Domenica, 27 Novembre 2022

Giudiziaria

Il beneficio per la donna rimasta sola grazie all'avvocato Pompigna

Trent’anni fa la malattia del marito, oggi il vitalizio alla vedova

Palazzo di giustizia Taranto Palazzo di giustizia Taranto

La sezione Lavoro del Tribunale di Taranto, giudice Giulia Viesti, ha stabilito il diritto ad una rendita vitalizia alla vedova di un manduriano, ex lavoratore dell'indotto Ilva di Taranto (ora Acciaierie d'Italia), morto per mesotelioma pleurico, riconoscendo come causa l'esposizione all'amianto.

La particolarità della sentenza è che la malattia si è manifestata dopo trent'anni dalla cessazione del rapporto di lavoro dell'operaio che è stato alle dipendenze di Fintecna dal 1972 al 1983. La pronuncia del magistrato riconosce la malattia professionale anche dopo trent'anni dall'avvenuta esposizione confermando così la pericolosità delle fibre d'amianto che una volta entrate nell'organismo continuano a danneggiarlo irrimediabilmente.

Dopo la morte avvenuta nel 2017 all'età di 70 anni, i suoi parenti si sono rivolti all'avvocato specializzato in diritti del lavoro, Antonio Pompigna, di Manduria, che ha intentato la causa non contro l'azienda ma nei confronti dell'Inail per il riconoscimento della malattia professionale. L'istituto che si è costituito in giudizio, riteneva infondata la pretesa della famiglia del lavoratore chiedendone il rigetto sulla base dell'accertamento medico-legale del suo perito secondo il quale il decesso sarebbe stato determinato da una patologia senza alcun nesso causale con la pregressa attività lavorativa.

Di diverso parere il consulente tecnico del giudice il quale ha stabilito che «considerata la lunga esposizione professionale dell'ex operaio che ha lavorato nello stabilimento industriale dell'Ilva di Taranto per più di 10 anni senza che venissero peraltro utilizzati i corretti presidi di sicurezza, può ritenersi elevata la probabilità di causalità materiale tra la neoplasia pleurica (mesotelioma) contratta dal paziente e l'inquinamento industriale diffuso nell'ambiente dal siderurgico Ilva di Taranto».

Fondamentale è stata anche la testimonianza di alcuni colleghi del lavoratore che hanno concordemente ed attendibilmente confermato che il loro collega si occupava di mansioni che lo esponevano a sostanze tossiche.

Soddisfatto l’avvocato Pompigna che ha ottenuto il vitalizio per la vedova con la possibilità, da riconoscere in altra sede, di un congruo risarcimento ai figli eredi del lavoratore.

Nazareno Dinoi


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Tutte le news Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

Il video della vergogna. Quando a perdere è solo lo sport, il calcio.  Quanto accaduto ieri, a San Pancrazio Salentino, ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

La straordinaria somiglianza con Malèna, il personaggio filmico interpretato da Monica Bellucci, ...

Tutte le news Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

Il 25 Novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne e anche l’istituto L. Einaudi ...

Tutte le news
La Redazione - sab 26 novembre

Prosegue l’attività di contrasto e controllo disposta dal Questore di Taranto Massimo Gambino nell’area nord – orientale della provincia jonica. ...

Tutte le news
La Redazione - sab 26 novembre

Il consigliere comunale del gruppo Gea, Agostino Capogrosso, ha segnalato ai vigili urbani di Manduria la presenza ...

L’ex sindaco Massafra li aveva denunciati per diffamazione, il tribunale li assolve
La Redazione - gio 16 giugno

L’ex sindaco di Manduria, Roberto Massafra, li aveva denunciato per diffamazione ma ieri il Tribunale di Taranto li ha assolti con la formula piena. Gli imputati sono Emanuele Micelli di Avetrana  e Simone ...

Melle è stato assolto: “il campione non si era dopato”
La Redazione - gio 23 giugno

«Mi hanno tolto tre anni della mia vita già pesantemente provata dalla malasorte». Così il campione paralimpico manduriano, Leonardo Melle, commenta la sentenza che lo assolve dall’infamante accusa di doping. Il vicecampione ...

Prova superata, gli "orfanelli" tornano a casa
La Redazione - mer 29 giugno

Dal primo luglio quasi tutti i minori manduriani coinvolti nella morte del pensionato disabile Antonio Cosimo Stano, torneranno a casa. A nove degli undici imputati che a maggio del 2020 il tribunale per i minorenni aveva messo alla prova interrompendo così ...