Martedì, 25 Giugno 2024

Giudiziaria

Per l'aggressione di un senegalese a Manduria

"Aggressione con odio razziale", un'assoluzione e tre prescrizioni

Tribunale Taranto Tribunale Taranto

È finita con un’assoluzione e tre prescrizioni la brutta vicenda di violenza avvenuta dieci anni fa a Manduria ai danni di un giovane di origini senegalesi che fu brutalmente aggredito e ferito da quattro manduriani in seguito individuati e denunciati a piede libero.

L’extracomunitario che allora aveva 34 anni, naturalizzato a Manduria dove ha la famiglia, subì traumi gravi al volto e una ferita da taglio che lo raggiunse alla clavicola sinistra. Uno dei quattro aggressori, infatti, avrebbe fatto uso di un coltello a serramanico. Soccorso e accompagnato in ospedale, l’aggredito fu giudicato guaribile in più di 40 giorni. Ai quattro indagati che finirono sotto processo, fu contestato il reato di lesioni personali in concorso con l’aggravante dell’odio razziale. Ecco le loro iniziali e l'età: A.I. di 29 anni all’epoca dei fatti; P.F. di 40; A.C. di 30 e A.S di 35 anni, per tutti l’età è relativa al periodo in cui si sono svolti i fatti che risalgono all’8 dicembre del 2013.

Nella sua denuncia presentata ai carabinieri, il 34enne senegalese racconto di trovarsi, intorno alle due della notte, in un bar del centro storico quando fu accerchiato da quattro giovani che lo offesero con insulti razzisti e senza motivo cominciarono a picchiarlo violentemente. Ad un suo tentativo di reazione, raccontò sempre l'uomo aggredito,  uno dei quattro avrebbe tirato fuori un coltello con il quale lo avrebbe colpito nella parte alta del torace. Con il suono delle sirene dell’ambulanza e delle forze dell’ordine che nel frattempo i numerosi testimoni presenti avevano chiamato, i quattro aggressori si sarebbero allontanati di corsa lasciando il senegalese tramortito e sanguinante su una panchina.

Le successive indagini della polizia del locale commissariato portarono le forze dell’ordine sulle tracce dei quattro manduriani che furono denunciati e processati per quasi dieci anni. Numerosissime udienze sino a ieri quando il Tribunale di Taranto ha assolto per non aver commesso il fatto (l'aggressione e il mancato soccorso) il manduriano di 29 anni, A.I., difeso dall’avvocato Antonio Liagi. Assolti per intervenuta prescrizione gli altri tre imputati che si sono fatti difendere dagli avvocati Francesco Caforio, Emiliano Pacifico e Francesco Del Prete.

Vuoi commentare la notizia? Scorri la pagina giù per lasciare un tuo commento.


© Tutto il materiale pubblicato all’interno del sito www.lavocdimanduria.it è da intendersi protetto da copyright. E’ vietata la copia anche parziale senza autorizzazione.


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.
stai rispondendo a

COMMENTA

3 commenti

  • Antonio
    ven 23 giugno 2023 01:23 rispondi a Antonio

    Solo trippa x 10 anni🤑🤑🤑 opinione

  • Marco
    ven 23 giugno 2023 09:53 rispondi a Marco

    Evviva la democrazia e i bravissimi avvocati. Almeno il risarcimento dei danni verrà dato???

  • Cittadino Repubblicano
    ven 23 giugno 2023 09:26 rispondi a Cittadino Repubblicano

    La giustizia è stata sconfitta : un processo penale che dura dieci anni e più.

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 25 giugno

“Go around Manduria” è la nuova App per gli utenti del territorio del DUC (Distretto Urbano del Commercio) di Manduria. Una mobile app che offre ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 25 giugno

Viene da Gioia del Colle il Primitivo da collezione più caro messo in vendita sul sito d’aste Ebay. Prezzi alti anche per due Primitivi ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 25 giugno

Oggi i promotori del «Comitato di salvaguardia del Primitivo di Manduria» chiama nuovamente a raccolta gli addetti ai lavori del vino ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 25 giugno

L’Archeoclub Manduria ha inviato agli assessori e consiglieri comunali manduriani l’esito della tavola rotonda ...

Tutte le news
La Redazione - oggi, mar 25 giugno

Il Gal Terre del Primitivo organizza per il prossimo 27 e 28 giugno un convegno che intreccia tradizione e innovazione dal ...

Delitto del cavalcavia, in aula "la morte in diretta" di Natale Naser Bahtijiari
La Redazione - dom 14 aprile

Nella corte d’assise del Tribunale di Taranto l'altro ieri sono state le urla di dolore e i rantoli di morte le protagoniste della quinta udienza del processo sull’uccisione di Natale Naser Bahtijiari, il ...

Trasferimento illegittimo, infermiera vince in Tibunale
La Redazione - mar 16 aprile

Il Tribunale di Taranto ha accolto il ricorso presentato da un’infermiera manduriana in servizio al distretto sanitario di via per Uggiano che contestava l’illegittimo trasferimento in un ambulatorio dello stesso distretto ma situato ...

Delitto del cavalcavia, il gestore del Bunker patteggia la pena
La Redazione - mer 17 aprile

Prima condanna per patteggiamento tra gli imputati coinvolti nel delitto del giovane leccese di etnia rom, Natale Naser Bahtijari, di 21 anni, ucciso nella notte tra il 22 e il 23 febbraio scorso e gettato nella scarpata di un ponte ...