Venerdì, 27 Maggio 2022

Il manduriano

Sottacanna – Spacu

Sottacanna – Spacu Sottacanna – Spacu | © n.c.

Sottacanna s. f., sottogola: mìntiti la sottacanna a llu cappieddu ci no ni lu porta lu jentu, metti la sottogola al cappello o il vento te lo porterà via ( diG ). Come loc., quasi pieno: cce štai chjnu? - sottacanna, è pieno? - quasi.

Sottacappa loc., sotto sotto: quantu nn’ai, sottacappa sottacappa! Sotto sotto vedi come osa!

Sottajentu loc. avv., sottovento: no tti mèntiri sottajentu, non ti mettere sottovento.

Sottamanu – i s. m., ostacolo, pericolo: aciu pijata na sottamanu, sono incorso in un pericolo. Ha anche il significato di buca, conca, in una strada dissestata. Come loc. avv., a sottamanu, indica uno dei modi di lanciare la trottola. V. sobbramanu, tirallenta.

Sottànima – s. f., sottile strato di pelle o altro materiale, che si sistema nella parte interna della scarpa per meglio calzarla.

Sottapanza s. f., cinghia che passando sotto la pancia del cavallo, gli serra addosso i finimenti.

Sottarazzu loc., a braccetto: mintìtipi sottarazzu, prendetevi a braccetto.

Sottascala s. f., sottoscala.

Sottasobbra loc. avv., sottosopra: onnu misa casa sottasobbra, hanno messo la casa a soqquadro; utari sottasobbra, mettere a soqquadro.

Sottatinu – i s. m., vasca in legno utilizzata per raccogliere il mosto dalla vasca di pigiatura, dal tino o dalla pressa.

Sotu – a agg., pl. inv. soti, fermo, quieto: štatti sotu, stai fermo.

Soza v. il fr. sauce, agg. f. sing., salmastra: acqua soza, acqua salmastra ( generalmente di pozzo sorgivo ).

Spaccachjanchigioco in cui a turno ogni partecipante lancia in alto una moneta; vince il giocatore la cui moneta risulta più vicina alla fessura tra un mattone e l’altro: sciucari a spaccachjanchi, giocare a fessurino.

Spaccarisciari – spaccarisciòu – spaccarisciatu v. intr. imp., screpolare: m’onnu spaccarisciati li mani, mi si sono screpolate le mani.

Spaccata s. f., l’affettare e servire meloni ed angurie in grande abbondanza: si usava in occasione della festa di S. Domenico.

Spaccatu – a agg., pl. inv. spaccati, preciso: so’ li ottu spaccati, sono le otto precise.

Spaccazza s. f., spacco della gonna: s’è fatta la spaccazza, ha messo la gonna a spacco.

Spaccimi s. inv., specie, sorta: nc’era nu spaccimi ti agnoni! C’era un ragazzone! S’è fattu nu spaccimi ti agnoni! S’è fatto un gran pezzo di ragazzo!

Spaccu – spacchi s. m., spacco: a spaccu, tipo di innesto che si fa nel mese di febbraio. In muratura, larghezza della porta o della finestra. V. anneštu.

Spacu s. m., spago, in senso fig., vino: qua nci oli lu spacu, qui ci va bene un bicchiere di vino.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Scumpitari – scupirchjari
La redazione - mer 28 giugno 2017

Scumpitari – scumpitài – scumpitatu v. tr. , scomputare, pagare un debito. ...

Scupittari – scurutu
La redazione - gio 6 luglio 2017

Scupittari – scupittài – scupittatu v. tr. , spazzolare, mangiare con appetito fino all'ultima briciola. ...

Scurzoni – secutasurgi
La redazione - mar 25 luglio 2017

Scurzoni – scurzuni s. m. , biacco, serpente innocuo comune nelle nostre contrade: terra ti scurzuni, terreno incolto e abbandonato. ...