​Buoni per finta

Mimmo Olivieri

La redazione Il miniracconto
Manduria - venerdì 07 dicembre 2018
Mimmo Olivieri
Mimmo Olivieri © La Voce di Manduria

Il ragioniere respirava un poco sotto Natale. Per una quarantina di giorni poteva fare qualcosa di più per la sua associazione, viste le offerte che arrivavano, ma poi… Intanto un bambino non sarebbe guarito mai più. I medici erano stati chiari con i genitori, e quelli si erano arresi, ma il ragioniere cercava altre strade per aiutare il bimbo, le avrebbe trovate? Se mancavano soldi lui sarebbe andato volentieri a prendere per la gola quelli che si vantavano di avere fatto un’offerta: ma che offerta! Quelle passavano tutte per le sue mani, ed era lui che le metteva a bilancio, ma i Natalini non lo sapevano, si vantavano di una generosità mai avuta, e lui che doveva fare? Soltanto avere pazienza e sopportare. I Natalini si vantavano di aver prenotato il ristorante per la cena del ventiquattro e per San Silvestro. Per quel giorno sarebbero andati a trovare i parenti nelle cliniche o negli ospizi, ma solo di sfuggita. Avevano troppo da fare a organizzare il loro divertimento. Andavano anche a messa a mezzanotte, ma Gesù se ne usciva quando arrivavano loro.

Gli articoli più letti