle provvidenze statali”, tutti assolti dopo 7 anni
La Redazione - mer 22 maggio

Sono stati tutti assolti il titolare e quattro dipendenti di una grossa società edile di Manduriana che erano finiti sotto processo con la grave accusa di truffa allo Stato finalizzata all’incasso di indennità non dovute ...