Domenica, 27 Novembre 2022

Il manduriano

Scupittari – scurutu

Scupittari – scurutu Scupittari – scurutu | © n.c.

Scupittari – scupittài – scupittatu v. tr., spazzolare, mangiare con appetito fino all'ultima briciola.

Scupittinu – i s. m., spazzolino, anche da denti.

Scuppulari – scuppulai / si scuppulòu – scuppulatu v. tr. e intr., togliere la parte dal tutto, separandola nel punto di innesto in modo da non provocarne la rottura.

Scupriri – scuprìi – scupiertu v. tr., scoprire, avere un'ampia veduta: ti qua scupri lu mari, da qui puoi vedere il mare.

Scuraggiri – (mi) scuraggìi – scuraggitu v. tr., scoraggiare. V. intr. medio, scoraggiarsi.

Scurciari – scurciài – scurciatu v. tr., togliere la pelle ad un animale, la buccia ad un'arancia, ecc.: scurciatu siersa, tale e quale suo padre; ilanì la Pissa, scurciata mammisa! Si ssumèjunu tantu ca li scanci l'una l'otra, guarda la Crocefissa, è tale e quale sua madre, al punto che le confonderesti l'una con l'altra.

Ha anche il significato di scocciare, importunare: no mmi scurciari, non seccarmi.

Scurcioni – scurciuni s. m., persona seccante.

Scurciulari – scurciulài – scurciulatu, v. tr., togliere la corteccia, sbucciare.

Come v. intr., spellare per effetto dei raggi solari.

Scurdari 1– mi scurdài – scurdatu v. tr. e intr. medio, scordare, scordarsi: si scurdòu la borza, dimenticò laborsa; ti n'a scurdatu, ti sei dimenticato.

Scurdari 2 – scurdài / si scurdòu – scurdatu v. tr. e intr. medio dif., scordare, scordarsi, di strumento musicale.

Scurdata usato nell'espressione a lla scurdata, quando meno te l'aspetti.

Scurdatizzu – a agg., pl. inv. scurdatizzi, smemorato.

Scurèšciri – scurìu – scurutu v. intr. imp., fare buio: quannu štou sulu mi scurèšci lu cori, quando sto solo intristisco. V. lucèšciri, scuriri.

Scuriri – scurìu – scurutu come scurèšciri.

Scurnacchjari – (mi) scurnacchjài – scurnacchjatu v. tr. e rifl., scornare, svergognare, scornarsi a vicenda in malo modo.

Scurnari – scurnài – scurnatu v. tr., rimproverare: toppu ca lu scuerni, ani ca ti senti! Anche se lo rimproveri, mica ti ascolta!

Scurori s. m., oscurità: nc'è nu scurori štasera! C'è un tal buio questa sera!

Scuru – i s. m., imposta della finestra, della porta: chjuti li scuri, chiudi le imposte.

Al sing., buio: s'àcchja mmi ni ou prima mmi pija lu scuru, bisogna che vada prima che mi sorprenda l'oscurità.

Scurutu nell'espressione a scurutu, quando fa buio.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Scumpitari – scupirchjari
La redazione - mer 28 giugno 2017

Scumpitari – scumpitài – scumpitatu v. tr. , scomputare, pagare un debito. ...

Scurzoni – secutasurgi
La redazione - mar 25 luglio 2017

Scurzoni – scurzuni s. m. , biacco, serpente innocuo comune nelle nostre contrade: terra ti scurzuni, terreno incolto e abbandonato. ...

Sèggia – seta
La redazione - dom 30 luglio 2017

Sèggia – seggi s. f. , sedia: sèggia ti tàula, sedia di legno; sèggia t’appòggiu, poltrona. ...