Domenica, 27 Novembre 2022

Il manduriano

Scurzoni – secutasurgi

Scurzoni – secutasurgi Scurzoni – secutasurgi | © n.c.

Scurzoni – scurzuni s. m., biacco, serpente innocuo comune nelle nostre contrade: terra ti scurzuni, terreno incolto e abbandonato.

Scurzu agg., usato nell’espressione sangu scurzu, macchia bluastra caratteristica dell’ecchimosi.

Scusitora – i s. f., scucitura.

Scuštumatu – a agg., pl. inv. scuštumati, maleducato.

Scusu avv., dal volg. absconsu, di nascosto, di sotterfugio: scusu ti màmmisa, all’insaputa di sua madre.

Scusutu v. scòsiri.

Scutedda – i s. f., scodella.

Scutettu – i s. m., innesto a gemma che si effettua sulle barbatelle nel mese di agosto, cosiddetto perché la gemma viene sagomata a forma di scudo: scutetti ti nn’annu, viti innestate da un anno. V. anneštu, uècchj.

Scutrèulu – a agg., pl. inv. scutrèuli, non cottoio: cìciri scutrèuli, ceci che non si cuociono bene.

Scuttari – scuttài – scuttatu v. tr., dal lat. ex guttare, svuotare: šta scuttamu l’acquaru, stiamo svuotando la cisterna.

Significa anche perdere (al gioco) tutte le risorse: àciu scuttatu, ho perso tutto. V. sculuffari.

Scuttatora – i s. f., residuo del liquido che rimane nel recipiente una volta svuotato. V. sculatora.

Scutulari – scutulài – scutulatu v. tr., scuotere, per es., di albero per farne cadere i frutti: scòtula cudd’àurlu ti peri, scuoti quell’albero di pero. Come v. intr., prenderle, di botte, perdere: àciu scutulatu, le ho prese, ho perso tutto.

Scutulata – i s. f., atto dello scuotere, scarica di botte: talli na scutulata, scuotilo un poco; ti fazzu na scutulata ti mazzati, ti dò una scarica di botte. Anche scutulizzu.

Scutulizzu – i s. m., v. scutulata.

Scuturzari – (mi) scuturzai – scuturzatu v. tr., dare botte sul dorso: lu scuturzara ti mazzati, lo batterono fino a piegargli il dorso. Nella forma riflessiva, sfiancarsi: osci m’àciu scuturzatu ti fatìa, oggi ho lavorato tanto che mi si è piegata la schiena.

Scuzzulitòmbula – i s.f., capriola: fazzu ffaci li scuzzulitòmbuli a lla smerza, ti faccio vedere io!

Sèccia – secci s. f., seppia.

Secutasurgi gioco inf. consistente nel disporsi a cavallina, in fila e a distanza di due-tre metri l’uno dall’altro, tanto da consentire l’agevole scavalcamento dei compagni, che l’immaginazione ha trasformato in topi. Una volta scavalcati tutti i topi, ci si pone in testa alla fila; l’ultimo topo si alza e scavalca i compagni, e così via.

Nota. A proposito di scuturzari ricordiamo che il termine è uno dei tanti che una volta formavano il complesso vocabolario di un sistema educativo rigido e impositivo.

Elenchiamo qui di seguito verbi e sostantivi usati con le sfumature più diverse:

buscarinzaccariscurnari

cignati paliata scutulari

cincufujazzippippà scutulata

crapintari quatisciari scuturzari

cuècciuluquatisciata simmuttari

ddilissariraccamisciariškaccari

difriscariraccamisciataškaffu / škaffoni

difriscatarèfina škaffunisciari

friculariricchjali škattiddu

friculata ricchjddoniškattirisciari

lišcebbussuricintarissittari

llišciari ricintata štraisari

mappinuscapuzzacuedduštrijari

mazzatiscardari štruppiari

mmiscari scarzonitaliri

ncarrari sciacqualisciaritammurisciari

ncašciarišciacquari tausciari

ncušciariscucuzzaritiritìnghiti e tiritànghiti

ncutugnari scucuzzoni trimulari

ncutušciari scuèppuluujina

ncuzzittari scuernu zzanchittata.

Pietro Brunetti


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Scumpitari – scupirchjari
La redazione - mer 28 giugno 2017

Scumpitari – scumpitài – scumpitatu v. tr. , scomputare, pagare un debito. ...

Scupittari – scurutu
La redazione - gio 6 luglio 2017

Scupittari – scupittài – scupittatu v. tr. , spazzolare, mangiare con appetito fino all'ultima briciola. ...

Sèggia – seta
La redazione - dom 30 luglio 2017

Sèggia – seggi s. f. , sedia: sèggia ti tàula, sedia di legno; sèggia t’appòggiu, poltrona. ...