Venerdì, 12 Agosto 2022

Cronaca

L'allarme inascoltato della dirigente della Prudenzano

Furti seriali nella scuola, presi due minori

Scuola Prudenzano Scuola Prudenzano

Sette furti in tre mesi, sempre nello stesso posto e alla fine due minorenni sono stati acciuffati e denunciati a piede libero mentre altri due ragazzi, forze più grandi di loro, sono riusciti a fuggire. Obiettivo dei ladri sempre l’istituto scolastico comprensivo Prudenzano di Manduria che a quanto pare era diventato un bancomat per chi aveva bisogno di materiale di cancelleria, carta igienica e vettovagliamento vario custodito nel deposito situato nello scantinato del plesso che si trova sul viale della stazione ferroviaria. Un luogo senza nessuna custodia, sino a qualche giorno fa almeno, e a quanto pare dimenticato dalle autorità comunali nonostante numerosi solleciti da parte dei responsabili dell’Istituto.

Ma parliamo della cronaca. Martedì sera la banda si era nuovamente introdotta nel deposito attraverso un varco creato dalla rottura del vetro di una porta durante la prima scorribanda dello scorso mese di maggio. Questa volta l'intrusione ha messo in azione il sensore collegato con l’istituto di vigilanza Vis che lo aveva installato qualche giorno prima. Informati dell’allarme dalla centrale operativa, due agenti di vigilanza sono arrivati sul posto riuscendo a bloccare due dei quattro giovani che avevano già caricato un carrello di ogni bene pronto per portarselo via. I vigilanti hanno fatto intervenire la polizia di Stato che ha portato i minori negli uffici del commissariato dove sono stati identificati e denunciati prima di affidarli ai genitori e ai rispettivi avvocati.     

Questa la cronaca. Rimane aperta l'inerzia del comune che sarebbe stato più volte sollecitato dalla responsabile dell’Istituto, almeno ogni volta che il deposito con il varco aperto veniva visitato dalla banda di ragazzini, con la solita richiesta di provvedere a sostituire il vetro e rinforzare la finestra con una grata. Sarebbero state anche inviate delle lettere ufficiali agli organi politici e tecnici del comune ma tutte ignorate e senza risultato. L’unico a muoversi è stato l’istituto di vigilanza Vis che in forza di una convenzione con il comune che gli affida il controllo di tutte le scuole comunali, due giorni prima l’ultimo furto fallito ha installato di sua iniziativa e su invito della dirigenza dell’istituto, i sensori grazie ai quali sono stati individuati e denunciati i due minorenni intenti a rubare. Attualmente il varco è ancora aperto.   


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 12 agosto

Quando andrà in funzione il nuovo depuratore di Manduria e Sava, ancora in fase di completamento nella marina di Specchiarica confine Urmo-Belsito ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 12 agosto

Dopo le sedie e lo stendino per occupare il posto auto davanti casa, da San Pietro in Bevagna arriva un'altra ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 12 agosto

Si terranno oggi pomeriggio alle 17,00 i funerali di Guido Prudenzano, lo sfortunato metalmeccanico di 53 anni originario di Sava ma residente ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 12 agosto

Manca pochissimo alla Festa del giornale dedicata “alle libertà, tutte” di sabato 20 agosto al Parco Malorgio ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 12 agosto

Un vino Primitivo prodotto e imbottigliato dalle Cantine due Palme di Cellino San Marco si chiamerà “Le radici ca tieni”. ...

Troppe alghe, il sindaco chiude la spiaggetta libera di Colimena. "pericolosa"
La Redazione - ven 5 agosto

Dopo il fiume Chidro, il sindaco di Manduria, Gregorio Pecoraro, ha vietato la balneazione e l’accesso alla spiaggetta del porto naturale di Torre Colimena perché  per circa 300 metri è interessata ...

Scontro con la moto,  muore nelle Marche giovane manduriano
La Redazione - sab 6 agosto

Un altro lutto ha colpito una famiglia di manduriani che vive nelle Marche e he ha perso il figlio 24enne vittima di un incidente stradale. Enrico Pichierri, questo il suo nome, operaio di un mobilificio di Chiesanuova di Treia, in provincia ...

Dramma a Uggiano che saluta il suo Guido
La Redazione - sab 6 agosto

Abitava da anni a Uggiano Montefusco ed era originario di Sava l’operaio di 53 anni che ha perso la vita ieri mattina per un fatale incidente sul lavoro avvenuto nell’impresa metalmeccanica di Taranto di cui era dipendente da diversi anni. Guido Prudenzano, ...