Domenica, 27 Novembre 2022

Ambiente

Il comuna si esprimerà sulla fattibilità ambientale

Sulla Manduria San Pancrazio, mega parco fotovoltaico da 30 ettari su seminativo

Fotovoltaico nei campi Fotovoltaico nei campi

Il Comune di Manduria è chiamato ad esprimersi sulla realizzazione di un mega impianto fotovoltaico di circa 30 ettari ed altre infrastrutture collegate all’opera. La stazione fotovoltaica nascerà su terreni privati in territorio comunale manduriano al confine con il territorio di Erchie.

Il Ministero della transizione ecologica ha quindi inviato al Comune Messapico la domanda di valutazione ambientale per l’agrivoltaico denominato “Ripizzata” (dal nome della masseria nelle cui vicinanze è previsto).

La stazione genererà una potenza pari a 16,9 Megawatt e prevede opere di scavo per il collegamento alla sottostazione di Erchie che percorreranno parallelamente un tratto della superstrada Manduria san Pancrazio. La società proprietaria dell’investimento con sede a Roma, ha chiesto il riconoscimento della pubblica utilità dell’opera per l’esproprio dei terreni agricoli coltivati attualmente a seminativo.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

7 commenti

  • Franco
    sab 1 ottobre 19:25 rispondi a Franco

    Parli di nucleare , stai attento che i verdi ora ti attaccano e ti dicono se ci sei o ci fai come hanno detto a me che qualche giorno fa, quando ho scritto una cosa analoga dicendo che siamo i barboni d Europa per aver boicottato il nucleare 30 anni fa. Chi scrive prima di te addirittura se ne esce col verde in una fascia di seminativo che nn hanno mai seminato nulla. Sono d'accordo con ciò che hai scritto

  • Cosimino Di Marzio
    sab 1 ottobre 17:06 rispondi a Cosimino Di Marzio

    Una megacentrale nucleare di ultima generazione sicura no eh? Uno scempio simile sì, che dura 20 anni poi non produce più nulla chi smaltisce tutto quanto noi? A nostre spese? Quando arriveranno i mega rincari di bollette luce forse capirete finalmente cosa significa avere una centrale tutta nostra senza stare con la paura che l'inverno avremo distacchi di corrente continui.

  • Cosimino Di Marzio
    sab 1 ottobre 17:04 rispondi a Cosimino Di Marzio

    Una megacentrale nucleare di ultima generazione sicura no eh? Uno scempio simile sì, che dura 20 anni poi non produce più nulla chi smaltisce tutto quanto noi? A nostre spese? Quando arriveranno i mega rincari di bollette luce forse capirete finalmente cosa significa avere una centrale tutta nostra senza stare con la paura che l'inverno avremo distacchi di corrente continui.

  • Gregorio 1
    sab 1 ottobre 09:57 rispondi a Gregorio 1

    …dai dai … tranquilli !! Eliminate quanto più possibile il verde ! Poi non lamentiamoci che il sistema ambientale sta andando a putt..( bbiipp) !! Signori assessori, cercate di ragionare con la testa ( quedda ti sobbra) e fare in modo che di AUMENTARE il verde!! Perché questo impianto fotovoltaico non si installa su un terreno NON FERTILE ( squezzi ) ???

    • Antonio
      sab 1 ottobre 20:11 rispondi a Antonio

      Poi bisogna anche saper leggere. C'è scritto agrivoltaico, sotto si coltiva (agri), sopra di produce energia elettrica. Nessuna sottrazione di verde all'ambiente. I costi di smaltimento sono previsti in fase progettuale e vengono accantonati altrimenti niente impianto. Quando non si sa è meglio chiedere o studiare invece che dare giudizi.

      • Gregorio1
        dom 2 ottobre 13:20 rispondi a Gregorio1

        Hai scritto:" C'è scritto agrivoltaico, sotto si coltiva (agri), sopra di produce energia elettrica."...scusami, ma sotto 👇 cosa si coltiva ? Piante nane ? O RUCOLA !!!! continuo .. I costi di smaltimento, ecco, qui un altro problema... poi si vedrà !!

      • Cosimo Massafra Ferrara
        dom 2 ottobre 12:30 rispondi a Cosimo Massafra Ferrara

        Mi risulta difficile coltivare sotto i pannelli a differenza dell'eolico. Inoltre l'eolico non generato da inquinanti e non preoccupa lo smaltimento. Inoltre, costoro pretendono l'esproprio per pubblica utilità, quindi a danno dei proprietari, inoltre, che tipo di società sarà proprietario/gestore? Se Srl o ripulita i danni e lo smaltimento se li piangeranno i cittadini manduriani e/o lo Stato.

Tutte le news Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

Il video della vergogna. Quando a perdere è solo lo sport, il calcio.  Quanto accaduto ieri, a San Pancrazio Salentino, ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

La straordinaria somiglianza con Malèna, il personaggio filmico interpretato da Monica Bellucci, ...

Tutte le news Tutte le news
La Redazione - oggi, dom 27 novembre

Il 25 Novembre è la giornata internazionale contro la violenza sulle donne e anche l’istituto L. Einaudi ...

Tutte le news
La Redazione - sab 26 novembre

Prosegue l’attività di contrasto e controllo disposta dal Questore di Taranto Massimo Gambino nell’area nord – orientale della provincia jonica. ...

Tutte le news
La Redazione - sab 26 novembre

Il consigliere comunale del gruppo Gea, Agostino Capogrosso, ha segnalato ai vigili urbani di Manduria la presenza ...

"Con il depuratore il mare di Colimena sarà off-limits"
La Redazione - ven 12 agosto

Quando andrà in funzione il nuovo depuratore di Manduria e Sava, ancora in fase di completamento nella marina di Specchiarica confine Urmo-Belsito (comune di Avetrana), l’intero bacino di Torre Colimena sarà off limit per qualsiasi ...

Aqp apre il cantiere nei 6 ettari regalati dal comune per le trincee drenanti del depuratore
La Redazione - dom 21 agosto

L’Acquedotto pugliese si porta il lavoro avanti per le trincee drenanti in contrada Masseria La Marina sulla costa manduriana. Mentre negli appositi uffici della Regione Puglia sono ancora in corso le ...

Trincee drenanti del depuratore in zona Marina, scendono in campo i proprietari stranieri
La Redazione - mar 23 agosto

«Il ricorso al Tar contro la variante al piano regolatore e la cessione di sei ettari all'Acquedotto pugliese per le trincee drenanti, si farà».  A confermarlo è il presidente ...