Martedì, 4 Ottobre 2022

Il manduriano

Socra – Sotta

Socra – Sotta Socra – Sotta | © n.c.

Socra – i s. f., suocera; sòcrima, sòcrita, sòcrisa, mia, tua, sua suocera. V. suecru.

Soja s. f., soglia.

Sola – i s. f., suola: nu paru ti soli, un paio di suole.

Sola v. sulu.

Solènziu s. m., silenzio.

Soli s. m., sole: lu soli šta pponi càricu, il sole sta tramontando carico di nubi ( indice di prossime perturbazioni ); ti soli a nsoli, dalla mattina alla sera; soli e serenu, giorno e notte all’aperto. V. marzu.

Detti: Soli camina e canzieddu paja. Il tempo scorre ed io pago ( si dice di lavoro poco redditizio). Ci ti sciuitìa lu soli poni ‘n sacca, prima ti la tumènica aimu l’acqua. Se di giovedì il sole pone carico di nubi, pioverà prima di domenica. Essi lu soli, nu balloni t’oru / e spanni luci a terri, munti e mari, / spanni li rasci e dèscita la vita, / puru lu ermi zzi’a uddicari. Esce il sole, una sfera d’oro / che spande luce in terre, monti e mare, / spande i raggi e chiama alla vita, / anche il verme comincia a muoversi. ( Da Fra Eggìtiu ti Taràntu, canto III, di P. G. D’Ostuni ).

Sòlutu – sòliti s. m., concio di tufo della lunghezza di circa 37 cm.

Sòlutu – sòlita agg., pl. inv. sòliti, solito; usato in forma anche sost. Come avv., di solito: a llu sòlutu tua, come sei solito fare.

Sopraccàricu s. m., calce spenta meno consistente della lamia, utilizzata nell’impasto percementare i conci di tufo nelle strutture verticali.

Sordu – idal lat. solidus = moneta aurea bizantina del IX – XII sec.; s.m., soldo: no ttegnu nu sordu, non ho il becco di un quattrino; mi màncunu dicinnòi sordi pi nna lira, neppure lontanamente posseggo la somma richiesta ( con riferimento al sistema monetario in uso fino alla 2^ guerra mondiale, in base al quale venti soldi formavano una lira ); comu si ètunu lu sordu … come hanno un minimo di disponibilità …

Al pl., soldi, danari: štou a ssordi, ho buone disponibilità economiche; tammi na cosa ti sordi, dammi un po’ di denaro. V. carrucchjaru, scàpulu.

Detto: Li sordi fannu iniri la išta a lli cicati. I soldi hanno il potere di far vedere i ciechi.

Sorgi – surgi dal volg. sorice, s.m., topo: sorgi mmutatu a llu uèju, si dice di persona umile impomatata. V. mmalota. Sorgi, soprannome della famiglia Andrisano.

Soru – siluri dal lat. soror- is, s. f., sorella: sorma, sorda, sorsa, mia, tua, sua sorella; e silùrima, silùrita, silùrisa, le mie, le tue, le sue sorelle.

Sosò s. f., sorella, usato nel linguaggio inf.: jeni ddo la sosò, vieni dalla tua sorellina.

Sotta avv., sotto: sotta pi ssotta, di nascosto; sotta sotta, in fondo, anche in senso fig.: iti sotta sotta, vedi giù giù; lliari ti sotta, togliere il mulo dal carro, in senso fig., smettere un’attività; mèntiri sotta, legare il mulo al carro.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Scumpitari – scupirchjari
La redazione - mer 28 giugno 2017

Scumpitari – scumpitài – scumpitatu v. tr. , scomputare, pagare un debito. ...

Scupittari – scurutu
La redazione - gio 6 luglio 2017

Scupittari – scupittài – scupittatu v. tr. , spazzolare, mangiare con appetito fino all'ultima briciola. ...

Scurzoni – secutasurgi
La redazione - mar 25 luglio 2017

Scurzoni – scurzuni s. m. , biacco, serpente innocuo comune nelle nostre contrade: terra ti scurzuni, terreno incolto e abbandonato. ...