Nessuno tocchi tuo figlio!

Mimmo Olivieri

La redazione Il miniracconto
Manduria - venerdì 09 agosto 2019
Mimmo Olivieri
Mimmo Olivieri © La Voce di Manduria

Nella scuola ormai tutti conoscono tuo figlio per la larga disponibilità di denaro e perché possono avere da lui pasticche e spinelli a volte senza nemmeno pagarli. Il professore di storia e italiano ha preso il vizio, quando entra in classe, di dire sorridendo a tuo figlio che se gli interessa la lezione può restare in classe, o se gli è più comodo, può andare a fumare o a passare il tempo come crede, fortemente criticato dagli altri. Ma la professoressa di matematica non ci sta! Lo ha interrogato, trovandolo impreparato su tutto, e gli ha messo un brutto voto. Lui per tutta risposta le ha mollato un ceffone, quindi è stato portato dal dirigente che gli ha comminato una sospensione. Tu sei arrivata tutta avvelenata a dire che nessuno tocchi tuo figlio, perché l’educazione sei capace di darla tu e perché tuo figlio è un bambino educatissimo. Uno che picchia gli insegnanti educatissimo? Ma tu hai risposto che deve essere stato provocato o non avrebbe reagito così. Stamattina è venuto a prenderlo la Polizia, e a quelli non puoi dire che tuo figlio è educato.

Altri articoli
Gli articoli più letti