Mercoledì, 17 Aprile 2024

Giudiziaria

Il presunto stalker è un imprenditore di Avetrana

Lettere e chat di fuoco alla sua ex che lo denuncia: imprenditore assolto dopo 5 anni di processo

Tribunale Taranto Tribunale Taranto

Una relazione extraconiugale finita male tra due persone adulte. Conclusa peggio in tribunale dove l’uomo, un imprenditore di Avetrana oggi settantunenne, è stato trascinato dalla sua ex, separata e residente in un altro comune della provincia di Taranto. La donna più giovane di lui di venti anni, lo aveva denunciato per atti persecutori, offese e minacce attraverso lettere e post pubblicati sui social. Quasi cinque anni di udienze, testimonianze, consulenze e perizie, sino all’assoluzione dell’uomo difeso dagli avvocati di fiducia Franz Pesare e Stella Cito

I fatti denunciati dalla donna sarebbero accaduti tra il 2015 e il 2017. In quegli anni, secondo quanto denunciato dalla presunta vittima, l’imprenditore che era stato lasciato avrebbe iniziato ad importunarla non sopportando l’abbandono. Approcci che sarebbero diventati sempre più pressanti e insistenti sino alla persecuzione, ha raccontato la donna nella denuncia presentata ai carabinieri. Così l’avetranese è stato indagato per diffamazione e minacce in concorso con sconosciuti. «Con condotte reiterate ed in esecuzione di un medesimo disegno criminoso – scriverà il pubblico ministero che se ne occupa, la sostituta procuratrice Filomena Di Tursi nell’avviso di garanzia -, mediante numerosi messaggi diretti» alla vittima «alla quale era stato legato da una relazione sentimentale, nonché a parenti, amici e conoscenti della stessa, offendeva la reputazione e la minacciava». Gli insulti, tutti riportati sulle varie messaggistiche finiti agli atti del processo, erano di questo tipo: «marcia, falsa perbenista, tettona». Ed anche minacce come «stai attenta, ora sono “cavoli” tuoi».

Rinviato a giudizio per questo, nel 2019 è iniziato il processo che si è chiuso l’altro ieri con la sentenza pronunciata dalla giudice monocratica della prima sezione penale del Tribunale di Taranto, Luana Loscanna, che ha assolto l’imputato «perché il fatto non sussiste». I suoi avvocati hanno smontato le principali accuse di natura informatica (file), cartacea (lettere) e social (chat sui vari canali), tutte prive dell’origine. Non sarebbe stato possibile accertare, insomma, che a scrivere quelle offese fosse stato l’imputato che è stato così assolto con la formula piena. La pubblica accusa aveva chiesto la sua condanna con una pena di sei mesi di reclusione.

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Tutte le news
La Redazione - oggi, mer 17 aprile

Prima condanna per patteggiamento tra gli imputati coinvolti nel delitto del giovane leccese di etnia rom, Natale Naser Bahtijari, di ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mer 17 aprile

Nuova impennata dei prezzi del carburante da autotrazione. Secondo i dati del portale specializzato “Komparing. com” che analizza costantemente ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mer 17 aprile

L’amministrazione comunale di Manduria si appresta a fare approvare dal Consiglio comunale la variante urbanistica necessaria ai lavori per la ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mer 17 aprile

L’Istituto Comprensivo “Michele Greco” nel mese di febbraio ha promosso,  in collaborazione con “Butterfly book”, la buona pratica ...

Tutte le news
La Redazione - mar 16 aprile

Due vittime e due feriti, di cui uno grave, nell'ennesimo incidente avvenuto sulla solita statale Taranto ...

Macchia mediterranea rasa al suolo, il Tribunale libera l’area
La Redazione - ven 26 gennaio

Il giudice delle indagini preliminari del Tribunale di Taranto non ha convalidato il sequestro preventivo della vasta area situata sulla Manduria Maruggio che era stata “sigillata” perchè oggetto di lavori di disboscamento ...

Abuso d’ufficio, processo per dirigenti comunali e commissari, l’avvocato del comune rinuncia all’incarico
La Redazione - mer 31 gennaio

A pochi giorni dall’apertura del processo a carico dell’ex comandante della polizia municipale di Manduria, Vincenzo Dinoi, dei tre ex commissari straordinari e dell’ex ingegnere ...

“Abuso d’ufficio e di funzione”, l’onorevole Maiorano rischia il processo
La Redazione - gio 1 febbraio

L’onorevole maruggese, Giovanni Maiorano, rischia di andare a processo per rispondere di abuso d’ufficio. Reato che avrebbe commesso quando ricopriva funzione di assessore del comune di Maruggio.  A chiedere ...