Paladina dell'ambiente riconosciuta da tempo

Romina: mai visto un depuratore tra le riserve naturali

L'ex moglie di Al Bano in una intervista su Oggi difende la costa manduriana

Attualità
Manduria martedì 20 luglio 2021
di La Redazione
Romina Power a Torre Colimena per difendere il mare dallo scarico del depuratore (Foto d'archivio pre-pandemia)
Romina Power a Torre Colimena per difendere il mare dallo scarico del depuratore (Foto d'archivio pre-pandemia) © La Voce di Manduria

Conquistato da tempo sul campo il titolo di “paladina dell’ambiente”, la famosissima Romina Power (a differenza di molti altri), non si arrende all’ipotesi di un depuratore con scarico nel mare di Torre Colimena e non perde occasione per farsi portavoce del problema nei salotti televisivi di tutte le reti nazionali ed ora anche sui rotocalchi. La cantante americana ha rilasciato una lunga intervista al settimanale Gente (già in edicola) dedicandola alla sua battaglia ambientalista contro l’opera che sta nascendo tra la salina del Conte e il fiume Chidro, entrambe zone protette e super tutelate, così almeno dovrebbero essere.  

Nell’intervista al settimanale, l’ex moglie di Al Bano ha rivelato: «Da anni proponiamo soluzione alternative e spero vivamente che chi ha promesso che non ci sarebbe stato lo scarico a mare si assuma le responsabilità delle promesse fatte».

E ancora. «Non finirò mai di amare il Salento, le sue acque limpidissime nonostante il carico turistico estivo ed è per questo che mi addolora l’ipotesi che proprio qui, a due passi dalla Salina e dal Chidro, dalle spiagge e dai fondali ricchi si storia si possa pensare di scaricare le acque di un depuratore fognario!»
Nonostante tutte le proteste e le manifestazioni contro il depuratore, è già stato costruito il corpo centrale della struttura ed a breve gli uffici regionali delle autorizzazioni ambientali valuteranno la proposta sugli scarichi complementari che prevedono un primo recapito al suolo vicino alla Masseria Marina di San Pietro in Bevagna (un’area paludosa quanto dieci campi di calcio che l’Aqp definisce romanticamente “Parco dell’acqua”) e uno scarico emergenziale nel bacino dell’Arneo collegato al mare di Torre Colimena.  
«Non si può costruire un depuratore in una riserva naturale», insiste Romina nella sua intervista. «Non sono contro i depuratori – dice - ma contesto la scelta di costruirne un depuratore così grande in una zona ricca di riserve e natura». Insomma Romina Power spera che il progetto venga rivisto e che non si metta a rischio questa splendida parte del Salento.

Lascia il tuo commento. (Quelli con indirizzo email falso non saranno pubblicati)
commenti
I commenti degli utenti
  • Domenico ha scritto il 22 luglio 2021 alle 20:07 :

    La puglia con i suoi 184 depuratori ha le coste e il mare più ricercato e pulito d'Italia. Fatevene una ragione, serve fare subito il depuratore. Rispondi a Domenico

  • Grazia colucci ha scritto il 22 luglio 2021 alle 06:28 :

    Grazie Romina, per l’interessamento! Io vengo ogni anno Ed ho comprato casa qui perché é un paradiso. Non posso credere che ci siano persone che non tutelano il bene più prezioso di questo territorio. Scendiamo tutti in piazza e impediamo lo scempio. Rispondi a Grazia colucci

  • cittadino ha scritto il 21 luglio 2021 alle 06:28 :

    Le posso assicurare Sig.ra Power che, in tutto il mondo, anche e sopratutto in quello considerato "terzo mondo" esiste un posto come Manduria, dove il progresso è sinonimo di regresso.... Pensi che qui c'è gente che se ne fa vanto Rispondi a cittadino

  • Gregorio ha scritto il 20 luglio 2021 alle 15:36 :

    MANDURIA,,,, a statuto speciale dove tutto è nella norma Rispondi a Gregorio

  • giovanni ha scritto il 20 luglio 2021 alle 14:18 :

    Meglio lasciare le cose come stanno, ma chi l'ha detto che bisogna fare il depuratore? da quando è iniziata questa storia si sono dette tante parole ma non più dei liquami versati nei pozzi a perdere. Mi piacerebbe una bella inchiesta giornalistica per sapere che fine fanno i liquami prodotti a San Pietro, quale giro d'affari per i venditori più o meno abusivi di acqua, e quanti liquami vengono smaltiti regolarmente. Direttore Di Noi se ci sei batti un colpo. Rispondi a giovanni

  • Senza cuore ha scritto il 20 luglio 2021 alle 14:10 :

    La Romina non dice una parola contro quelli che scaricano cacca nel sottosuolo con pozzi neri? adesso tutti ambientalisti prima tutti costruttori abusivi! Rispondi a Senza cuore

    cittadino ha scritto il 21 luglio 2021 alle 06:31 :

    tenga presente che le fosse IMOF sono perfettamente a norma di legge, e criminali sono chi le buca per risparmiare sul periodico svuotamento.... se lo ricordi Rispondi a cittadino

  • Giuanni cu la camisa cranni ha scritto il 20 luglio 2021 alle 11:20 :

    ...si !! Ma il nostro comune , è fuori dal COMUNE !!! Rispondi a Giuanni cu la camisa cranni

  • Lorenzo ha scritto il 20 luglio 2021 alle 07:18 :

    Cara Romina, ti ammiro veramente per quello che stai dicendo a tutela della Marina. Purtroppo non vai a vedere il Fiume Chidro ( parte interna) da molto. Ruspe e spianate di vegetazione, nascoste e forse sorvegliante con telecamere abusive, confini della Riserva abbattuti. L'associazione parcheggi nel fiume che domina il panorama e Direttore di Riserva che mostra la bellezza della Salina Monaci, stando zitto su depuratore e distruzione nascosta della Riserva Chidro. Uno schifo totale. Nessun organo preposto che interviene a tutela del fiume Chidro. Anarchia totale e i bagnanti nel fiume ignari di immergersi in acque cariche di batteri fecali. Ma mi domando l' ispettore della Regione Francesco Basi, sa cosa succede al Fiume Chidro? Opinioni Rispondi a Lorenzo

    Gregorio ha scritto il 20 luglio 2021 alle 11:29 :

    Bravo! ,e aggiungo , in prossimità del fiume Chidro, hanno ampliato il parcheggio auto e, di fronte (oggi di proprietà di Franco Bruto) si comincia a pulire di erbaccia e canne, fra poco ci metteranno dell'asfalto e, tra non molto faranno qualche casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, poi un'altra casetta, ......🤬🤬🤬🤬🤬 Rispondi a Gregorio

    Lorenzo ha scritto il 20 luglio 2021 alle 12:22 :

    No no tranquillo, Ristorante di 3 piani con vista Mare a 180 gradi, piscina con acqua di fiume corrente e acquario nella hall del ristorante con tartarughe vere che nuotano felici. Il ristorante si chiamerà CECAZZUMINIFOTTI della Riserva del Chidro. 😜 Rispondi a Lorenzo

    Gregorio ha scritto il 20 luglio 2021 alle 14:03 :

    🤣🤣 ....il nome del ristorante e abbastanza ORIGINALE !!