​Storia di un amore

Mimmo Olivieri

La redazione Il miniracconto
Manduria - giovedì 07 novembre 2019
Mimmo Olivieri
Mimmo Olivieri © La Voce di Manduria

Successe tutto per caso. Lei aveva perso la corriera per San Marzano e tu le dicesti che la tua corriera andava a Taranto, ma passava per San Marzano. Fu facile farle delle confidenze. Era così dolce che era difficile non ispirasse fiducia. Non vi deste un appuntamento ma, quella sera, lei aspettava dove vi eravate visti la prima volta: aspettava te. Fingeste ambedue di essere sorpresi, ma avevate desiderato quell’incontro. Fare l’amore? Non ci pensavi proprio! Le raccontavi i tuoi dolori, le chiedevi un consiglio e lei sapeva essere la donna che avresti voluto come compagna della tua vita. Ma i tuoi genitori si misero ad indagare (Senza averne diritto.): chi era questa? Anche i genitori di lei volevano sapere tutto su di te: si confrontavano i borderò? Che mestiere facevi? Avevi il posto fisso? E tu ti sentisti offeso da tante “attenzioni”. Ma furono i tuoi genitori a calare l’asso quando le chiesero se era ancora vergine, come se fossero stati nel Medio Evo. Vi amavate ancora, ma il vostro amore finì sbranato dalla malignità di “genitori” antichi.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti