L’onta della mafia e il linguaggio della politica

Capire perchè è successo serve per evitare che si ripeta: lo ha detto il giornalista Paolo Borrometi nell’incontro che si è tenuto sul comune giorni addietro e lo ha ribadito con chiarezza ieri l’onorevole Bindi.

La redazione Riflettori su ...​
Manduria - sabato 08 febbraio 2020
Almerina Raimondi
Almerina Raimondi © La Voce di Manduria

Quando il comune venne sciolto per infiltrazione mafiosa tutti abbiamo pensato che Manduria non meritava un’onta così infamante e per molti aspetti è vero: chi di noi ha pensato e pensa che anche a Manduria esiste veramente la mafia? nessuno. Ciò non ci deve sorprendere, rientriamo nella media di una piccola indagine condotta d’all'Associazione Libera in diverse città d’Italia da Nord a Sud:

- alla domanda se esiste la mafia? il 99% risponde si ;

- alla domanda se nella vostra città esiste la mafia?’ il 99% risponde no .

E’ una delle riflessioni fatte dall’onorevole Rosi Bindi durante l’incontro sulla legalità che si è tenuto l’altro ieri al teatro Don Bosco organizzato dalle scuole.

Capire perchè è successo serve per evitare che si ripeta: lo ha detto il giornalista Paolo Borrometi nell’incontro che si è tenuto sul comune giorni addietro e lo ha ribadito con chiarezza ieri l’onorevole Bindi.

La Bindi ci ha spiegato che sciogliere un comune per infiltrazione mafiosa è una procedura complessa e molto rigida, nessuno si assumerebbe la responsabilità di gettare un’onta così infamante su un’intera comunità se non dopo aver acquisito una dettagliata documentazione da sottoporre all’attenzione del presidente della Repubblica a cui spetta l’ultima parola ed ha aggiunto che non esiste comune sciolto per infiltrazione mafiosa che non “goda del consenso” a quello che viene considerato il metodo mafioso per eccellenza e cioè il voto di scambio per piccoli e grandi favori.

Il linguaggio a cui siamo abituati da sempre:

“Se mi voti ti prometto che”, “ il mio bacino di voti è”, “avrete il mio voto, i nostri voti solo se”, “siamo noi la risposta alla soluzione dei vostri problemi, dateci fiducia.”

Proviamo a utilizzare un altro linguaggio:

“Io politico non ti prometto proprio niente”, “non ho soluzioni preconfezionate”, “questi sono i problemi da risolvere, non li potremo risolvere tutti” “individuiamo insieme a quali dare priorità”, “chiedo a voi cittadini di impegnarvi attivamente ad aiutarmi a trovare le soluzioni per il bene di tutti”.

E noi. “Io cittadino mi impegno a fare la mia parte, prima di ogni cosa a fare il mio dovere di custode del bene comune e vigilerò affinchè l’amministrazione operi per il bene di tutti e non di una sola parte”.

E’ in questa relazione tra futuri amministratori e cittadini che ci si riscatta dall’onta di mafiosità, è in questa relazione che si differenzia la buona dalla cattiva amministrazione.

Ne abbiamo proprio bisogno se vogliamo che qualcosa cambi.

Almerina Raimondi

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti