Domenica, 2 Ottobre 2022

Giudiziaria

Dopo quattro anni di indagini, a febbraio dello scorso anno il tribunale di Taranto aveva disposto il giudizio immediato a carico degli imputati

Avevano manifestato contro l’opera di Aqp a Specchiarica, in 6 denunciati, sotto processo e assolti

L L'Aqp sposta di una settimana l'inizio lavori del depuratore a Urmo | © La Voce

Erano stati denunciati in sei, cinque di Avetrana e uno di Manduria, perché l’8 marzo del 2017 avevano preso parte ad un presidio di protesta pacifica davanti al costruendo cantiere del depuratore consortile di Manduria e Sava. Finiti sotto processo, sono stati tutti assolti per intervenuta prescrizione. «In unione e concorso fra di loro – si legge nell’atto di citazione in giudizio -, promuovevano in luogo pubblico una riunione senza darne avviso al Questore tre giorni prima». Un’imputazione vecchia di novant’anni (il Reggio decreto porta la firma di Re Vittorio Emanuele III) che agli imputati è costata un decreto di condanna prima e un processo penale poi per concludersi dopo cinque anni con la prescrizione del reato. Tra i nomi alla sbarra anche l’ex vicesindaco di Avetrana, Alessandro Scarciglia che con gli altri cinque era stato fermato e identificato dal personale del commissariato della polizia di Stato di Manduria. Gli altri manifestanti denunciati, tutti componenti del comitato cittadino che per anni ha cercato di opporsi al megadepuratore in località Urmo-Belsito di Specchiarica, marina di Manduria, sono Silvio Sammarco, Antonio Saracino, Gennaro Fortunato, Giuseppe Morleo e Realino Pignatelli.

Dopo quattro anni di indagini, a febbraio dello scorso anno il tribunale di Taranto aveva disposto il giudizio immediato a carico degli imputati che si erano opposti al decreto di condanna.  Dopo due rinvii, colpa anche il fermo pandemico, il giudice monocratico del tribunale ionico, Clara Cirone, ha pronunciato la sentenza di assoluzione per tutti. Il collegio difensivo era composto dagli avvocati Enzo Tarantino, Francesco Di Lauro e Raffaele Missere.  

La vicenda chiude processualmente una stagione di proteste contro il contestatissimo depuratore che soprattutto gli avetranesi non hanno mai digerito perché situato proprio sul confine della loro zona residenziale. Un’opera quasi completata, mancante ancora del recapito finale dei reflui recentemente individuate in contrada Masseria Marina, lontana dalle villette degli avetranesi e più vicine a San Pietro in Bevagna, località balneare dei manduriani che a differenza dei cugini avetranesi hanno accolto quasi passivamente le trincee drenanti che solo una frangia ambientalista della popolazione, sicuramente la minoranza di essa, sopporta come un pugno nello stomaco.

Nazareno Dinoi


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

5 commenti

  • Cricoriu
    gio 28 aprile 11:07 rispondi a Cricoriu

    No li putiunu sparagnari sti sordi?

  • Fernando
    gio 28 aprile 05:35 rispondi a Fernando

    Mi sto ancora chiedendo se il manduriano abbia amato mai la sua terra.

  • Lorenzo
    gio 28 aprile 05:34 rispondi a Lorenzo

    Ovviamente la politica e le grandi opere, è risaputo che in Italia il diritto di manifestare contro è quasi sempre represso con leggi e leggine dei tempi non consoni. Tuttavia invece se vuoi distruggere un area protetta ( Chidro) e in estate trasformarla in una piscina comunale, orinatoio pubblico, bivacco e ammasso di rifiuti, tranquilli le autorità se ne fregano.... Per il bene comune. 😜Francescane Brutture. Opinioni

    • Gregorio 1
      gio 28 aprile 14:26 rispondi a Gregorio 1

      Bravo, infatti, si viene denunciati se si DIFENDE l’ambiente, mentre se butti dell’amianto... ti premiano 🥉🥈🥇🏅🏆 questa è la burocrazia !!!

    • Strada per maruggio
      gio 28 aprile 14:17 rispondi a Strada per maruggio

      Solo in russia chi manifesta viene condannato qua chi ha fatto il danno e stato rieletto per coprire I danni fatti e fa dichiarazioni per lavarsi la coscienza vedi articolo apparso oggi su questo giornale onore a chi ha manifestato naturalmente piu di avetrana perche di manduria ci sono molti legami

Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 2 ottobre

Con una recente sentenza il Giudice di Pace di Lecce ha accolto il ricorso di un automobilista manduriano che si era visto contestare ...

Tutte le news
La Redazione - sab 1 ottobre

Lei di Manduria, lui di Torricella. Teresa Dimonopoli e Yari Motolese sono i loro nomi e questa sera ...

Tutte le news
La Redazione - sab 1 ottobre

I vigili urbani di Manduria hanno circoscritto con il nastro un tratto di marciapiede di via Salvatore Gigli per impedire il passaggio pedonale ...

Tutte le news Tutte le news
La Redazione - sab 1 ottobre

Il sindaco di Manduria, Gregorio Pecoraro, ha pubblicato ieri sul suo profilo Facebook il video della polizia locale che riprende le scene di 8 “sporcaccioni” ...

Tutte le news
La Redazione - sab 1 ottobre

Il Comune di Manduria è chiamato ad esprimersi sulla realizzazione di un mega impianto fotovoltaico di circa 30 ettari ...

Chiedeva 25mila euro al giornalista che aveva fatto il suo dovere, il giudice: diritto di cronaca
La Redazione - sab 7 maggio

Il presunto “falso cieco” aveva chiesto 25mila euro al giornalista che aveva dato notizia ma il Tribunale respinge la richiesta: “è stato giusto diritto di cronaca” ...

Inchiesta antidroga Chidro, per due manduriani si rifarà l’appello
La Redazione - ven 13 maggio

Continua a perdere sostanza, in termini di pene da pagare, la grande inchiesta sul traffico di droga che girava nelle marne di Manduria, culminata con il blitz della polizia che nel 2013 portò in carcere dodici presunti spacciatori ...

Assolto imprenditore manduriano dopo 8 anni alla sbarra
La Redazione - sab 14 maggio

Un imprenditore manduriano di 40 anni, F. T. le sue iniziali, è stato assolto dopo essere stato indagato per presunti maltrattamenti nei confronti della sua convivente, E. O. , di 36 anni, che nel 2014 lo aveva lasciato dopo circa 8 anni ...