Dibattito sui social

Brava la mamma coraggio del piccolo vandalo: i proprietari del “Castello” perdonano

Il senso di responsabilità della donna ha colpito anche i proprietari del palazzo Imperiali-Filotico

Cronaca
Manduria sabato 06 novembre 2021
di La Redazione
Graffiti in Piazza
Graffiti in Piazza © La Voce Di Manduria

E’ piaciuto tanto ai manduriani il gran gesto della mamma dell’autore delle scritte con lo spray sul basolato della piazza che si è presentata ai vigili urbani denunciando il figlio e offrendosi volontaria per ripulire il danno. 

Il senso di responsabilità della donna ha colpito anche i proprietari del palazzo Imperiali-Filotico il cui adrone è stato imbrattato dagli stessi autori della bravata. A farsi portavoce degli eredi delle storiche famiglie è l’architetto Nino Filotico che in un post pubblico ringrazia la donna e la invita ad una stretta di mano.        

«Vorrei stringere la mano alla signora – scrive Filotico commentando la notizia pubblicata su La Voce i Manduria – perché è davvero un esempio di come si può sempre uscire a testa alta da situazioni spiacevoli». 

Per quanto riguarda il danno arrecato all’antica dimore, l’architetto perdona. «Vorrei farle sapere – scrive Filotico rivolgendosi alla signora -, di non preoccuparsi per la rimozione delle scritte sul paracarro e nell’androne del palazzo, ci penseremo noi proprietari nel fine settimana, il suo gesto vale molto di più; se avranno voglia di incontrarmi in amicizia, ne sarò felice», aggiunge l’architetto augurandosi solo «che il ragazzo impari la lezione e apprezzi il nobile gesto della madre». 

Sarebbe disposta al perdono anche la comandante del corpo di polizia municipale, Miriam Mancarella, a cui toccherebbe elevare la sanzione amministrativa a carico della famiglia del minore. L’iniziativa della giovane mamma è stata molto apprezzata anche negli ambienti della polizia locale che quasi sicuramente assolveranno la bravata del dodicenne grazie proprio a sua madre che si è «costituita». 

I vigili urbani nel frattempo, continuano a visionare il video delle telecamere di videosorveglianza della piazza che la sera di halloween hanno ripreso tutta la scena. Le immagini mostrano un gruppetto di numerosi ragazzini armati di bomboletta spray che si cimentano divertiti a scrivere prima sul pavimento e poi sulla parete del castello. «Sarebbe bello se altre mamme si comportassero come quella del dodicenne», afferma la comandante Mancarella che avrebbe un’idea su quale punizione impartire ai baby vandali. «Proporrei ai genitori – dice – di obbligare i propri figli ad impegnarsi nel sociale, aiutando le persone fragili oppure dare una mano ai volontari della mensa per poveri». 

Nazareno Dinoi

Lascia il tuo commento. (Quelli con indirizzo email falso non saranno pubblicati)
commenti
I commenti degli utenti
  • Piero Mero ha scritto il 07 novembre 2021 alle 07:49 :

    Buongiorno, io la vedrei sotto quest'ottica ....i ragazzi volevano fare un favore al proprietario della pizzeria (si vende quella no?) e poi sdrammatizziamo abbiamo visto quali sono i veri problemi in questi ultimi due anni. Fanno ben altri danni gli amministratori, politici e anche noi cittadini quindi tanti complimenti alla mamma coraggio e....tiremm innanz Rispondi a Piero Mero

  • Lorenzo ha scritto il 07 novembre 2021 alle 06:58 :

    Giusto punire i ragazzini che deturpato i beni artistici. Comunque la madre di uno di loro ha reagito dando il giusto esempio. Tuttavia ricordo agli adulti che, i nostri comportamenti sono la scuola per i giovani. Quando saranno puniti e qualcuno si indignera' per il massacro ambientale in atto da anni, nella riserva naturale del fiume Chidro? Certo per un cazzetto disegnato OI MAMMA che maleducazione che inciviltà.... invece per un fiume distrutto, trasformato in parcheggio e utilizzato per defecare, orinare e campeggiare? Niente. Tutti zitti. Qua sono adulti che distruggono, senza mamme che si prendono la colpa. Quanta ipocrisia. Opinioni Rispondi a Lorenzo

  • Marco ha scritto il 06 novembre 2021 alle 15:22 :

    Il comandante ha capito che sono minorenni e anche sotto i 14 anni? Rispondi a Marco

  • Egidio Pertoso ha scritto il 06 novembre 2021 alle 12:21 :

    Deamicisiana la storia, da libro CUORE ! Il problema esiste ed andrebbe affrontato. I ragazzi cosa vanno a fare a scuola? E la cosiddetta SCUOLA, cosa significa? Uno Stato,che si dice tale, ha il compito, visto che si spendono miliardi per questo , di formare i propri cittadini istruendoli ma, soprattutto, educandoli. Lasciandoli allo stato brado, forse converra' a chi maneggia i fili dei burattini, ma non al consorzio umano fatto per progredire e migliorarsi. Rispondi a Egidio Pertoso

  • gregorio ha scritto il 06 novembre 2021 alle 11:55 :

    dalla vena artistica lasciata sui marmi,deduco che diventeranno pizzaioli... Rispondi a gregorio

  • Mario Fortunato ha scritto il 06 novembre 2021 alle 10:19 :

    È stata solo una bravata di un ragazzino. Brava la mamma a denunciare suo figlio ma dovrebbe costringere lui a ripulire le scritte! Rispondi a Mario Fortunato

  • Domenico ha scritto il 06 novembre 2021 alle 10:10 :

    I signori Filotico possono perdonare: sono privati cittadini. I vigili no. È un gesto di arroganza di potere che non compete al comandante né al resto del Corpo. La sanzione, pur ridotta, va comminata.. Rispondi a Domenico

  • Realtà ha scritto il 06 novembre 2021 alle 09:39 :

    Eh no! COMANDANTE, la legge va applicata!!!! Non applicare la legge (se prevede sanzioni anche pecuniarie) rappresenta un gravissimo esempio. Significherebbe che basta un pentimento dei genitori per non pagare e non applicare la legge? Tutti faranno così allora Rispondi a Realtà

    Pina ha scritto il 06 novembre 2021 alle 15:42 :

    Sono d'accordo con lei, quando si sbaglia bisogna pagare. E poi non è la mamma che dovrebbe pulire ma chi ha commesso il reato Rispondi a Pina

  • ANTONELLA ha scritto il 06 novembre 2021 alle 07:38 :

    A ME IL GESTO DELLA SIGNORA NON E' PIACIUTO INVECE.... PRENDERSI LA RESPONSABILITA' DI QUELLO CHE E' SUCCESSO NON E' EDUCARE IL FIGLIO.... IN PRIMIS IL FIGLIO NON AVREBBE DOVUTO FARLO SECONDO L'EDUCAZIONE E IN SECONDO LUOGO ANZICCHE' PROTEGGERLI STI RAGAZZI FATELI PRENDERE LE RESPONSABILITA' DEI LORO GESTI PER AIUTARLI AD AFFRONTARE LA VITA DI TUTTI I GIORNI SENZA DI VOI. SAREBBE STATO MEGLIO SE LA MAMMA AVESSE ACCOMPAGNATO IL REGAZZO DAI VIGILI E COSTRINGERLO A PULIRE. COSI' FACENDO QUESTI RAGAZZI NON CRESCERANNO MAI. E POI SE SUO FIGLIO DOVESSE FARE ALTRO DI GRAVE CHE FA SI PRENDE LEI LA RESOPONSABILITA' DEL GESTO? COSI' NON GLI AIUTATE .... ANZI Rispondi a ANTONELLA

    Giuse ha scritto il 06 novembre 2021 alle 16:28 :

    Ottima osservazione che condivido in pieno. anche se è solo un dodicenne dopo un gesto "insano" deve capirne la gravità altrimenti diventa consuetudine fare "follie" che tanto poi c'è la mamma "di turno" che ci mette la faccia P.S. approvo il gesto di questa madre ma, avendo figli anche io, le suggerirei di usare un po di più le maniere forti. Rispondi a Giuse

    Domenico Pizzaleo ha scritto il 06 novembre 2021 alle 16:13 :

    Visto che si tratta di un minore è dovere dei genitori metterci la faccia e non solo, l'alto grado di senso civico della signora non è cosa comune oggi come oggi, denunciando il proprio figlio, alle autorità competenti, è una prova di di grande insegnamento x tutti, ma specialmente per suo figlio, che non dimenticarà mai,...Complimenti alla signora, Complimenti al signor Filotico, Alla sanzione preferirei i lavori socialmente utili, ...C'è ne sono davvero TANTI da fare. Rispondi a Domenico Pizzaleo

  • Enzo ha scritto il 06 novembre 2021 alle 07:15 :

    Tutto bene ciò che finisce bene! Rispondi a Enzo