​Dicono di me

Mimmo Olivieri

La redazione Il miniracconto
Manduria - giovedì 30 luglio 2020
Mimmo Olivieri
Mimmo Olivieri © LA VOCE

Quando persi l’uso dell’occhio destro molta gente mi fermava per commiserarmi. Poi quell’esame clinico mostrò delle lesioni cerebrali che avrebbero condizionato pesantemente la mia vita e fu l’inizio di un periodo in cui ebbi davvero fame. Ma invece di sprecare il mio tempo deprimendomi decisi che sarei tornato a scuola. Poteva anche non servire questa cosa, ma sprecare il tempo tra fumetti e televisione era più proficuo? Oggi sono ragioniere e presto gratis la mia opera ai bambini. Qualcuno dice che mi ammira per questo, ma altri dicono di me che mando a lavorare mia moglie e… Ma non dicono dove lavora mia moglie. I più dicono di me che faccio lo spaccone. Chi mi credo di essere per quei quattro o cinque diplomi che ho? Qualcuno mi chiama professore e infatti ho insegnato storia e italiano al “Mamiani”. I manduriani dicono che vorrei…: pazienza! Ho scritto e pubblicato almeno tremila di questi micro racconti e dicono che li copio: tutti? E da dove? Non dicono che ho la mia vita adesso e non sono assolutamente d’accordo.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 06 agosto 2020 alle 06:26 :

    Complimenti Mimmo!!! Rispondi a Marco

Altri articoli
Gli articoli più letti