Femminicidio nel foggiano

Donna uccisa a Cerignola, fermato il marito

L’uomo si sarebbe presentato a casa della donna (i due si erano separati) e non appena quest’ultima ha aperto la porta, le avrebbe sparato almeno tre colpi d'arma da fuoco

Salento Puglia e mondo
Manduria domenica 05 luglio 2020
di La Redazione
Ambulanza
Ambulanza © Google

Cerignola sotto choc per la morte della 41enne, Nunzia Compierchio freddata nella sua abitazione di via Fabriano, non lontano dal campo sportivo. Il marito, un uomo di 44 anni, Angelo Di Meo, disoccupato, è stato fermato e condotto nel commissariato di polizia.

Il presunto autore del femminicidio si era inizialmente rifugiato a casa del padre. Aveva con sé una pistola modificata che potrebbe essere quella che ha ucciso la donna. L’uomo si è presentato a casa della donna (i due si erano separati) e non appena quest’ultima ha aperto la porta, le ha sparato.

L’uomo si sarebbe presentato a casa della donna (i due si erano separati) e non appena quest’ultima ha aperto la porta, le avrebbe sparato almeno tre colpi d'arma da fuoco.

Lascia il tuo commento
commenti