Domenica, 2 Ottobre 2022

Gli articoli

La delusione del collettivo della generazione zeta

"Le scuole di Manduria e Sava insensibili al futuro dell'ambiente

Fridays For Future Fridays For Future © La Voce Di Manduria

Manca all'incirca una settimana allo Sciopero Globale di Fridays For Future del 23 settembre. I referenti del gruppo locale son rimasti delusi dalla noncuranza e dalla mancata sensibilità delle scuole manduriane e savesi nei confronti di un futuro più pulito e sostenibile. Alle email e PEC inviate a tutte le scuole, superiori e medie, chiedendo di autorizzare e organizzare, all'interno degli stessi Istituti, un die-in di protesta, non si è mai ricevuta risposta.

In tutta Italia invece diversi Istituti Superiori han già dichiarato emergenza climatica nei propri presidi e docenti di decine di scuole per regione affiancano il movimento giovanile globale Fridays For Future (Teachers For Future). Questa realtà, purtroppo, qui, è ancora molto lontana. La scuola deve essere parte della soluzione non un problema e questo flash mob negli Istituti sarebbe stato un'occasione, non solo per protestare all'insegna delle imminenti elezioni coinvolgendo studenti, docenti e dirigenti, ma per dare un senso a questo sciopero con dibattiti e campagne di sensibilizzazione sull'ecologia e ambiente non saltando un giorno di scuola.

Sicuramente sarebbe stata gradita una risposta alle numerose email inviate, in questo modo fuoriesce solo un mancato interesse verso noi studenti, oltre che per le lotte contro la crisi climatica di cui tutti ne osserviamo le conseguenze. In queste ore la politica ipocrita piange i morti dell'alluvione nelle Marche. Tutti gli esperti concordano che da oltre 10 anni il clima è cambiato. Il Mise, ad esempio, era già esondato 8 anni fa causando tre morti e non è stato mai fatto nulla. Se il clima è cambiato anche il nostro approccio deve cambiare. Un'ennesima occasione di lungimiranza della dirigenza degli Istituti Scolastici è stata sprecata con il vecchio paradigma che i giovani vogliono fare giorno di festa e non riappropriarsi del proprio futuro.

La Dora


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
La generazione Z porta per la prima volta il Pride a Manduria
La Dora Voce alla generazione Zeta - gio 30 giugno

Claim: generaZione queer. Siamo arrivati a fine giugno e, io, LaDora, insieme a un gruppo di circa 30 ragazzi abbiamo constatato che è arrivato il momento di celebrare il primo Pride a Manduria. Probabilmente è la prima volta ...

Parla Cristina la Drag Queen madrina del primo pride manduriano
La Dora Voce alla generazione Zeta - sab 2 luglio

Cristina Prenestina, Francesco all’anagrafe, sarà la «fata madrina» del Manduria Pride 2022. Grottagliese di nascita ma residente a Roma, racconta in quest’intervista targata LaDora, com’è nata ...

Programma estivo no genZ
La Dora Voce alla generazione Zeta - mer 6 luglio

È uscito il programma estivo Pecoraro-De Marco e, ancora una volta, con questi eventi, hanno dimostrato un non interesse nei confronti della genZ. Incontri e manifestazioni retrò che costringono i ragazzi a trovare divertimento altrove, avvalendosi di navette e ...