Giovedì, 23 Maggio 2024

Giudiziaria

La Procura antimafia chiederà il rinvio a giudizio

Tentato omicidio nel centro storico, chiuse le indagini su due indagati

L’attentato L’attentato

Il pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia di Lecce, Milto Stefano De Nozza, ha chiuso le indagini sul tentato omicidio del titolare di un locale del centro storico di Manduria, sfiorato da due colpi di pistola esplosigli contro da un pregiudicato del posto.

Per quell’episodio avvenuto il 21 dicembre scorso, sono indagate due persone, il presunto autore dell’attentato, William Modeo di 27 anni e il coetaneo Daniele De Pasquale, entrambi manduriani con precedenti penali. Il primo è difeso dagli avvocati di fiducia, Davide Parlatano e Giuseppe Brunetti, il secondo dall’avvocato Lorenzo Bullo. Modeo deve rispondere di tentato omicidio aggravato dal metodo mafioso e detenzione illegale di arma comune da sparo, detenzione illecita di munizionamento ed esplosioni in luogo pubblico. De Pasquale solo di detenzione illegale aggravata di arma e favoreggiamento personale. L’indagato principale è ritenuto colpevole di avere esploso i colpi di arma da fuoco in direzione dell’imprenditore, dopo averlo minacciato di morte, perché lo aveva rimproverato per i fuochi d’artificio illegali esplosi davanti al locale in occasione del suo compleanno. «Fatto aggravato – si legge nell’avviso di conclusione - per avere agito con modalità evocative della forza intimidatrice tipica dell'agire mafioso».
De Pasquale deve invece rispondere per avere, sostiene sempre l’accusa, ricevuto da Modeo la pistola utilizzata per l’attentato e lo avrebbe aiutato ad eludere le investigazioni. «Fatto aggravato – scrive il pm -, per essere stato commesso al fine di assicurare l’impunità di Modeo e per occultare le sue azioni delittuose».
Ora gli inquisiti dovranno decidere se chiedere di essere interrogati o presentare dichiarazioni scritte. Il pubblico ministero intanto deciderà sulla richiesta il rinvio a giudizio dei due indagati su cui deciderà il giudice delle udienze preliminari del Tribunale di Lecce. Modeo è tuttora in custodia cautelare in carcere mentre De Pasquale è libero.  
 

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

5 commenti

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Nuova bufera in vista nel Consorzio di tutela del Primitivo di Manduria alla vigila del rinnovo delle cariche. La nube minacciosa ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Nel 2011 il comune di Manduria aveva ottenuto un finanziamento di 500mila euro per il palazzetto dello sport. Provvidenze che ha poi perso ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L'appello del newyorkese Don Thornot che ha scritto al nostro giornale in cerca di notizie sul suo antenato Ferdinando De Grassi ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L’Ufficio servizi legali del comune di Manduria ha emesso un’ordinanza di sgombero nei confronti dell’unico ambulante ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Si è riunito ieri alla presenza del coordinatore provinciale, onorevole Vito De Palma e del vice coordinatore, il consigliere ...

“Acquista da me o ti mando la Finanza”, imprenditore assolto
La Redazione - mer 14 febbraio

E’ finita con un’assoluzione piena il processo a carico di un imprenditore savese del settore energia finito sotto inchiesta dalla Procura della Repubblica di Taranto per i reati di tentata estorsione e porto abusivo di arma da ...

Lettere e chat di fuoco alla sua ex che lo denuncia: imprenditore assolto dopo 5 anni di processo
La Redazione - sab 17 febbraio

Una relazione extraconiugale finita male tra due persone adulte. Conclusa peggio in tribunale dove l’uomo, un imprenditore di Avetrana oggi settantunenne, è stato trascinato dalla sua ex, separata ...

Sorvegliato speciale manduriano non si era fatto trovare in casa, assolto perché il fatto non sussiste
La Redazione - dom 25 febbraio

Sottoposto a regime di sorveglianza speciale, un manduriano di 40 anni, B. C. , non aveva risposto al citofono agli agenti di polizia che di notte erano passati per un controllo azionando inutilmente ...