Mercoledì, 6 Luglio 2022

Salento Puglia e mondo

L’autore dell’illecito era stato deferito alla competente autorità giudiziaria per il reato di abbandono incontrollato di rifiuti sul suolo ed il mezzo autospurgo era stato sottoposto ad immediato sequestro penale.

Melma scaricata nelle campagne del "Canale Arneo", sequestrato autospurgo

Autospurgo sequestrato Autospurgo sequestrato | © La Voce

Si è appena conclusa una vasta operazione condotta dal Nucleo Operativo di Protezione Ambientale della Direzione marittima di Bari, composto anche da personale della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Taranto, frutto di continua e complessa attività di indagine diretta e coordinata dalla Procura della Repubblica di Taranto.

L’attività investigativa dei militari che ha comportato prolungati pedinamenti degli autori dell’attività criminosa, appostamenti anche notturni ed investigazione con ausilio di pertinente strumentazione, ha consentito di accertare e debellare un sistema sofisticato di smaltimento di reflui di origine fognaria da parte di una ditta autorizzata del Comune di Lizzano, che operava in tutto il territorio del predetto Comune e Comuni limitrofi.

La società di autospurghi in questione era già stata oggetto di indagine da parte degli stessi militari della Guardia Costiera per lo smaltimento illegale di rifiuti nell’anno 2014. Tale attività aveva portato a cogliere nella flagranza di reato una autobotte in proprietà della stessa ditta mentre sversava i reflui, appena prelevati da una civile abitazione, direttamente sulla strada provinciale SP 118 che collega il Comune di Sava al Comune di Lizzano, anziché conferirli presso un centro di smaltimento autorizzato.

L’autore dell’illecito era stato deferito alla competente autorità giudiziaria per il reato di abbandono incontrollato di rifiuti sul suolo ed il mezzo autospurgo era stato sottoposto ad immediato sequestro penale.

Tuttavia le conseguenti sanzioni penali comminate non avevano evidentemente fatto desistere l’autore dell’attività criminosa dal proseguire in tale condotta così come l’ attività investigativa in parola ha consentito di appurare.

Anche nella circostanza in questione infatti i militari accertatori hanno nuovamente colto in flagranza un autospurgo della citata ditta mentre sversava deliberatamente i reflui prelevati da un’abitazione direttamente nelle campagne che costeggiano la strada denominata “Canale dell’Arneo” che divide i comuni di Fragagnano e Lizzano, inquinando e compromettendo gravemente da un punto di vista igienico sanitario una vasta area di terreno.

Gli autori del reato sono stati deferiti alla Autorità giudiziaria per inquinamento ambientale, distruzione e deturpamento di bellezze naturali, avendo reso il suolo contaminato una vera e propria cloaca a cielo aperto, oltre che per lo smaltimento illegale di rifiuti, mentre l’autospurgo utilizzato è stato posto sotto sequestro penale.

La Società è stata altresì diffidata all’immediata bonifica dell’area ed al ripristino dello stato dei luoghi.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA
Salento Puglia e mondo
La Redazione - mar 5 luglio

Grave episodio di violenza al Moscati di Taranto: aggredito un medico in servizio presso il reparto di otorinolaringoiatria. La vittima ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - mar 5 luglio

Un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari e un decreto di sequestro preventivo sono stati eseguiti dai ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - lun 4 luglio

Taranto. La siccità sta creando non pochi disagi e danni alle aziende agricole delle province di Taranto e Brindisi ed in particolare ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - ven 1 luglio

Incidente stradale con un morto e un ferito grave sulla Francavilla – Villa Castelli. Intorno alle 17,30 di oggi due auto, una Toyota Yaris di colore ...

Salento Puglia e mondo
La Redazione - gio 30 giugno

Preoccupati e disillusi riguardo al futuro e consapevoli che il Covid ha in parte compromesso irreversibilmente la loro formazione scolastica. Molto meno ...

Da Google Maps le possibili cause della tragedia del guardrail che ha ucciso la tarantina Musolino
La Redazione - lun 27 giugno

Un nostro lettore, Vincenzo Fanuli, ci ha inviato le immagini estratte da Google Maps che riprendono l’incroci della tangenziale di Lecce dove lo scorso 4 giugno ha perso la vita la 28enne tarantina, ...

Falsi contratti di lavoro per permessi di soggiorno, 9 imprenditori e un commercialista arrestati tra Bari e Fasano
La Redazione - lun 27 giugno

Questa mattina, la Tenenza di Mola di Bari coordinata dal I Gruppo Bari, ha dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali – coercitive – emessa ...

L’alta velocità esclude Taranto e tutto il Salento, Confcommercio: “una scelta che divide"
La Redazione - lun 27 giugno

“Come arrivare - La Puglia è sempre più vicina. Una rete di collegamenti moderna ed efficiente permette di raggiungere la Puglia da qualsiasi luogo di provenienza. Scegli i mezzi di trasporto ...