Un successo dietro l'altro

Colapesce a Sanremo, un’altra scoperta di Ferdinando Arnò

Sin dai suoi esordi Colapesce - che i bookmakers danno come vincitore di questa edizione del festival -, ha collaborato con Arnò

Spettacolo
Manduria venerdì 26 febbraio 2021
di La Redazione
Ferdinando Arnò
Ferdinando Arnò © La Voce di Manduria

Anche quest’anno sul caldissimo palco di Sanremo ci sarà qualcosa di manduriano. A portarla ancora una volta, è Ferdinando Arnò, manduriano, compositore, produttore ed editore discografico titolare della Quiet Please di Milano.

Dopo Malika Ayane che nelle due edizioni del 2009 e 2010 presentò i brani “Come Foglie” (testo e musica di Giuliano Sangiorgi, prodotto e arrangiato da Ferdinando Arnò) e “Ricomincio da qui”, (etichetta Sugar, composto da Ferdinando Arnò), e Rafael Gualazzi con il quale ha vinto Sanremo giovani nel 2011, un altro  artista parteciperà alla kermesse sanremese, Lorenzo Urciullo in arte Colapesce, di cui Ferdinando Arnò è coeditore. Il cantautore siciliano si presenta all’Ariston in coppia con Dimartino con il brano “Leggerissima” .


Sin dai suoi esordi Colapesce - che i bookmakers danno come vincitore di questa edizione del festival -, ha collaborato con Arnò. A partire dal primo album , “Un meraviglioso declino” che è stato presentato proprio a Manduria nel 2012 durante il Quiet Please Summer Camp, il primo soundshop musicale tenuto a Manduria dal 26 al 28 giugno di quell’anno nella Masseria Potenti che ha permesso a 60 studenti e appassionati di musica di entrare in contatto diretto con i veri protagonisti della scena italiana e internazionale della musica: produttori, arrangiatori, musicisti, creativi, media e discografici. Gli esperti di quell’eccezionale evento formativo e artistico sono stati Trevor Horn, Vince Mendoza, Stefano Senardi, Beppe Vessicchio, George Stein, Roberto Battaglia e Pino Rozzi, Dalia Gaberscik e Antonio Princigalli.

Lascia il tuo commento
commenti