Giovedì, 23 Maggio 2024

Gli articoli

Zero parità di genere

Manduria Migliore: “in giunta le donne messe all’angolo”

Donna Donna

Che questa amministrazione comunale abbia già dato ampiamente prova di inettitudine incipiente, incapacità costante e superbia ignorante crediamo sia ormai un dato di fatto acclarato a cui nessuno osservatore oggettivo può ormai sottrarsi.

Quello però su cui vogliamo soffermarci oggi è un nuovo campo nel quale “quest’armata Brancaleone” ancora non aveva maturato premi e medaglie, ma siamo certi che da oggi eccellerà anche in quest’ultimo scempio: parliamo di parità di genere, questa sconosciuta.

Nella breve, anche se per la povera Città purtroppo lunghissima, storia di questa amministrazione le Assessore hanno sempre e soltanto svolto un ruolo, quello di occupare i posti che per legge sono riservati alle quote rosa, senza alcun riguardo su chi realmente fossero le donne designate e sulle preziosissime competenze dimostrate fuori e dentro l’aula consiliare.

Di certo mai ritenute al pari dei colleghi assessori - ben saldi lì, ai loro posti, da inizio consiliatura – con incarichi acquisiti e rimossi come se fossero merce di scambio per il sostegno di questo o quel consigliere, donne sacrificabili qualora intervenisse l’esigenza di “saziare” un nuovo appetito di poltrone e visibilità da parte di qualche scalpitante gruppo.

Il numero è davvero impressionante, se si considera il limitato tempo in cui tutto è avvenuto, partendo nell’ordine da Perrone, Orsini, De Marco, Marasco, Dimagli fino ad arrivare a Tedesco, una vera ecatombe che ha invece completamente e stranamente risparmiato i componenti della giunta di sesso maschile. Un caso? Non lo crediamo affatto.

Tutto ciò rientra perfettamente nell’idea arcaica e misogina della politica che i nostri, giurassici, rappresentanti degnamente rappresentano e attuano ogni giorno su questa martoriata Città.

È una vergogna che si operi in una maniera tanto irriguardosa e che lo si faccia, evidentemente, indisturbati.

Di danni al commercio, al turismo, all’imprenditoria, alla vita sociale ed economica ne aveva già compiuti innumerevoli e forse anche difficilmente riparabili, ma il danno alla dignità delle persone crediamo profondamente sia il più grave perpetrato dalla peggiore amministrazione che si ricordi a memoria d’uomo.

Manduria Migliore 

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

1 commento

  • Carlo
    ven 10 maggio 14:47 rispondi a Carlo

    Che il dittatore arrogante abbia a cuore solo la signora delle tessere e la sua luffiana siamo già consapevoli.Anche la sentenza non arriva a termine.Ma la cosa strana che opposizione e cittadinanza mai in piazza

“Quei prodotti tossici che mi costringono ad andare in campagna per respirare”
La redazione - gio 28 marzo

L’altro ieri mattina presto, alle 6 circa, è passato davanti la mia abitazione il mezzo per la disinfezione delle strade.   ...

Crollo degli argini del canale di Colimena, l’interpellanza dei Demos
La redazione - mer 3 aprile

Al presidente del Consiglio Comunale Gregorio Dinoi, al sindaco Gregorio Pecoraro, al segretario comunale Maria Eugenia Mandurino ...

Sammarco sulla bacchettata del Tar al presidente Dinoi
La redazione - gio 4 aprile

L’amministrazione Pecoraro non riesce a farne una giusta, nemmeno quando le viene consigliata la strada da seguire.  𝗟𝗮 𝘀𝗲𝗻𝘁𝗲𝗻𝘇𝗮 𝗲𝗺𝗲𝘀𝘀𝗮 𝗱𝗮𝗹𝗧𝗔𝗥 𝗮𝗻𝗻𝘂𝗹𝗹𝗮 𝗶𝗻𝗳𝗮𝘁𝘁𝗶 𝗱𝗶𝘃𝗲𝗿𝘀𝗶 𝗮𝗿𝘁𝗶𝗰𝗼𝗹𝗶 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗮𝘁𝘁𝗼 𝗶𝘀𝘁𝗶𝘁𝘂𝘁𝗶𝘃𝗼 𝗱𝗲𝗹𝗹’𝗶𝗺𝗽𝗼𝘀𝘁𝗮 𝗰𝗵𝗲𝘁𝗲𝘀𝘁𝗮𝗿𝗱𝗮𝗺𝗲𝗻𝘁𝗲 𝗹𝗮 𝗺𝗮𝗴𝗴𝗶𝗼𝗿𝗮𝗻𝘇𝗮 𝗱𝗲𝗰𝗶𝘀𝗲 𝗺𝗲𝘀𝗶 𝗮𝗱𝗱𝗶𝗲𝘁𝗿𝗼 𝗱𝗶 𝘃𝗼𝘁𝗮𝗿𝗲, 𝗻𝗼𝗻𝗼𝘀𝘁𝗮𝗻𝘁𝗲𝗮𝘃𝗲𝘀𝘀𝗶 𝗮𝘃𝗮𝗻𝘇𝗮𝘁𝗼 𝗹𝗮 𝗿𝗶𝗰𝗵𝗶𝗲𝘀𝘁𝗮 𝗱𝗶 𝗻𝗼𝗻 𝗳𝗮𝗿𝗹𝗼, ...