Giovedì, 23 Maggio 2024

Ambiente

Un manduriano tra gli organizzatori della manifestazione

Romina l'ambientalista contro lo scudo penale salva-Ilva

Romina Powel sul palco di Taranto, a destra Gherardo Maria De CArlo Romina Powel sul palco di Taranto, a destra Gherardo Maria De CArlo

C’era un manduriano ieri tra gli organizzatori della manifestazione che si è svolta a Taranto contro l’immunità penale che l'ultimo decreto salva-Ilva intende reintrodurre per i gestori dello stabilimento siderurgico Acciaierie d'Italia. Si ratta di Gherardo Maria De Carlo (Nella foto a destra travestito da magistrato con le mani legate). L’ambientalista e attivista manduriano ha contribuito all’iniziativa a cui ha preso parte anche Romina Power, anche lei appassionata paladina dell’ambiente più volte in prima fila nelle battaglie contro lo scarico in mare del depuratore di Manduria e Sava.

I manifestanti di ieri hanno annunciato che invieranno una lettera al presidente della Repubblica Sergio Mattarella con l'invito a non promulgare e a rinviare alle Camere la legge salva-Ilva che lunedì verrà votata dai deputati.

La manifestazione è iniziata con il saluto degli organizzatori, a seguire hanno parlato Lina Ambrogi Melle, promotrice di uno dei ricorsi alla Cedu, il pneumologo Gianfranco Viesti, l'attivista Celeste Fortunato (che si è ammalata di leucemia e ha letto un documento di denuncia sulle emissioni dell'ex Ilva e le conseguenze sanitarie), il presidente di Peacelink Alessandro Marescotti, lo psicologo Egidio Francesco Cipriano, l'operaio di Ilva in As Raffaele Cataldi, il presidente dell'associazione Neopolites Saverio De Florio, le attiviste Antonella Massaro (mamma di Miriam, una bimba di 5 anni e mezzo di Taranto morta nel febbraio del 2008 a causa di un neuroblastoma al quarto stadio) e Simona Peluso (mamma di Andrea, un bimbo di 10 anni affetto da una malattia rarissima, la mutazione del gene Sox4).  Gli organizzatori «L'immunità penale - hanno sottolineato gli organizzatori - calpesta la Costituzione italiana perché prevede un nuovo diritto: quello alla libertà di delinquere, di commettere reati, crimini. Per questi, Acciaierie d'Italia verrebbe assolta, mentre alle vittime innocenti verrebbe comminata la dura pena alla malattia, alla sofferenza, alla morte».

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Nel 2011 il comune di Manduria aveva ottenuto un finanziamento di 500mila euro per il palazzetto dello sport. Provvidenze che ha poi perso ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L'appello del newyorkese Don Thornot che ha scritto al nostro giornale in cerca di notizie sul suo antenato Ferdinando De Grassi ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

L’Ufficio servizi legali del comune di Manduria ha emesso un’ordinanza di sgombero nei confronti dell’unico ambulante ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Si è riunito ieri alla presenza del coordinatore provinciale, onorevole Vito De Palma e del vice coordinatore, il consigliere ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, gio 23 maggio

Il plesso Lombardo Radice di Uggiano Montefusco, appartenente all’Istituto Comprensivo Michele Greco diretto dal Dirigente Prof. Pietro ...

Ampliamento Manduriambiente, la Asl contraria per "rischi sanitari"
La Redazione - mer 6 dicembre 2023

Oltre all’Arpa e al comune di Manduria, anche la Asl di Taranto ha posto dei freni all’ampliamento della discarica Manduriambiente. Nella conferenza dei servizi che si è tenuta ieri per il rilascio del Paur, il Provvedimento ...

Ampliamento della discarica, il nodo da sciogliere sul "nuovo lotto"
La Redazione - gio 7 dicembre 2023

La conferenza di servizio sulla richiesta di ampliamento della discarica di Manduria, fissata per il 21 dicembre, sarà preceduta da una riunione tecnica tra i responsabili del Provvedimento autorizzatorio unico regionale e i ...

ESCLUSIVO: Manduriambiente sull'opposizione all'ampliamento «pretestuosa» e causa «di scarsa competenza»
La Redazione - dom 17 dicembre 2023

«Pretestuose» e causa «di scarsa competenza». Così la società Manduriambiente definisce i motivi di opposizione all’ampliamento della discarica presentate ...