Venerdì, 9 Dicembre 2022

Ambiente

Rischio ambientale

“Trincee drenanti, procedura irregolare”, c’è il ricorso al Tar

La sede del Tar di Bari La sede del Tar di Bari

Come era stato preannunciato, i proprietari di alloggi e terreni vicino alla Masseria La Marina dove dovrebbero essere realizzate le trincee drenanti del depuratore di Manduria e Sava, ed alcune associazioni ambientaliste e politici manduriane, hanno presentato un ricorso al Tar.

L’opposizione che sarà seguita dagli avvocati Claudio Linzola del foro di Milano e Francesco Di Lauro del foro di Taranto, mira all’annullamento della variante urbanistica con la quale il Comune di Manduria ha ceduto all’Acquedotto pugliese sei ettari di terreno costiero per le trincee disperdenti del nuovo depuratore. Nel ricorso composto da 19 pagine, i due legali sollevano dubbi di legittimità e correttezza amministrativa da parte dell’amministrazione Messapica nell’approvare la delibera consigliare di modifica dell’assetto urbanistico dei terreni che interessano l’ente idrico. Percorrendo l’intero iter progettuale più volte modificato che ha avuto inizio nel lontano 2005, gli avvocati chiedono l’annullamento delle delibere approvata a maggioranza dai consigli comunali del 22 aprile e del 8 giugno scorsi.     

Tra i vizi di procedura sollevati, il più importante riguarda la mancata approvazione del progetto complessivo dell’opera idrica mancante ancora di alcune autorizzazioni e valutazioni ambientali. I ricorrenti si chiedono come l’organo consiliare Messapico abbia potuto approvare una modifica urbanistica per un’opera ancora apriva di un progetto compiuto. «La Regione Puglia – si legge nel ricorso - non ha potuto trasmettere alcun progetto approvato al Comune ed il Comune non poteva, e non doveva, adottare o approvare nulla di nulla». 
Il comune, secondo i ricorrenti, non poteva approvare una variante ai soli fini urbanistici, ma solo in funzione di un’opera pubblica che, non avendo tutte le carte in regola, è come se di fatto non esistesse ancora. 

A firmare il ricorso, oltre a sei persone di nazionalità estera, sono stati i rispettivi responsabili del Comitato per il Parco Regionale del Mar Piccolo di Taranto, dei movimenti politico di «Manduria Noscia» e «Verdi Manduria» e le associazioni «Azzurro Ionio», «Lega per l’abolizione della caccia» e «Wwf Italia».


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

4 commenti

  • Lorenzo
    gio 29 settembre 09:27 rispondi a Lorenzo

    Legambiente Manduria? 🤔🤔🤔

  • Realtà
    gio 29 settembre 08:28 rispondi a Realtà

    E basta con il bloccare tutto!

    • Gregorio-1
      gio 29 settembre 13:17 rispondi a Gregorio-1

      Sig. Realtà, Lei si dovrebbe chiamare Fantasia, ma torniamo al punto, il problema è…non si tratta di bloccare tutto , ma effettuare un depuratore d’avanguardia, in modo che non ci siano problemi in futuro. Chiaramente “ NO SCARICO A MARE “ .. le acque (filtrate) destinate alle campagne . Grazie per la cortese attenzione !!

      • Al serio
        sab 1 ottobre 14:56 rispondi a Al serio

        Dal mitico ambientalista Vendola in poi ne abbiamo viste di tutti i colori... Bloccare tutto? Purtroppo dovremo rifare tutto, perché il progetto è nato senza criterio fin dall'inizio e portato avanti peggio

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 9 dicembre

L’ingegnere comunale Alessandro Pastore, ha dato parere sfavorevole al procedimento di valutazione integrata ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 9 dicembre

Lo sversamento dei reflui depurati nel bacino Arneo di Torre Colimena non impedirà la balneazione perché l’Acquedotto ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, ven 9 dicembre

“Avevo un conto aperto con il fumetto. Un debito antico maturato da qualche parte ...

Tutte le news
Proclamato lutto cittadino Avetrana in lutto per la piccola Viola
La Redazione - gio 8 dicembre

Avetrana in lutto per la morte di una giovanissima di appena 5 anni. Viola Buccoliero il suo nome, era ricoverata in un ospedale romano per combattere una malattia ...

Tutte le news
La Redazione - gio 8 dicembre

I due consiglieri comunali di minoranza, Domenico Sammarco e Gregorio Gentile, hanno ufficialmente aderito al Partito democratico e costituiscono ...

Depuratore, l'Arpa presenta nuove osservazioni al progetto
La Redazione - ven 26 agosto

È iniziato sotto il caldo sole d’agosto il lungo braccio di ferro, ancora in corso, tra l’Arpa, l’Agenzia regionale per la prevenzione e la protezione dell’ambiente dipartimento di Taranto e l’Acquedotto pugliese. ...

Abitazioni deprezzate con il depuratore, Saracino chiede di denunciare Aqp, Regione, Manduria e Sava
La Redazione - sab 27 agosto

Il leader degli ambientalisti di Avetrana, Antonio Saracino, ha chiesto al suo sindaco, Antonio Iazzi di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Taranto contro l’Acquedotto pugliese, ...

Fila di camper sulla litoranea, partono i controlli dei vigili urbani
La Redazione - sab 27 agosto

I vigili urbani ieri hanno fatto un controllo dei camper parcheggiati da tempo sulla litoranea di San Pietro in Bevagna all’altezza del fiume Chidro. Dall’inizio dell’estate una decina di van si sono alternati occupando ...