«Ho sconfitto il coronavirus grazie a loro»

Giovanni Buccoliero e l’intera equipe del reparto di Malattie Infettive e Tropicali dell’Ospedale Moscati di Taranto

La redazione Riflettori su ...​
Manduria - mercoledì 08 aprile 2020
Orfeo Rotelli
Orfeo Rotelli © Google

Come molti ormai sapranno, sono stato uno dei primi contagiati dal coronavirus della provincia di Taranto ed ora, completamente guarito, sento il bisogno di ringraziare pubblicamente il primario, dottor Giovanni Buccoliero, e l’intera equipe del reparto di Malattie Infettive e Tropicali dell’Ospedale Moscati di Taranto dove sono stato ricoverato in gravi condizioni nelle prime ore del 16 marzo scorso.

Da addetto ai lavori, soprattutto nei primi giorni di degenza, ho avuto piuttosto chiara la severità della situazione ma la sensazione che non mi ha mai abbandonato è stata quella di essere nelle mani di colleghi e paramedici preparati e appassionati del proprio lavoro che, pur nella grande difficoltà del momento e con vera abnegazione, mi hanno trasmesso forza e fiducia anche nei momenti più difficili.

Grazie ancora, Giovanni!

Orfeo Rotelli

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Dimonopoli Giorgia ha scritto il 09 aprile 2020 alle 12:49 :

    Purtroppo è solo nei momenti più difficili della vita, come la malattia, che ci si accorge della grandezza dei nostri medici! Giovanni Buccoliero mi ha guarita l’anno scorso da una severa infezione, io gli sarò grata a vita ma tutti dovrebbero sapere che è un super Doctor! Il Moscati è il nostro fiore all’occhiello! E il pronto soccorso di Manduria è stato per me la prima ancora di salvezza! Grazie infinite a tutti! Rispondi a Dimonopoli Giorgia

  • Salvatore Dostuni ha scritto il 08 aprile 2020 alle 16:48 :

    Felici per la tua guarigione Rispondi a Salvatore Dostuni

  • Maria Puglia ha scritto il 08 aprile 2020 alle 11:37 :

    Felicissimi per la tua guarigione. Rispondi a Maria Puglia

  • Demetrio Sammarco ha scritto il 08 aprile 2020 alle 09:55 :

    Bentornato Orfeo! Siamo stati in apprensione per te ma, al contempo, certi che saresti guarito. Primo perché eri in ottime mani, secondo perché sei una "roccia"! Rispondi a Demetrio Sammarco

  • Roberto gennari ha scritto il 08 aprile 2020 alle 08:35 :

    Grande dottore....auguri e ti aspettiamo Rispondi a Roberto gennari

Altri articoli
Gli articoli più letti