Pericolo di nuovi incendi

Le "pulizie al mare", è emergenza ambientale a San Pietro in Bevagna IL VIDEO

Inciviltà e mancanza di servizi sono responsabili della solita emergenza ambientale lungo le coste manduriane. Un video pubblicato questa mattina su Facebook dall’attento osservatore manduriano Francesco Capogrosso...

Attualità
Manduria lunedì 28 maggio 2018
di La Redazione
Emergenza ambiente
Emergenza ambiente © La Voce

Inciviltà e mancanza di servizi sono responsabili della solita emergenza ambientale lungo le coste manduriane. Un video pubblicato questa mattina su Facebook dall’attento osservatore manduriano Francesco Capogrosso, rende molto bene la situazione in cui si trova la località marina di Manduria dove l’assenza di adeguati raccoglitori dell’immondizia legata al mancato senso civico dei cittadini che abbandonano per strada ciò che non dovrebbero, sono le concause di queste scene che non si dovrebbero vedere.

La zona documentata nel video, è quella dell’area mercatale di San Pietro in Bevagna, a pochi metri dal mare e in un’area densamente abitata già teatro pochi giorni fa di un incendio di rifiuti. La discarica a cielo aperto che si è ricreata dopo le “pulizie” del fine settimana delle numerosissime case al mare, è pronta, se non si provvede in tempo, ad un nuovo enorme rogo che brucerà tutto.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Blaster ha scritto il 28 maggio 2018 alle 17:29 :

    Il bello che si continua a dare la colpa ai cittadini.. vorrei ricordare che i residenti a san pietro pagano( come tutti i residenti di un qualsiasi comune) lo smaltimento che , durante l invernata, per molti non è raggiungibile a piedi. Ora c'è da capire qual è l inciviltà. Gettare rifiuti come nostro diritto o non fornire un servizio adatto nonostante sia abbondantemente pagato? Rispondi a Blaster

  • lorenzo sangu messapico ha scritto il 28 maggio 2018 alle 14:06 :

    Benvenuti nel Salento selvaggio in tutti i sensi. Anzi tra pochi giorni roulotte parcheggiate sugli scogli, parcheggi abusivi dentro la riserva naturale del Chidro, bancarelle in ogni dove, strade da terzo mondo e.....ovviamente rifiuti in ogni dove. Lu mari lu soli e lu ientu. Evviva San Pietro che ha finito le preghiere. Del resto San Cosimo con la discarica non sta meglio. Evviva Mexico! Evviva la politica e le Istituzioni. Evviva la Costituzione calpestata. Rispondi a lorenzo sangu messapico

  • Josef Küsperth ha scritto il 28 maggio 2018 alle 12:34 :

    Come residente in questa zona, mi chiedo perché pago quasi € 200 all'anno per lo smaltimento dei rifiuti. Devo ringraziarti ora per questa condizione, perché ottengo il 30% di riduzione dei costi .... perché sono residente ?? Cosa pago ??? ... quali borse devo riempire ??? Als Bewohner dieser Gegend frage ich mich warum ich jedes Jahr fast 200€ für die Müllentsorgung bezahle. Muss ich mich jetzt für diesen Zustand auch noch bedanken, weil ich 30% Reduzierung der Kosten erhalte.... weil ich ja ein Bewohner bin ?? Wofür bezahle ich??? ... welche Taschen fülle ich??? Rispondi a Josef Küsperth