Il salone è sempre attivo

Un'altra parrucchiera positiva al Covid: "mi sono contagiata al di fuori della mia attività"

Il virus trasmesso dal figlio

Cronaca
Manduria venerdì 08 gennaio 2021
di La Redazione
Giusy Durante
Giusy Durante © Facebook

Dopo Leo Libardi, un’altra acconciatrice manduriana è risultata positiva al coronavirus. Si tratta di Giusy Durante che ha reso pubblico il suo stato con un post pubblicato su Facebook.

A differenza del suo collega che ha contratto il virus da una cliente, la parrucchiera Durante fa sapere che ad averla contagiata è stato il figlio.

Ecco il contenuto del post della professionista.

«Cari amici, care clienti, vi comunico che sono positiva al covid! Purtroppo il maledetto ha colpito mio figlio e di conseguenza me! Il contagio, ci tengo a dire, è avvenuto fuori dalla mia attività lavorativa! A tal proposito la mia collaboratrice Mariachiara sarà a vostra disposizione essendo negativa. Convita della vostra pazienza spero di potervi riaccogliere personalmente».

L'attività del salone, quindi, non si ferma ed è sicura. La famiglia dell’acconciatrice dovrà ora rispettare un periodo di quarantena che terminerà al termine del ventunesimo giorno dalla comparsa dei primi sintomi. Dopo di che potranno riprendere vita sociale sempre nel rispetto delle norme sul distanziamento sociale.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • PDV ha scritto il 09 gennaio 2021 alle 10:56 :

    Purtroppo la situazione di Manduria è da Zona non rossa ma bordeaux. Bisogna che qualcuno ne prenda atto e adotti contromisure. Se non vogliamo compromettere l'estate (non esagero) bisognerebbe pensare da adesso. E se tutti quelli che hanno la casa a mare attrezzata la raggiungessero sin da ora consentendo l'apertura delle attività da adesso? Più le persone sono sparse sulla superficie meno contagi. È solo un'idea buttata così. Rispondi a PDV

    Lorenzo ha scritto il 09 gennaio 2021 alle 17:13 :

    Idea ottima, unico problema, hanno fatto scappare il medico di famiglia per mancanza di locali idonei, tante vie sono al buio pesto, le spiagge piene di alghe puzzolenti e l'acqua potabile in molte aree è inesistente. L'idea comunque non è da sottovalutare. Rispondi a Lorenzo

  • matteo smeraldi ha scritto il 08 gennaio 2021 alle 17:25 :

    Cominciano ad uscire i contagiati delle feste natalizie e tra una diecina di giorni ci saranno quelli del cenone di fine anno.....avanti così 😀😉 Rispondi a matteo smeraldi