Consegna a domicilio grazie alla Protezione civile

Il comune di Maruggio distribuisce 4500 mascherine alle famiglie

Insieme alle mascherine è stata consegnata anche una piccola guida sul loro corretto utilizzo

Salento Puglia e mondo
Manduria lunedì 25 maggio 2020
di La Redazione
Le mascherine alla popolazione di Maruggio
Le mascherine alla popolazione di Maruggio © La Voce di Manduria

L'amministrazione comunale di Maruggio ha fatto distribuire dai volontari della locale Protezione civile 4.500 mascherine consegnate direttamente e gratuitamente alle famiglie. Le mascherine sono in TNT triplo strato, certificate dal Politecnico di Bari e sono riutilizzabili (perché lavabili più volte in acqua calda). Insieme alle mascherine è stata consegnata anche una piccola guida sul loro corretto utilizzo. «In modo da non vederle più sul collo, sulla fronte, attaccate ad un solo orecchio oppure messe sotto il naso! commenta il sindaco maruggese Alfredo Longo ricordando come per molti non è ancora chiaro il modo in cui debbano essere indossati questi dispositivi di protezione.

Il primo cittadino ringrazia la «Società Drago» di Castellaneta che ha donato 500 mascherine «dimostrando ancora una volta - scrive Longo - che questo non è il momento della speculazione economica ma è quello della solidarietà tra i popoli».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Francesca ha scritto il 26 maggio 2020 alle 05:52 :

    Vorrei dire due parole. Innanzitutto che a Manduria, grazie ad una associazione di volontariato protezione civile (Alle spalle del vecchio comune) molti stanno ricevendo le mascherine. Vorrei complimentarmi con i volontari di questa associazione per l'educazione e il rispetto che hanno. Ringrazio anche per avermi donato le mascherine per me e la mia famiglia. Credo siano pochi i volontari così, e quei pochi bisogna ringraziarli... Rispondi a Francesca

  • Domenico ha scritto il 26 maggio 2020 alle 04:43 :

    È da apprezzare che in tutta italia, finalmente, stiano arrivando le mascherine gratuite e a pagamento. Anche a Cuneo, città economicamente benestante, sono state recapitate solo la settimana scorsa. Usiamole come e quando è idicato dalle direttive e ce lo suggerisce il buon senso; finita la loro "Vita", smaltiamole correttamente. Signor Lorenzo, amo molto il tratto di litoranea indicato e, forse, un autovelox stagionale (estivo) sarebbe più opportuno. Se si trovasse il modo di evitare il parcheggio selvaggio lasciando libera la strada e lo sguardo verso il panorama delle dune e dei fantastici scorci di mare sarebbe un sogno. In molti posti, hanno risolto collegando i parcheggi con navette ecologiche, limitando addirittura i passaggio dei residenti alle ore meno frequentate... Rispondi a Domenico

    Lorenzo ha scritto il 26 maggio 2020 alle 12:15 :

    Condivido, purtroppo gli autovelox sono 3 e a pochi km distanziati con segnaletica da Ciapas Messicano e funzionano tutto l' anno, massacrando anche a 56 km orari. Tutti sulla litoranea sui comuni di Pulsano, Torricella e Maruggio. C'è chi come operai ne hanno presi tre in 5 minuti. Si fidi fanno cassa 12 mesi anno. E allora che usino i soldi per come dice la legge. Segnaletica, strisce pedonale e autovelox fissi ben evidenti!! Rispondi a Lorenzo

  • Lorenzo ha scritto il 25 maggio 2020 alle 18:49 :

    Bene, ottimo. Lavoro serio. Tuttavia si spera che con l'arrivo dei turisti, Campo Marino e Monaco Mirante abbiano segnaletica stradale orizzontale e verticale consona da località civile. Stessa cosa con i cartelli che indichino la zona SIC di Campomarino. Certo che gli incassi dell' autovelox, come prescrive la legge nazionale, siamo utilizzati anche per la viabilità. Avendo la 'chicca' della bandiera blu. Rispondi a Lorenzo

  • Alessandra ha scritto il 25 maggio 2020 alle 17:48 :

    Bisogna dire che anche a Manduria, grazie alla Protezione Civile alle spalle del vecchio comune, che stanno donando molte mascherine chirurgiche. Rispondi a Alessandra

  • Luigi ha scritto il 25 maggio 2020 alle 17:47 :

    Anche a Manduria la protezione civile alle spalle del comune vecchio le sta donando. Rispondi a Luigi