Pareri contrastanti

Curia contro curia, veleni e denunce in canonica

Don Antonio Longo, già viceparroco della chiesa don Bosco di Manduria, non è più sacerdote per la curia vescovile di Oria ma lo è ancora per quella di Ascoli Piceno

Cultura
Manduria sabato 16 novembre 2019
di La Redazione
Vescovo Giovanni D’Ercole e vescovo Vincenzo Pisanello
Vescovo Giovanni D’Ercole e vescovo Vincenzo Pisanello © La Voce di Manduria

Don Antonio Longo, già viceparroco della chiesa don Bosco di Manduria, non è più sacerdote per la curia vescovile di Oria ma lo è ancora per quella di Ascoli Piceno dove il 45enne di Latiano esercita su incarico del vescovo monsignor Giovanni D’Ercole la funzione di responsabile della casa diocesana per l’accoglienza di persone in difficoltà annessa a quella Curia vescovile. Un vero enigma che varca le blindatissime porte del Vaticano coinvolgendo addirittura il Papa.

Per il vescovo di Oria, monsignor Vincenzo Pisanello, «Sua Santità papa Francesco, il 25 luglio 2019, ha dimesso il sacerdote Antonio Longo dallo stato clericale, con relativa dispensa dagli obblighi, compreso il sacro celibato». Non è più un «don», insomma, in maniera «inappellabile e non soggetta ad alcuni tipo di ricorso», rimarca il monsignore di Oria che nel comunicato stampa precisa che il benservito «ha riguardato aspetti fondamentali della vita sacerdotale» e non per «imputazioni penali inerenti persone minori».

Di diverso parere il suo collega di Ascoli Piceno, il vescovo Giovanni D’Ercole, che attraverso il vicario generale, monsignor Emidio Rossi, ha diffuso una nota secondo la quale il sacerdote latianese «non ha mai ricevuto alcun decreto né del Santo Padre Francesco, né della Congregazione per il clero, né tanto meno del Vescovo di Oria che attesti la sua dimissione dallo stato clericale».

Elencando le doti del sacerdote conosciuto anche a Manduria per avere affiancato don Dario De Stefano nella conduzione della parrocchia della Don Bosco, il vicario della Curia di Ascoli Piceno descrive il religioso come «persona stimata da tutti coloro che ad Ascoli lo hanno conosciuto e lo stanno avvicinando perché sempre disponibile ad aiutare chiunque si trovi in situazioni di bisogno, avendo lui stesso sperimentato l’abbandono più totale e crudele di un cuore umano». Come per sgomberare dubbi o sospetti di immoralità del sacerdote, il monsignore ascolano ci mette la faccia per assicurare che don Antonio Longo «non è pedofilo, non è omosessuale, non ha avuto problemi economici con traffici illeciti, non si è macchiato in rapporti con l’altro sesso, non è dedito all’alcol, non è dedito a sostanze stupefacenti, è sanissimo di mente e di comportamenti con un casellario giudiziale, rilasciato dagli organi competenti, limpidissimo, non ha commesso “delitti” che potrebbero giustificare una pena così grave come quella della dimissione dallo stato clericale». Un santo, insomma, che non si addice alla figura che viene fuori dagli ambienti oritani che hanno avviato il procedimento canonico concluso con la riduzione allo stato laico per volere papale.

La lettera dell’alto prelato di Ascoli Piceno non risparmia accuse dirette al vescovo Pisanello invitato «finalmente a dare le reali e chiare motivazioni (più volte richieste) di tanto suo accanimento nei confronti di questo sacerdote, il cui calvario – prosegue – è iniziato circa quattro anni fa per motivi ben precisi». Dei quali non si parla e niente trapela dalle massicce porte e dai ben collaudati silenzi degli ambienti clericali.

N.Din.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • giorgio sardelli ha scritto il 16 novembre 2019 alle 16:54 :

    A prescindere dove sta la ragione, una cosa è certa tra i due Vescovi uno di Oria e l'altro di Ascoli Piceno uno è in mala fede e dice le bugie, questo è il modo che dovrebbe fare avvicinare le persone alla chiesa? Di sicuro c'è una certezza, la chiesa di San Michele Arcangelo di Manduria sta piangendo in attesa di essere messa in sicurezza e ritornare come era prima della tromba d'aria, i manduriani sono stanchi di vedere quell'impalcatura che da tanto fastidio al traffico e non solo ma con sti chiari di luna chissà quando farà l'alba Rispondi a giorgio sardelli

  • Enzo Caprino ha scritto il 16 novembre 2019 alle 14:22 :

    Che cosa dice don Dario De Stefano, visto che lo ha avuto come collaboratore per diverso tempo? Dovrebbe esprimersi Rispondi a Enzo Caprino

  • sergio cavaliere ha scritto il 16 novembre 2019 alle 08:09 :

    Ma nessuno ci spiega perché l'hanno spretato. Che ha fatto di grave? Rispondi a sergio cavaliere