Avvisi solo on line

Cimitero, rischio di sfratto senza nessun preavviso

Chi non è pratico di internet e chi non si reca frequentemente al cimitero, rischia quindi di non trovare più i resti dei propri defunti

Cronaca
Manduria sabato 09 gennaio 2021
di La Redazione
Colombaia in costruzione
Colombaia in costruzione © La Voce di Manduria

Il comune di Manduria non sta avvisando singolarmente (con lettera o altra notifica) i proprietari dei loculi della colombaia pericolante che deve essere svuotata per permettere i lavori di ristrutturazione. L’unico avviso è quello pubblicato il 31 dicembre sul sito web dell’ente oltre alle lettere fatte affiggere all’ingresso del cimitero e in prossimità della colombaia in questione. 

Chi non è pratico di internet e chi non si reca frequentemente al cimitero, rischia quindi di non trovare più i resti dei propri defunti perché nel frattempo saranno stati posti nella fossa comune. 
Il termine per richiedere i resti delle sepolture e deporli in sepolcreti personali, scadrà venerdì prossimo.

Oltre tale termine i loculi saranno svuotati e tutto finirà nella fossa comune. «Le richieste pervenute oltre tale data –, si legge nell’avviso pubblicato on line e affisso al cimitero -, non avranno riscontro e si procederà d’ufficio alle traslazioni dei resti mortali per riporli in luoghi comuni». 
Evidente lo svantaggio che avranno molti i manduriani, soprattutto le persone anziane non abituate a navigare in internet e curiosare sul sito del comune o che non si recheranno al cimitero sino al venerdì prossimo.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • cosimoantonio ha scritto il 11 gennaio 2021 alle 08:07 :

    Ma potete chiarire per favore di quale colombaia si tratta al cimitero vecchio o a quello nuovo, non tutti conoscono l'ubicazione di detta colombaia..chi può chiarirlo lo faccia e intanto ringrazio anticipatamente. Rispondi a cosimoantonio

  • Enzo Caprino ha scritto il 09 gennaio 2021 alle 11:12 :

    Questo è il solito modo arrogante di procedere tipico di questa amministrazione. Rispondi a Enzo Caprino